"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

giovedì 14 marzo 2013

Io e i miei piedi

I piedi sono le fondamenta della nostra casa-corpo, quelli che ci permettono di passeggiare, di correre, di saltare, di ballare se ne abbiamo voglia. Purtroppo sono anche quelle propaggini dei nostri arti inferiori in assoluto più disprezzate e bistrattate: li costringiamo in scarpe non traspiranti o dalla punta triangolare, o li strizziamo in numeri più piccoli di quelli che effettivamente abbiamo. O, ancora peggio, per seguire la moda li costringiamo a rimanere in equilibrio su tacchi vertiginosi o, viceversa, a poggiare sulla terra per mancanza assoluta dei suddetti tacchi, con grande sbilanciamento della spina dorsale e conseguenti mal di schiena.

La copertina del libro
Nel romanzo umoristico di Stella Stollo, "Io e i miei piedi", il personaggio principale, Mirco, un giovane appena laureato, narra in prima persona le sue disavventure e di come i suoi piedi abbiano determinato una svolta inaspettata e salvifica nella sua esistenza. Sottoposto all'influenza delle due temibili donne del romanzo, l'intraprendente e assertiva Annalisa, la madre, e Barbara, la fidanzata "acqua cheta" dalle idee invero chiarissime e dalle strategie prussiane, il protagonista si trova suo malgrado incanalato in una vita fatta di obbedienza a schemi sociali di comportamento, più sfumati ai giorni nostri che in passato, ma non per questo meno opprimenti.

Non ha però fatto i conti con i suoi piedi che, come i migliori fra gli psicanalisti, e in modo del tutto gratuito, cominciano a segnalare con pruriti e gonfiori ogni volta che accade uno scollamento tra le aspirazioni dell'io di Mirco e quello che invece gli viene imposto dall'esterno. Gli attacchi del suo misterioso male, dapprima blandi, si susseguono con intensità crescente, fra consulti presso specialisti, pomate, unguenti e rimedi svariati, mentre i piedi, ormai in piena rivolta, rifiutano qualsiasi cura e, anzi, non riescono nemmeno a rimanere chiusi in un paio di calzature per il tempo necessario ad affrontare un colloquio di lavoro.

Ganesh, il dio indiano della danza,
e come tale grande
utilizzatore di piedi!
Nel suo libro Stella Stollo usa un linguaggio leggero, arguto e piacevolissimo, descrivendo scene che ci regalano momenti di autentico buonumore e profonda immedesimazione. In fondo, quante volte anche noi ci siamo trovati prigionieri di situazioni dove avremmo compiuto ben altre scelte e dove, per timore di deludere o pigrizia congenita, ci siamo adeguati a quello che gli altri chiedevano da noi in modo più o meno velato? Se solo avessimo avuto i piedi di Mirco come consiglieri! I piedi, veri protagonisti, dopo aver scatenato la crisi e aver travolto l'ordine costituito, costituiranno alla fine l'elemento risolutore... proprio come un deus ex machina secondo le migliori tradizioni della narrativa. Pardon, come due veri dei ex machina!
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.