"La Storia è un ponte fra terra e cielo": blog di storia, letteratura e arte

mercoledì 20 marzo 2013

Il giardino della salute

"Il giardino della salute, la medicina nel medioevo" di Heinrich Schippergers non è quello che si definirebbe un libro da leggere sotto l'ombrellone, e non solo perché il tempo sia inclemente e alquanto balzano in questi giorni, e forse sdraiarsi in spiaggia con un buon libro sia comunque prematuro. Eppure è un saggio molto interessante sia per chi, come me, ama il Medioevo (e sta leggendo dei testi per fare integrazioni al Libro II, seguito al Libro I - La Terra del Tramonto, saga storica sulla Prima Crociata), sia per chi voglia approfondire la storia della medicina, in un periodo che ha ripercussioni molto profonde sulla nostra concezione attuale di salute e malattia, e cura.

Come scritto nella quarta del saggio, la medicina medievale è considerata un miscuglio obsoleto di ciarlataneria ed esoterismo e, come tutti gli stereotipi, quest'immagine ha piantato salde radici nell'immaginario collettivo. Eppure nel saggio si scopre subito, sorprendentemente, la rappresentazione di un uomo, e di un corpo umano, come un microcosmo che riflette il macrocosmo divino, specie nei trattati di Ildegarda di Bingen: monaca del 1100, mistica veggente, erborista, pittrice, musicista e dottore della Chiesa.

Nella tavola sottostante della stessa Ildegarda, ad esempio, l'uomo è posto al centro del mondo, e racchiuso dalla Trinità. L'universo si configura come un'enorme ruota ardente, chiusa da mura d'acqua, pervasa di aria e poggiante sulla terra. C'è quindi una puntuale corrispondenza tra il cosmo e l'uomo: una visione che potremmo definire olistica. L'uomo però ha tradito il patto con Dio, ha perso l'innocenza e non è più in sintonia con il creato; anzi, è il ribelle per eccellenza. Da qui l'insorgere dello stato morboso individuale fino ad arrivare alle terribili pestilenze e ai contagi che falcidiano l'umanità a scadenze storiche.

La vita diventa così un doloroso pellegrinaggio, e compito del medico non è tanto quello di ridonare all'uomo la piena salute, assistendolo dalla nascita all'età adulta fino alla morte, quando di assecondare i processi naturali di guarigione senza forzarli, e di riparare come può uno stato che non potrà mai essere perfetto come prima della caduta. Le professioni sanitarie si ramificano quindi in una miriade di figure, dai chirurghi-barbieri alle ostetriche, dai medici conventuali ai flebotomi e ai farmacisti, fino ad arrivare ai livelli più alti, dove la figura del medico coincide con quella di un vero e proprio filosofo grazie ad una preparazione in discipline non solo di carattere pratico, ma che comprendono grammatica e retorica.

La  pratica terapeutica comincia con la visita e l'anamnesi, in un contatto fisico di cui spesso si è persa traccia ai nostri giorni, focalizzati come sono molti medici sull'esame specialistico, per poi passare all'esame dei prodotti corporei, alla diagnosi e alla prescrizione dei trattamenti, tutti com'è ovvio a base di erbe di cui si ha profonda conoscenza ed esperienza. Si cerca di riparare il corpo ammalato, considerando l'operazione chirurgica solo come extrema ratio. Si sviluppano di conseguenza non solo i moderni enti ospedalieri, passando dal monastero come luogo di accoglienza e di cura a edifici di tipo laico, ma anche le facoltà di medicina universitarie dove si studia sotto la guida di un docente esperto.

Immagine dal Museo Didattico
della celebre Scuola Medica Salernitana
Molto importante in questa concezione dell'uomo inserito nei cicli vitali - ed è qui l'altro dato sorprendente - è la prevenzioneDi questa fa parte la raccomandazione della dietetica, del giusto rapporto tra luce e aria, del ritmo fra moto e quiete, delle cure balneari: in una parola di modelli di vita sana da seguire. Il che risveglia in noi la sensazione di concetti moderni, che ci sentiamo ripetere spesso e che per tanti motivi raramente applichiamo.

Auspicio non solo dell'autore è di riprendere la medicina medievale come modello di naturopatia e supportarla con le più nuove tecniche scientifiche.
Share:

2 commenti:

  1. Ho appena scoperto che a settembre si terrà il primo convegno nazionale di medicina ildegardiana (mi piacerebbe tanto assistervi, ma temo proprio che non sarà possibile), e mi sono ricordata di questo tuo vecchio post che avevo letto ma non commentato :-) La medicina medievale sarà pure obsoleta e infarcita di pregiudizi e ingenuità, ma come anche tu hai sottolineato aveva se non altro il pregio di riconoscere il legame fra mente e spirito, a differenza di quanto avviene negli 'illuminati' tempi moderni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bello ritrovarti qui a commentare questo mio vecchio post, Simona. Mi sembrano passati secoli quando l'avevo scritto, all'epoca scrivevo in maniera timida... :) Noto ora che inserivo anche delle immagini piccole, ora invece le sparo in cinemascope, se così si può dire. Con il tempo mi sono fatta più audace.

      Mamma mia, il primo convegno nazionale di medicina ildegardiana! Ildegarda è un altro dei miei modelli al femminile, era un miracolo vivente. Una donna completa sotto moltissimi aspetti.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

Subscribe

* indicates required

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Ho studiato lingue straniere al liceo, e mi sono laureata in Storia con 110/110 e lode. Lavoro come redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. In ambito storico ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel Medioevo, e un altro nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

COLLABORA CON ME

COLLABORA CON ME
Clementina Daniela Sanguanini, nata anche lei a Milano nel 1963. Nella sua professione si occupa di inchieste sociali e ricerche di mercato, con specializzazione in progetti di ricerche motivazionali. La appassiona tutto ciò che concerne l’arte, la storia, la letteratura, il teatro, i viaggi, la musica e il cinema. Ha scritto un romanzo giallo, "Niente Panico", edito da Montecovello Editore. I suoi articoli pubblicati nel blog si trovano ne "L'angolo di Cle".

IL MIO ULTIMO LAVORO

Il Fuoco di Prometeo

Parigi, 1790. Alla vigilia delle nozze di Camille, Maximilien Robespierre incontra la futura sposa dell’amico e vorrebbe impedire il matrimonio. Ma accade l’impensabile e i sentimenti dell’Incorruttibile cambiano in maniera radicale. Si scatena dunque tra i due uomini una lotta feroce, riflesso della violenza crescente di una Francia sconvolta dalla rivoluzione. Tra insurrezioni di popolo, rivolte interne, guerre contro le potenze europee, i maggiori leader politici – Robespierre, Danton, Marat, Saint-Just – cercano disperatamente di arginare il caos ed evitare che la nazione sprofondi nella guerra civile. Tuttavia, nel groviglio avvelenato delle loro esistenze, gli enigmi del passato continuano a ripresentarsi, e pretendono a gran voce di essere risolti. Perché Robespierre continua a sognare un cavaliere templare di nome Jacques? Emerge così un’incredibile “storia altra”, dove nessuno è come appare e dove la verità andrà oltre ogni possibile immaginazione.

Cliccate sul titolo per scaricare un estratto

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando però di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.