"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

lunedì 3 dicembre 2012

Il gesto dell’ombrello…


…ma non intendo il gesto volgare che accompagna la frase universalmente nota. Noto con stupore nei servizi televisivi che tanti uomini sani, dotati di arti e ancora nel fiore degli anni – e mi riferisco ai politici italiani – usano farsi reggere l’ombrello dall’assistente di turno. Non è, quindi, il gesto affettuoso di un genitore che non vuole far bagnare il figlio, o di un innamorato devoto che desidera proteggere la donna amata – e anche viceversa, beninteso! No, c’è uno stipendiato che tiene il parapioggia sulla testa di una persona che ha le mani perfettamente libere, e che di solito non ha niente di significativo da dire ai giornalisti che lo circondano, e quindi potrebbe fare da sé. Da noi il presidente Obama ha suscitato scalpore sbucando dall’aereo e scendendo la passerella con l’ombrello in mano. Sembrerebbe una banalità rispetto a tutto il resto, ma anche da queste cose si può misurare il livello della nostra classe politica.

La seguente immagine è tratta dalle collezioni del British Museum e mostra l’Imperatore della Cina che ara, seguito dal suo servo che lo ripara dal sole. La conclusione è che perlomeno lui sta lavorando!



The Emperor at plough, print; John Leech (After); Chinese man ploughing with a servant holding an umbrella over his head; proof of an illustration to T.H.Sealey, 'Chinese 'Chinese Legends', 1848, p.98. Wood-engraving on thin proofing paper. www.britishmuseum.org
Share:

2 commenti:

  1. Fantastico! Direi che esprime bene l'idea del nostro tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il punto è che ogni giorno ci forniscono materiale nuovo di zecca. A presto con un altro post sull'argomento, purtroppo.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.