"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

mercoledì 27 marzo 2013

Ho fatto splash! / 19

La scorsa Conversazione XVI si è conclusa con il punto di vista limitato del personaggio, inserendo esempi alla prima persona. Esiste un altro modo per narrare da questo punto di vista a focale ridotta, che avviene però non più in prima ma in terza persona. Viene chiamato della “terza persona immersa”, esattamente come se la voce narrante si fosse tuffata per immergersi e nuotare in una realtà che può essere definita “il mare della narrazione”.

Proprio come qualsiasi nuotatore che si rispetti, potrà nuotare appena sotto il pelo dell’acqua, oppure scendere a fondo nell'elemento liquido che lo circonda. Un po' come avviene anche in certi stati ipnotici, in cui c'è un'ipnosi leggera o un'ipnosi profonda, a seconda dei ricordi che si vuole far salire a galla. Quindi, pur utilizzando la formula della terza persona, che garantisce un certo distacco (anche se non come quello del narratore onnisciente), ci troviamo comunque a valutare la realtà come fossimo nella testa del personaggio.

"La Gara con Sirene e Tritoni" di Collier Twentyman Smithers, 1895.
Tutta gente atletica, e che non aveva problemi a immergersi!

A seconda del livello di profondità a cui vogliamo arrivare avremo quindi:
  • INTROSPEZIONE SUPERFICIALE: il narratore riferisce i fatti così come li vede accadere attorno al personaggio; la voce utilizzata è neutra e si fa spesso uso di verbi di percezione o di altri per spiegare meglio i pensieri del protagonista ("pensò", "avvertì", "sentì", "studiò", "osservò"...);· 
  • INTROSPEZIONE PROFONDA: il narratore mostra i fatti dal punto di vista interiore del personaggio; la voce utilizzata è più coinvolta a livello emotivo; siamo dentro la testa del personaggio; un minimo distacco è garantito dal fatto che si usa la terza persona anziché la prima.
Per il narratore immergersi nell'introspezione profonda è molto più faticoso, ma assai più gratificante nei risultati. Il livello superficiale viene usato molto spesso dai narratori alle prime armi, perché è più semplice, e il rischio, sempre molto presente, è quello di rendere banale la scrittura e di non aggiungere niente di veramente interessante alla storia.

Esiste poi un altro modo di rappresentare la realtà in terza persona che è chiamato:
  • IL PUNTO DI VISTA CINEMATOGRAFICO: in questo caso è come se ci fosse una telecamera posta alle spalle del personaggio, che lo segue passo passo e registra fedelmente tutto ciò che viene osservato o colto dal personaggio stesso. Non è in grado di leggere nella mente altrui. Questo metodo garantisce la neutralità, ma non un sufficiente approfondimento del personaggio-punto di vista, e mantenere alla lunga questo modo di narrare può essere irritante per il lettore. A lui è lasciata la scelta di valutare che cosa sta accadendo, perché il narratore sospende ogni giudizio.
"Uomo che scrive una lettera" di Gabriel Metsu (1662-1665),
The National Gallery of Ireland
http://www.nationalgallery.ie/
Teniamo presente che la linea di confine tra questi tre metodi di narrazione non è mai netta, e il lettore non si rende conto se sta passando dall'uno all'altro, anche se ne avverte l’effetto sulla pagina in modo intuitivo. Scegliere il livello di introspezione significa stabilire il grado in cui vogliamo coinvolgere il lettore, ma non bisogna attenervisi alla lettera. Scrivere è anche un atto liberatorio, e deve costituire in primo luogo qualcosa che ci dà gioia e ci appaga nell'intimo. La fredda tecnica va posta in secondo piano, anche se è bene conoscere i trucchi del mestiere.

In conclusione, il miglior criterio è quello di prendere delle decisioni sul tono generale della narrazione, e poi lasciare che la scrittura fluisca liberamente, passando da un livello all'altro e mettendo in campo anche la propria sensibilità personale.

Ad esempio, se il personaggio che vedete raffigurato nel quadro dell'olandese Metsu stesse scrivendo una lettera alla sua amata, sarebbe immerso senza dubbio in un livello di introspezione molto profonda! 
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.