"La Storia è un ponte fra terra e cielo": blog di storia, letteratura e arte

sabato 19 gennaio 2013

Vita breve di una violinista

La  bella copertina del romanzo, che riproduce il quadro "The Young Violinist", 1916, di George de Forest Brush

L'autrice di questo delicato romanzo, Elizabeth von Arnim, nata a Sydney in Australia  nel 1866 e cresciuta in Inghilterra, fu amica di autori come Katherine Mansfield - di cui era anche cugina - E.M. Forster e H.G. Wells. Si sposò due volte, e fu considerata una delle donne più intelligenti della sua epoca. "La storia di Christine" è un suo romanzo epistolare che raccoglie le lettere di una violinista di talento, inviata a Berlino per ricevere lezioni sotto la guida del maestro Kloster, che scrive all'adorata madre rimasta in Inghilterra. Siamo alle soglie della Prima Guerra Mondiale, nel giugno 1914, e la ragazza ignora che ben presto si troverà ad essere travolta e sbattuta come un fuscello nella tempesta, nel corso di eventi terribili e ben più grandi di lei, nemica in terra nemica.

Il romanzo è particolarmente struggente perché, con una scelta narrativa coraggiosa, l'autrice sceglie di rivelare fin dalle prime righe, per bocca della madre che apre la serie di lettere, che Christine morirà a Stoccarda nell'agosto del 1914 per una broncopolmonite doppia acuta. Durante la lettura del romanzo, quindi, siamo come spettatori, sepolti nell'ombra di un teatro, che assistono al dipanarsi del destino di una ragazza dall'immenso talento, piena di sogni e di speranze per l'avvenire - come potrebbe essere un giovane di qualsiasi epoca - che coltiva la sua arte allo scopo di assicurare a lei e alla madre una certa floridezza economica e anche per dimostrare, con tutta la naturalezza della sua età, che una donna sa suonare e che può vivere del suo lavoro.
"La giovane violinista" di Pierre-Louis-Joseph de Coninck, olio su tela
Alla sua uscita, il romanzo fu accusato di propaganda antitedesca perché attraverso le parole di Christine, prima ospite di un modesto pensionato e poi accolta presso una famiglia dell'alta nobiltà tedesca, è dipinto un ritratto al negativo del popolo germanico, sebbene con molteplici sfumature, sia attraverso i discorsi della gente comune e la sua mentalità, sia attraverso il comportamento ostile tenuto nei confronti di lei in quanto "straniera", sia attraverso la descrizione delle folle esaltate alla prospettiva della guerra. Bisogna tuttavia sapere che l'autrice perse davvero una figlia in Germania, la sedicenne Felicitas, inviata là per perfezionare i suoi studi musicali. E noi spettatori inosservati sappiamo a priori che non solo la guerra in procinto di scoppiare sarà devastante, ma i milioni di morti e di feriti, le distruzioni e il dolore non saranno ancora sufficienti e che già aleggia potentemente il terribile spirito di morte della Seconda.

Al di là del valore del romanzo, tuttavia, mi piace soffermarmi su un passo particolarmente significativo, che mostra come il delirio collettivo verso la figura dell'uomo forte può ancora colpire la mente delle folle come un'epidemia, facendo leva su pulsioni semplici e primitive. La scena descrive l'apparizione del Kaiser a Berlino, un ometto insignificante in sé, ma paragonabile ad una divinità in quanto investito di poteri imperiali, che si mostra al balcone ed è in procinto di arringare il popolo alle soglie della guerra. Christine scrive alla madre: "Oh, com'è facile infiammare le folle. Sappiamo benissimo quanto ci commuovono anche le più semplici emozioni se qualcosa fa leva sulla nostra parte più sentimentale, quella parte di noi che nonostante il passare degli anni si ritrova sempre abbracciata alle gonne di nostra madre." E, più avanti: "...la sua oratoria popolare, senza pretese, è ottima. C'erano tutti i paroloni altisonanti, i soliti paroloni che i governanti ambiziosi e avidi pronunciano fin dalla notte dei tempi: Dio, Dovere, Paese, Casa e Famiglia, Mogli, Fanciulli, d nuovo Dio e ancora Dio." Credo che possiamo farvi sopra una riflessione personale, applicandola agli avvenimenti e ai discorsi politici dei giorni nostri.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

Subscribe

* indicates required

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Ho studiato lingue straniere al liceo, e mi sono laureata in Storia con 110/110 e lode. Lavoro come redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. In ambito storico ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel Medioevo, e un altro nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

COLLABORA CON ME

COLLABORA CON ME
Clementina Daniela Sanguanini, nata anche lei a Milano nel 1963. Nella sua professione si occupa di inchieste sociali e ricerche di mercato, con specializzazione in progetti di ricerche motivazionali. La appassiona tutto ciò che concerne l’arte, la storia, la letteratura, il teatro, i viaggi, la musica e il cinema. Ha scritto un romanzo giallo, "Niente Panico", edito da Montecovello Editore. I suoi articoli pubblicati nel blog si trovano ne "L'angolo di Cle".

IL MIO ULTIMO LAVORO

Il Fuoco di Prometeo

Parigi, 1790. Alla vigilia delle nozze di Camille, Maximilien Robespierre incontra la futura sposa dell’amico e vorrebbe impedire il matrimonio. Ma accade l’impensabile e i sentimenti dell’Incorruttibile cambiano in maniera radicale. Si scatena dunque tra i due uomini una lotta feroce, riflesso della violenza crescente di una Francia sconvolta dalla rivoluzione. Tra insurrezioni di popolo, rivolte interne, guerre contro le potenze europee, i maggiori leader politici – Robespierre, Danton, Marat, Saint-Just – cercano disperatamente di arginare il caos ed evitare che la nazione sprofondi nella guerra civile. Tuttavia, nel groviglio avvelenato delle loro esistenze, gli enigmi del passato continuano a ripresentarsi, e pretendono a gran voce di essere risolti. Perché Robespierre continua a sognare un cavaliere templare di nome Jacques? Emerge così un’incredibile “storia altra”, dove nessuno è come appare e dove la verità andrà oltre ogni possibile immaginazione.

Cliccate sul titolo per scaricare un estratto

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando però di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.