"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

lunedì 1 aprile 2013

Un atto teatrale: Il Canarino

Questo atto teatrale unico è un omaggio ad una persona speciale, che visse all'epoca della Rivoluzione Francese e morì sulla ghigliottina il 5 aprile 1794. Era una delle penne più acuminate della Rivoluzione e una personalità brillante e focosa. Come accade alla maggior parte di noi esseri umani, specie sotto l'incalzare di momenti storici non facili, compì errori servendosi anche di queste sue qualità letterarie; ma era senza dubbio una voce libera, e pagò con la vita la sua sete di libertà e giustizia.

Malgrado sia poco nota se non agli appassionati del periodo, questa figura di scrittore e giornalista mi ha sempre affascinato per le sue vicende politiche e umane, e nel 1995 mi ispirò questo atto unico teatrale, che fu premiato l'anno successivo nel corso di una manifestazione culturale indetta dal comune di La Spezia.

L’atto ha luogo nella notte fra il 4 e il 5 aprile 1794, in pieno Terrore rivoluzionario. Nella sua cella alla Conciergerie di Parigi, un giovane condannato a morte - la persona a cui mi riferisco - è stato separato dai compagni per ricevere la visita di un misterioso, piccolo uomo elegantemente vestito, dai felini, glaciali occhi verdi posti in un volto scarno. Durante il loro colloquio notturno, prende corpo sia la drammaticità del momento storico, grazie a flash-back che conferiscono spessore temporale all'azione, sia la raffigurazione dei sentimenti politici e delle passioni umane. Il confronto tra i due uomini, dapprima pacato, nel rinvangare affetti, promesse, ideali, tradimenti del passato, si tramuta in un crescente gioco al massacro che diventa via via più crudele e sadico.

"L'appel des dernières victimes de la Terreur à la prison Saint Lazare" (1850)
di Charles-Louis Muller (1815-1892)

Lo spettatore viene così a conoscenza dei legami dietro le quinte della Storia ufficiale, e delle ragioni effettive celate dietro i comportamenti ("Niente è come appare"), ma durante l'azione scenica può indovinare solo l’identità di uno dei due interlocutori, famosissimo. Alla fine dell’atto, una voce fuori campo rivela nomi e destini di carnefici e vittime, nello stupefacente compimento di una giustizia terrena che sembra preludere a quella di un Tribunale non più rivoluzionario, ma divino.

Non so se questo drammatico confronto abbia mai avuto luogo, anche se mi piace pensare di sì. E non so nemmeno se lui fosse così come lo rappresento nell'atto, sia nell'aspetto fisico (ci sono dei ritratti che credo non gli rendono giustizia...) che caratteriale. Però mi piacerebbe farvelo conoscere attraverso questo scritto, e per questo ho creato su lulu un link con un PDF dell'atto teatrale scaricabile gratuitamente:
http://www.lulu.com/shop/cristina-m-cavaliere/il-canarino/ebook/product-20951000.html

Non a caso l'ho reso visibile proprio in questa prima settimana di aprile, in memoria della sua morte. Pur essendo stato premiato, purtroppo lo spettacolo non è mai stato rappresentato, ma... chissà... le vie del web, a questo punto, sono infinite!
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.