"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

venerdì 8 marzo 2013

L'esistenza, tra respiro e palpito


La copertina, con la veduta
del vulcano Stromboli al tramonto
A chi legge la raccolta poetica Tra respiro e palpito di Salvatore Dominello sembrerà troppo semplice chiamare in causa la professione che egli svolge: quella di medico. In realtà, sottovalutare la cosa sarebbe un errore, perché in molti dei componimenti poetici dell’autore c’è davvero il senso della concretezza dell’esistenza, quasi della sua organicità, come se la realtà attorno a lui, a partire dalla natura, assuma la complessità, il mistero e la qualità di un essere vivente. 

Non è il suo, tuttavia, uno sguardo scientifico o tecnico, di necessità privo di calore, al contrario. Il paradosso è proprio questo, vista l’età dell’autore e la sua lunga esperienza professionale ed umana: quello del tentativo forse inconsapevole di recuperare quella freschezza nello sguardo, appartenente ad un tempo ormai trascorso, che egli sa di non possedere più. 

Ecco quindi che troviamo poesie-lettere, in forma di omaggio, dedicate al padre o alla madre –  oppure alla sua terra d’origine, la Calabria (“Ceneri”), ed ecco che ritorna quel senso di materialità e di radici – o a personaggi come immersi nell’alone mitico del ricordo (Mastro Turi – “lo scarparo”) – o alle forme più umili, che davvero si nutrono dell’amorevole terra stessa (“Un verme”). Lo sguardo di chi non ha ancora terminato quella lunga fase di stupore propria di un’anima molto giovane, e ancora inesperta, però, è destinato a velarsi, e il tono poetico a farsi amaro. Non solo di fronte alle varie e multiformi ingiustizie della vita, ai compromessi più ignobili tra i corrotti, al soccombere dei deboli in un tessuto sociale ormai sfilacciato – ma anche rispetto all’incomprensibile presenza della sofferenza e del dolore, o della morte prematura.

Appartenenti a questo filone troviamo dunque “Clochard” (un’esistenza alla deriva, “tramonti senza aurore”), “La strada e il binario” (che riporta le memorie della fanciullezza, ma coniuga l’orrore dell’Olocausto alla visione dei lavoratori neri a Rosarno,  la brutale realtà di vite “come fuscelli”), “Il tunnel” (il “film muto” della depressione), “Centauro” (ispirata all’incidente in cui perse la vita Simoncelli), e da questo sguardo mutato deriva l’incomprensione dell’autore, e la sua conseguente ribellione. La differenza tra lo sguardo puro dell’adolescente e quello amaro, giudicante dell’adulto si è fatta ormai dolorosa, e l’esistenza sembra svuotarsi di un suo senso.

Centauro 

Echeggia un grido nel cielo, 
romba il motore sul fuggente asfalto, 
un’impennata, 
lo schianto, 
un boato! 
Ed improvviso il silenzio! 
Nel cielo uno squarcio! 

Non era ancora il tempo del traguardo. 

(maggio 2012)



Simoncelli sulla Honda RC212V a Laguna Seca
nel Gran Premio degli Stati Uniti d'America del 2010
(Fonte: motoracereports - Picasa, Licenza Creative Commons)

Di più, questo processo comporta sia la perdita di identità nella malattia mentale (“L’astratto”) sia del significato del proprio operare nel mondo (“Nell’anima”); da qui la scelta e l’insorgere di frasi o vocaboli avviliti, o dal sapore mercenario (“un corpo senza ali”, “giannizzero”, “mi abbarbico dentro”…). Il poeta pare sul punto di soccombere, di lasciarsi andare, almeno in senso metafisico, come una di quelle esistenze smarrite che ha rese protagoniste dei suoi componimenti poetici più toccanti. Ma si rivelano attimi passeggeri, subito superati: e la concretezza dell’autore gli viene in soccorso, il suo sguardo ritorna fattivo, il suo bisogno di agire gli riporta forza nel componimento poetico. Si riprende a percorrere il cammino (“Il rumore della vita”, “Dentro la luce di un giorno”). 


Gustave Courbet (1819-1877)
The Wounded Man Between 1844 and 1854
Oil on canvas H. 81,5 ; L. 97,5 cm 
Paris, Musée d'Orsay© photo RMN 
Nell’anima

Nelle memorie,
inerme e stagnante,
io non so leggere
i segni dei miei sogni,
scivolo via vilmente,
e mi sottraggo,
per non sentirmi stanco,
e mi rannicchio,
mi abbarbico dentro
e più non sento,
distaccato e spento,
avulso dal contesto,
da ignobili insulti,
ostentazioni melense,
tacito e impietrito,
dormo.

                                                                                                                  
E, soprattutto, si comprende come la grande protagonista di questa raccolta sia una sola: la Vita, con la sua energia e il suo flusso incessante. E che il titolo scelto dall’autore – il respiro e il palpito – il primo, intangibile e volatile, il secondo, appena più potente – sia in fondo la celebrazione di questa forza, dall’origine sconosciuta. Essa ci porta sempre avanti, malgrado le nostre resistenze e malinconie, come un’onda dal ritmo incessante… allo stesso modo, nella copertina della raccolta, l’immagine scelta diventa quella dell’esistenza dell’autore. Esistenza nella scabra concretezza della terra, con la sua solidità ma anche con le sue punte aguzze, nella distesa placida delle acque, nella presenza misteriosa del vulcano all’orizzonte, nel chiarore luminoso di un cielo che può essere quello della sera o di una nuova alba.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.