"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

martedì 27 novembre 2012

Quella casa vicino alla ferrovia

Casa Testori è la sede dell’Associazione Testori, a Novate Milanese. È un luogo ampio e solido, la classica dimora brianzola, dove abitò lo scrittore e critico d’arte, con la sua famiglia e quella degli zii, vicinissima alla rotaia ferroviaria. In quelle stanze si è appena chiusa, nel mese di novembre, la quarta edizione della mostra “Giorni Felici” http://www.casatestori.it/


L’idea è quella di un gemellaggio ideale tra giovani artisti e artisti più conosciuti, un’esperienza davvero “felice” dove la parola “rottamazione”, tanto di moda, non ha più senso di essere. Il vecchio e il giovane, l’affermato e l’emergente, intrecciano la loro visione artistica, l’un facendo da mecenate all’altro o il secondo ponendosi sulla scia del primo. Alla manifestazione è legato infatti anche il premio al migliore tra gli artisti giovani: un incoraggiamento a continuare in un percorso non facile.

Ogni artista trova così il suo spazio, senza che pareti o soffitti, splendidamente affrescati, disturbino la visione delle opere o che, viceversa, lavori dal taglio troppo moderno stridano con ambienti, magari, arricchiti da stucchi e decori settecenteschi. Aggirandosi nella quiete dei locali, si avverte solamente il rumore del treno che passa, un fruscio che fa vibrare appena i vetri delle finestre, quasi a interrompere la quiete quasi irreale dei luoghi e a richiamare l’attenzione del visitatore sul fatto che, fuori, esista ancora un mondo.

Tra le tante opere che mi hanno colpito, desidero segnalare i lavori di una donna e di un uomo. Quelli di Tania Pistone, catanese: concrezioni magiche di color bianco, stratificazioni di segni dove la presenza del cristallo di Rocca acquisisce un significato quasi divinatorio, in cui il colore diventa sangue, o umore, che emerge http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=49793



ULISSE – 2007, Tania Pistone - Acrilico, collage e testo scritto su tela - Cm 40x40x6



Di un’intensità straziante, quasi insostenibile alla vista sono, invece, i lavori di Kei Mitsuuchi, un artista giapponese di cui non si hanno più notizie da alcuni anni. L’artista dà il suo volto e la sua figura a qualsiasi soggetto umano, a cominciare dal Cristo. Così la sua sofferta anatomia diventa la rappresentazione della condizione umana, ferita dalla corona di spine del male di vivere.

http://www.galeriefredlanzenberg.be/galeriev2/index.php?option=com_content&view=article&id=53:mitsuuchi&catid=13:artistes&Itemid=27


Sans titre, Kei Mitsuuchi - mine de pomb - 56 x 38 cm


Share:

4 commenti:

  1. Iniziativa lodevole, soprattutto per i giovani senza un mentore... !

    Stefano

    RispondiElimina
  2. Sono iniziative davvero lodevoli. Un'altra mostra che avevo visitato aveva come titolo "Il vecchio e il giovane" e presentava le opere di Milo (autore noto) e Luca Bonfanti (meno noto). Ogni opera aveva un tema comune, su cui si erano cimentati in contemporanea. Penso di redigere un post sull'argomento, a breve. A presto.

    RispondiElimina
  3. Mi verrebbe da recitare:
    "Al cor gentile, ratto s'apprende".
    Ovviamente in senso di Amore umanitario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enzo, grazie per il tuo commento! Mi ha fatto piacere rileggere uno dei miei primi, timidi post.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.