"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

giovedì 4 aprile 2013

Il fascino del vampiro-donna

Qualche tempo fa mi è capitato di visitare la mostra "Dracula" alla Triennale di Milano, e di leggere nella sezione letteraria  il riferimento alla donna-vampiro Carmilla come l'equivalente al femminile del più famoso collega dagli aguzzi canini, generato dalla fantasia di Bram Stoker. Ho potuto ora leggere questo famoso racconto del 1872 dello scrittore irlandese Joseph Sheridan Le Fanu, che porta il nome della protagonista, il quale è anche, anagrammato, Millarca o Mircalla. Il racconto è scritto in maniera molto raffinata, e la storia possiede un suo ambiguo fascino erotico, malgrado sfumato con l'eleganza dello stile e del tempo in cui fu scritta la vicenda. La fanciulla Carmilla esercita difatti le sue arti più sottili proprio sulle sue coetanee, che seduce tramite un misto di passione sensuale e aderenza spirituale, proprio come se fosse l'altra faccia di una medaglia nascosta, quella più oscura, che si annida nell'anima delle sue vittime.

La copertina del libro, con "Carmilla"
e altri racconti
Proprio per questo motivo sembrano non aver scampo, una volta entrate nel raggio d'influenza di questa ragazza-vampiro, e solo il caso o fortuite coincidenze possono sottrarle al loro destino, e farle sopravvivere. Carmilla sbuca, invariabilmente, dalla notte, come se ne fosse generata, ed è bellissima e giovanissima, ma in realtà proviene da un tempo remoto e si perpetua tramite il sangue delle vittime. Come Dracula, sembra essere un guscio svuotato di spirito, che si muove ormai per una coazione a ripetere. Nonostante possa essere sconfitta, lascia comunque tracce di sé nel ricordo e nel sogno.

L'edizione che ho letto contiene altri racconti di gran calibro, tra cui segnalo l'agghiacciante "Il fantasma della signora Crowl", che riesce a far scaturire brividi persino nelle nostre schiene di lettori temprati a ogni sorta di racconti dell'orrido.

Del resto, anche lo scrittore di queste storie era un uomo singolare, né potrebbe essere altrimenti per chi voglia davvero immergersi fin nel midollo in questo mondo di tenebra e imparare a conoscere sul serio queste creature demoniache. Nel 1916 il suo figlio minore rivela: "Il suo metodo di lavoro era alquanto particolare. Usava scrivere soprattutto di notte, a letto, adoperando dei grossi quaderni rilegati. Vi erano sempre due candele sul comodino, e una di queste veniva lasciata accesa anche mentre si concedeva qualche breve sonno. Risvegliatosi verso le due del mattino, si preparava del tè molto forte - ne beveva tantissimo - poi scriveva ancora un'ora o due e in quel periodo strano della notte in cui la vitalità umana sembra venire meno e si dice che le potenze occulte prendano il sopravvento. Non c'è quindi troppo da stupirsi, con il cervello così costantemente in attività giorno e notte a creare vicende terribili e misteriose, se Le Fanu fu spessissimo tormentato da sogni orrendi."

Ritratto dello scrittore
Il Principe Invisibile, come veniva chiamato lo scrittore dagli amici per la sua tendenza all'isolamento sociale, morì per un collasso cardiaco nel 1873. Anche per chi ritiene che i vampiri non esistono, si può sempre pensare che essi si annidino nei recessi della propria mente, e costituiscano quei grumi oscuri che, solitamente, non vedono la luce nelle esistenze ordinarie. A meno di non risvegliarli stimolando l'immaginazione e la penna, e darvi corpo come fece Le Fanu. Se Le Fanu abbia  davvero incontrato Carmilla non è dato sapere; ma a chiunque si accosti davvero a questi mondi di tenebra è richiesto, presto o tardi, di pagare lo scotto della conoscenza.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie?
Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma.
Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.
I Serpenti e la Fenice non è soltanto un romanzo storico dove l’aderenza alle fonti si illumina e si scalda al fuoco dell’immaginazione, ma il racconto di un’occasione imperdibile di redenzione e amore.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.