"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

mercoledì 23 gennaio 2013

Nel cerchio vibrante del sogno

Vi presento ora "Il sogno è più lungo della vita", raccolta poetica di versi di Isa Malagoni, sempre pubblicata sul sito www.ilmiolibro.it.
----

Il poeta è un animale-narciso, spesso follemente innamorato di sé in tutti i sensi: del suo aspetto fisico, se è avvenente (senza alcuna differenza tra uomo donna) e, soprattutto, della capacità di trasporre in versi un sentire che, a suo modo di vedere, è sempre di alto calibro. Il poeta si bea nel suo egocentrismo, e questa alta considerazione di sé traspare moltissimo dalle poesie, in cui la parola “io” campeggia, bene in vista o camuffata tra i versi nei modi più svariati. Nelle poesie di Isa Malagoni non c’è niente di tutto questo: l’autrice è affascinata, sì, ma non dal suo ego, bensì da uno spirito immerso in una realtà più vasta e intangibile, che nutre e da cui è nutrita. Sembra evidente che, al di là delle sue capacità espressive, derivate anche da un’estrema sensibilità personale, Isa abbia intuito, o meglio ancora visto, e veda, che cosa ci sia al di là del confine che separa questo mondo da una realtà invisibile e immateriale. Isa considera lo stato del sogno più lungo della vita, come se ormai misurasse l’esistenza umana servendosi di un metro da sarto che ha smesso di essere quello terreno, per tramutarsi in quello celeste. 


"The Lady of Shallott" di John Atkinson Grimshaw - Private Collection

C’è dunque qualcosa che va oltre la nostra stessa percezione, dice Isa, prosegue e ci sopravvive, ci immerge nell’eternità. Qualcosa che è bene cogliere con lo strumento della poesia, ma non descrivere puntigliosamente, pena il suo svanire come il profumo di un fiore, o il brillare del raggio in una stanza. Tutta la scrittura di quest’autrice è intrisa nel profondo di una dolcezza luminosa, eppure questa delicatezza è ben lungi dall’essere svenevole. I versi sono sommessi eppure vibranti, occupati in un incessante dialogo con il divino da cui non vogliono e non possono distogliersi. 

Le immagini sono semplici e vere, e fra esse ne trascrivo solo alcune, imbarazzata nella scelta: tra i vetri dell’anima respiro, dice del sogno, come se usasse l’immagine evangelica della lampada da esporre o quella, più cara alla nostra infanzia, delle ombre cinesi nella lanterna. E diventa impossibile commentare, a meno di non rovinarne l’armonia: dirigo il vento divino / tra le finestre accecate / domo cavalli fuggiaschi. La fretta restringe i pori, dice in un altro, bellissimo verso, unendo il movimento fisico ad una percezione sensoriale. Non c’è dunque alcun intento didascalico nel suo modo di fare poesia, che darebbe ai suoi versi un tono sentenzioso abbassandone l’impatto; solo ci rammenta di lasciarci bagnare il corpo / nell’acqua variopinta / l’anima nella meraviglia

Il sogno diventa così "presenza e persona" nata insieme noi, e al nostro fianco: fra le mani una verga d’oro a dischiuderci le porte di un Tempo ormai divenuto eterno.


Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie?
Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma.
Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.
I Serpenti e la Fenice non è soltanto un romanzo storico dove l’aderenza alle fonti si illumina e si scalda al fuoco dell’immaginazione, ma il racconto di un’occasione imperdibile di redenzione e amore.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.