"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

lunedì 24 dicembre 2012

Mondi da brividi

“L'Uomo in Nero fuggì nel deserto, ed il pistolero lo seguì.” Con questo bell’incipit inizia il romanzo “L’ultimo cavaliere” di Stephen King, che ho avuto l’avventura di leggere in questi giorni. King è conosciuto per la sua prolifica produzione di letteratura di genere horror (a torto considerata di serie B, come la fantascienza), ma è anche uno scrittore eccellente, per quel poco che ho potuto leggere, e la sua fama non ha certo bisogno di essere corroborata da una mia recensione.


Questo suo romanzo dà il via alla saga fantasy cosiddetta della Torre Nera che ha come protagonista il pistolero-cavaliere Roland. Affascinante e solitario, egli prende ad inseguire un misterioso Uomo in Nero, che sembra avere un’età antichissima ed è in possesso di poteri di vita e di morte, non solo per avere con lui una resa dei conti ma per ottenere risposte a domande che lo assillano. I protagonisti della storia fluttuano tra mondi a noi lontani e pur familiari, come se la terra avesse attraversato una sorta di cataclisma o di periodo post-atomico di cui però non ha più memoria.

I paesaggi sono deserti, allucinati e colmi di desolazione, con poche, minacciose presenze. Tutto diventa simbolo ed arcano. Alcuni luoghi assumono la funzione di oracoli, e sono disseminati di scheletri e ossa calcinate. Nelle casupole ai margini del deserto vi sono demoni abitatori di cantine. Non pare esservi possibilità di legami d’amore o d’amicizia, come quello ad esempio che Roland instaura con il bambino Jake, incontrato cammin facendo, ma solo esigenze di mera sopravvivenza. È una visione del mondo per nulla consolatoria, quella di King, dove nelle pieghe della quotidianità si insinua ed emerge la nota stridente, la mostruosità, il colore nero, il bagliore di una lama metallica o di un ultimo sole. Come a rammentarci che anche noi, come Roland, siamo viandanti di passaggio all'inseguimento di un nemico senza identità.



Share:

2 commenti:

  1. Ciao Cry
    "La nota stridente"
    è per parecchi il pepe e il sale della vita perchè dà sapore alla pietanza o se preferisci una scarica di adrenalina che diversamente, almeno per questi individui, non avrebbe senso. La mostuosità potrebbe essere l'incontrollabile esplosione verbale, fisica ancor prima mentale. Il nero è il nulla con il mondo capovolto: si prospettano occasioni per sfuggire realtà o progettarle a piacimento. Non so cosa ne pensi, ma i ragazzi e non solo ci sguazzano volentieri. Ale ringrazia e decide di leggere il romanzo.
    Wanda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Wanda,
      secondo me il vero nemico, quello che Roland insegue con tanta determinazione, si annida dentro di noi in primo luogo. Nell'Uomo in Nero, vediamo il riflesso della parte oscura che ci abita, per quello ne abbiamo tanta paura o, viceversa, ci attrae irresistibilmente.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.