"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

mercoledì 16 gennaio 2013

Alla ricerca dell'Amico

Commentare poesie è difficilissimo, così come leggerle a voce alta togliendo alla poesia, a mio parere, quella armoniosa risonanza che si ottiene solamente con gli echi della mente. Molte volte ho assistito a letture poetiche dove la voce dell'attore o dell'attrice sciupava del tutto l'arcana bellezza dei versi, per un eccesso di enfasi o la voce non adatta.

Ancora più difficile quindi spendere due parole su Jalâl ad-Dîn Rûmî, poeta mistico e uno dei più celebri Maestri sufi della sua epoca, dei cui lavori ho letto una selezione in "Poesie mistiche". A Konya in Turchia, dove visse per lungo tempo e morì nel 1273, è considerato quasi un santo. Innanzitutto è stupefacente l'intensità dei versi poetici, dove la ricerca di Dio - definito l'Amico o l'Amato - assume i connotati di un amante tangibile, con immagini tanto più ardite se si pensa che l'Islam non ne consente raffigurazioni. Dio ha quindi "il ricciolo attorto", "la guancia lucente", è visto come il padrone del falco - il poeta - che ritorna a posarsi sul Suo braccio, al richiamo del tamburo, appare come il giocatore con la mazza che insegue e colpisce la palla - ancora il poeta - ma non per respingere bensì per attrarre a Sé. In un inseguimento reciproco senza fine, proprio come in un rapporto d'amore vivo e ardente.

Questo poeta è ebbro d'amore per Dio, proprio come un ubriaco che barcolla per via del troppo vino ingerito; ma la sua è un'ebbrezza sacra, foriera di gioie ancora più perfette, che lo attendono in un misterioso Oltrespazio da cui tutti proveniamo e a cui tutti, un giorno, ritorneremo. Ineffabile quindi la danza dei suoi versi, che sembra richiamare quella mistica in cui i dervisci simulano il movimento dei pianeti nel cosmo.

Danza dei dervisci, miniatura del XVI secolo

(L'immagine è tratta dal sito http://www.mistica.info/unsufi.htm)

Così, ho scelto una delle poesie più belle scritte da questo poeta che trascende il tempo, lo spazio, la religione e la razza, per dare voce ad una delle più inguaribili nostalgie dell'essere umano, quella per il trascendente.

L'AMANTE PERFETTO



Ho bisogno d'un amante che, ogni qual volta si levi,
produca finimondi di fuoco da ogni parte del mondo! 

Voglio un cuore come inferno che soffochi il fuoco d'inferno 
sconvolga duecento mari e non rifugga dall'onde! 

Un Amante che avvolga i cieli come lini attorno alla mano 
e appenda, come lampadario, il Cero dell'Eternità, 

entri in lotta come un leone, valente come Leviathan, 
non lasci nulla che se stesso, e con se stesso anche combatta, 

e, strappati con la sua luce i settecento veli del cuore, 
dal suo trono eccelso scenda il grido di richiamo sul mondo; 

e, quando, dal settimo mare si volgerà ai monti Qâf misteriosi 
da quell'oceano lontano spanda perle in seno alla polvere! 

Jalâl ad-Dîn Rûmî 
(1207-1273)

[da: Rûmî, Poesie mistiche, a c. di Alessandro Bausani, Rizzoli BUR, Milano, 1980]

Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.