"La Storia è un ponte fra terra e cielo": blog di storia, letteratura e arte

giovedì 28 febbraio 2013

La Pinacoteca di Brera: vertici d'arte italiana

Sono ritornata alla Pinacoteca di Brera (http://www.brera.beniculturali.it/) dopo molti anni. Brera è un museo a livello mondiale, eppure ben pochi italiani e, fatto ancora più grave, ben pochi milanesi, hanno mai messo piede nelle XXXVII sale che contengono capolavori celeberrimi. Ve ne propongo solo tre, tra i miei favoriti, corredandoli di un breve commento e lasciando parlare le immagini stesse.

"Cristo morto" o "Lamento sul Cristo Morto" di Andrea Mantegna (1475-1478)
Cristo morto del Mantegna

Con tutta probabilità un quadro devozionale ad uso privato, l'opera mostra il corpo di Cristo deposto dalla croce, visto in prospettiva e compianto da tre personaggi sulla sinistra. Avvolto in un lenzuolo funebre, esso mostra nella carne le ferite subite, specie nei piedi in primo piano, con buchi quasi insopportabili alla vista. Il suo colorito è livido e verdastro, colpito da una luce, altrettanto morta, che entra dalla destra. La prospettiva è schiacciata e anche errata, perché la testa e il torace risultano più grandi della parte inferiore. Si tratta di un effetto voluto dall'artista, per accentuare la grande sofferenza della composizione. La vecchia sulla sinistra, dal volto rugoso sfigurato dal dolore, che si asciuga le lacrime con un fazzoletto, è la madre di Gesù: anche questa una rappresentazione rivoluzionaria per i canoni figurativi dell'epoca, inclini a mostrare Maria sempre come una fanciulla giovane e bella. Qui davvero si rappresenta lo strazio di una madre, che piange sul corpo martoriato del figlio. Accanto a lei, Giovanni con gli occhi arrossati dal pianto e dietro di loro un'altra figura con la bocca spalancata. Altro fatto sorprendente, che richiama il taglio delle moderne fotografie, è che i personaggi dei dolenti sono incompleti.

Vi invito a esaminare l'opera nel dettaglio
con l'aiuto del relativo link a wikipedia
 http://en.wikipedia.org/wiki/Brera_Madonna.
La Pala di Brera, o Pala Montefeltro (1472 circa) di Piero della Francesca.

Si tratta di un'opera monumentale nelle dimensioni, ma dall'incerta destinazione, con un uso spaziale e luministico magistrale. La Madonna al centro tiene adagiato in grembo il bambino addormentato, con una collana di corallo simbolo della sua futura Passione, ed è attorniata da figure di angeli e santi, ognuno con i propri simboli iconografici. Sulla destra, il duca di Urbino vestito dell'armatura e inginocchiato, mostra allo spettatore il profilo sinistro, perché ha  l'altro sfigurato durante una battaglia. Sospeso sul capo della Madonna, pende un uovo di struzzo, probabilmente simbolo della vita e della creazione. Grazie alla sua perfezione geometrica e all'uso di colori raggelanti, tutta la composizione emana un senso di sospensione temporale assoluta, come un'immagine vista in qualche sogno o visione.


Dettaglio degli angeli...
... dal viso non umano, e dai capelli verdi...
(dettaglio da La Madonna di Senigallia, a Urbino)...






"Cena in Emmaus" di Caravaggio (1606)
La Cena in Emmaus di Caravaggio ha un corrispettivo nell'opera giovanile del 1601, conservata alla National Gallery di Londra ma le similitudini fra loro sono assai scarse (http://www.nationalgallery.org.uk/). La tela di Brera mostra Gesù, dopo la Resurrezione, che dopo aver viaggiato da Gerusalemme a Emmaus con due discepoli che non lo hanno riconosciuto, siede a mensa in una locanda. Ha appena spezzato il pane e lo sta benedicendo. I due discepoli lo hanno finalmente riconosciuto grazie a quel gesto, e mostrano tutto il loro stupore, richiamando nelle pose quelle delle figure dipinte da Leonardo nel Cenacolo. L'oste e l'ostessa, in piedi sullo sfondo, guardano con aria interdetta che cosa sta facendo il giovane commensale. L'oste ha la fisionomia di un uomo duro, e interessato solo a far denaro, mentre il viso di lei, grinzoso come una prugna secca, esprime tutta una vita di sacrifici e di stenti. Il contrasto tra luce e tenebra fa balzare le figure fuori dal buio - assoluto - come se fossero illuminate da un lampo. Questo rischiara nello stesso modo tutti i protagonisti di un'opera, che potrebbe essere il fotogramma di un film.
Share:

2 commenti:

  1. Attenzione, la foto 4 (dettaglio con angelo vestito d'azzurro) è sì, Piero della Francesca, ma non è un particolare della Pala Montefeltro, piuttosto della Madonna di Senigallia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, ho subito corretto la didascalia della foto, come da segnalazione.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

Subscribe

* indicates required

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Ho studiato lingue straniere al liceo, e mi sono laureata in Storia con 110/110 e lode. Lavoro come redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. In ambito storico ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel Medioevo, e un altro nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

COLLABORA CON ME

COLLABORA CON ME
Clementina Daniela Sanguanini, nata anche lei a Milano nel 1963. Nella sua professione si occupa di inchieste sociali e ricerche di mercato, con specializzazione in progetti di ricerche motivazionali. La appassiona tutto ciò che concerne l’arte, la storia, la letteratura, il teatro, i viaggi, la musica e il cinema. Ha scritto un romanzo giallo, "Niente Panico", edito da Montecovello Editore. I suoi articoli pubblicati nel blog si trovano ne "L'angolo di Cle".

IL MIO ULTIMO LAVORO

Il Fuoco di Prometeo

Parigi, 1790. Alla vigilia delle nozze di Camille, Maximilien Robespierre incontra la futura sposa dell’amico e vorrebbe impedire il matrimonio. Ma accade l’impensabile e i sentimenti dell’Incorruttibile cambiano in maniera radicale. Si scatena dunque tra i due uomini una lotta feroce, riflesso della violenza crescente di una Francia sconvolta dalla rivoluzione. Tra insurrezioni di popolo, rivolte interne, guerre contro le potenze europee, i maggiori leader politici – Robespierre, Danton, Marat, Saint-Just – cercano disperatamente di arginare il caos ed evitare che la nazione sprofondi nella guerra civile. Tuttavia, nel groviglio avvelenato delle loro esistenze, gli enigmi del passato continuano a ripresentarsi, e pretendono a gran voce di essere risolti. Perché Robespierre continua a sognare un cavaliere templare di nome Jacques? Emerge così un’incredibile “storia altra”, dove nessuno è come appare e dove la verità andrà oltre ogni possibile immaginazione.

Cliccate sul titolo per scaricare un estratto

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando però di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.