"La Storia è un ponte fra terra e cielo": blog di storia, letteratura e arte

martedì 8 gennaio 2013

Una famiglia e un popolo, alla ribalta della Storia

È la volta di "Senza patria" di Cesar Balaban. Cesar Balaban è armeno, ma è nato e ha quasi sempre vissuto ad Aleppo, in Siria, un luogo ora così dolorosamente protagonista nei notiziari da più di un anno. Balaban vive e lavora in Italia da molto tempo. Questa autobiografia è un'ottima occasione per conoscere come si viveva nella Siria del secolo scorso, e la storia di un popolo da sempre perseguitato.


La copertina del libro

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=660516
---
La narrazione che si snoda in questo libro di Cesar Balaban, che sarebbe limitante chiamare sia romanzo sia storia autobiografica, assomiglia alla tessitura di un tappeto orientale, composto da ventiquattro capitoli come perfetti riquadri. O, se vogliamo accentuare l’aspetto fiabesco di cui spesso sono intrise le storie provenienti dal Vicino o Lontano Oriente, come una lanterna magica dalle molte figurine che s’avvicendano. Sono molti dunque gli aspetti che compongono questo romanzo, di grande valore sia come testimonianza che come narrazione, il primo dei quali è il messaggio che l’autore credo ci voglia offrire: e cioè che, al di là dei contrasti di popoli, etnie, religioni, la mescolanza comunque significa ricchezza.

Tenda rossa da un monastero di armeni di Santo Etchmiadzin, Armenia, anni 1789
Immagine tratta dal sito http://it.123rf.com/

Mi piace però in questa sede soffermarmi su un aspetto che forse non balza agli occhi immediatamente, e cioè la grande importanza che “i dialoghi”, il parlato, lo scambio, rivestono nella narrazione. Il protagonista bambino è intento ad andare a ritroso alla propria storia, che è anche la Storia di un popolo, e lo fa investigando i due rami dei nonni paterni e materni, e i suoi personali ricordi di ascolto delle conversazioni tra gli adulti. Attraverso il suo sguardo, ora candido e infantile, ora più smaliziato, la narrazione assume a tratti gli accenti surreali e gustosi di una commedia popolare (oserei dire, alla De Filippo). Questo avviene grazie appunto a dialoghi e battibecchi dai tempi tecnici perfetti, in cui gli attori giocano ognuno un ruolo ben preciso.

Quindi abbiamo la figura del nonno paterno pragmatico e mercantile, della nonna materna dolcissima e avvolgente, dall’altra nonna, la formidabile Arussiagh la cui parola era legge, dello zio Levon destinato a rompere l’equilibrio degli schemi familiari, dello straordinario padre, rispettato per la sua sagacia dai musulmani dell’Eufrate e della stessa Aleppo, della madre tenera e intelligente… La sensazione di essere coinvolti in una pièce di teatro, o che potrebbe diventare tale, viene accentuata dalla minuzia nel descrivere gli ambienti domestici – mobili, cuscini, lampadari, profumi… – che servono da quinta alla scena, ma anche altri ambienti ugualmente affascinanti, come l’hammam o il mercato delle stoffe di Aleppo.

La Storia, abile regista, affastella i suoi oggetti di scena, mette in campo i suoi scambi tra le voci recitanti. Tutto, cose e persone, risulta intriso ed investito dalla luce della memoria e dell’affetto familiare, e dalla consapevolezza che la terra di origine, l’Armenia, è sì magica, come in una fiaba o in un teatro, ma anche poco conosciuta, drammatica e dolorosamente lontana. E che va riconquistata e fatta conoscere anche con un libro: questo. Cesar Balaban c’è riuscito, e a lui va il nostro grazie. 

Yerevan, Armenia
Immagine tratta dal sito http://oursurprisingworld.com/armenia-yerevan/
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

Subscribe

* indicates required

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Ho studiato lingue straniere al liceo, e mi sono laureata in Storia con 110/110 e lode. Lavoro come redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. In ambito storico ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel Medioevo, e un altro nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

COLLABORA CON ME

COLLABORA CON ME
Clementina Daniela Sanguanini, nata anche lei a Milano nel 1963. Nella sua professione si occupa di inchieste sociali e ricerche di mercato, con specializzazione in progetti di ricerche motivazionali. La appassiona tutto ciò che concerne l’arte, la storia, la letteratura, il teatro, i viaggi, la musica e il cinema. Ha scritto un romanzo giallo, "Niente Panico", edito da Montecovello Editore. I suoi articoli pubblicati nel blog si trovano ne "L'angolo di Cle".

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando però di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.