"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

mercoledì 29 maggio 2013

Il dialogo, un ping pong dai tempi perfetti / 24

La stesura di un dialogo nell'economia di un romanzo o di un racconto all'apparenza sembra facile, e nello stesso tempo non lo è. Alcuni scrittori sono convinti che i dialoghi siano la parte meno impegnativa della scrittura, e vi dedicano meno tempo. Spesso questi scrittori sembrano dimenticare una regola importante quando scrivono i dialoghi, cioè il presupposto che il lettore non si trova davanti ad uno schermo televisivo o al cinema, ma ad una pagina densamente popolata di lettere e parole con spazi bianchi in mezzo. Quindi è come un cieco e come tale deve essere aiutato a vedere il mondo che lo scrittore stesso ha in mente.

Ci sono alcune linee guida che possono essere tenute presente nel costruire un dialogo ben fatto:

  1. è davvero utile inserire il dialogo in un determinato punto della narrazione?
  2. quali e quanto sono i personaggi coinvolti?
  3. qual è l'oggetto della loro discussione
  4. che cosa permette al lettore di identificarli quando parlano? come delineare al meglio il passaggio dall'uno all'altro?

Facciamo qualche riflessione insieme:

1. Per stabilire la reale utilità dell'inserimento di un dialogo, occorre capire se i personaggi hanno qualcosa di così importante da dire da "chiedere la parola", in un certo senso, come avvocati nell'aula di un Tribunale. D'altro canto anche presentare una serie di pagine troppo descrittive, senza nessuna pausa, rischia di appesantire molto la narrazione. Un buon espediente potrebbe essere quello di sostituire al dialogo una descrizione, per vedere se la cosa funziona; o, viceversa, sostituire alla descrizione il dialogo. Occorre inoltre valutare se sia meglio rendere il dialogo con il discorso indiretto o con il discorso diretto. Il discorso indiretto si usa molto nei gialli e nei romanzi d'azione, e qui alcuni scrittori scelgono di non rivelare al lettore tutti i particolari, con delle vere e proprie omissioni che aumenteranno la suspense. Il lettore non è informato su tutto ciò che accade, e comunque sa o sospetta che gli si stanno negando delle informazioni; ma questo di solito, anziché indisporlo, lo incuriosisce e lo stimola ad usare la materia grigia per scoprire che cosa gli si sta nascondendo. Il discorso indiretto si usa quando un personaggio deve riferire ad un altro un fatto avvenuto in precedenza, di cui il lettore è già a conoscenza. Inutile dire che il discorso diretto è molto più vivace e sbrigliato.

Conversazione di Pierre-Auguste Renoir
... se lui le sta rivolgendo parole d'amore,
molto meglio il discorso diretto! ...

2. Dopo aver deciso che sì, nel nostro tessuto narrativo varrebbe la pena inserire un dialogo, valuteremo il numero dei partecipanti. Anche qui, è bene che non siano moltissimi, per questioni di chiarezza. Come nella vita quotidiana, più persone intervengono in un dibattito più si crea confusione (vedi ad esempio certi talk show televisivi di politica, in cui ci sono troppi ospiti che si accavallano, e un conduttore che contribuisce ad aumentare la confusione interrompendo chi parla e dando la parola all'uno o all'altro a seconda delle sue personali simpatie politiche), così anche nel nostro dialogo ci limiteremo ai partecipanti indispensabili e cureremo bene ciò che hanno da dirsi.

Discussione letteraria del grande Honoré Daumier (1864)
Questa stampa assomiglia molto a certi programmi
d'intrattenimento televisivo. In fondo
non siamo per nulla cambiati!

3. L'argomento (suddivisibile in soggetto = quello di cui si parla e tema = ciò che viene detto) deve essere ben chiaro all'interno del dialogo. A differenza della vita, in cui ciascuno di noi può anche parlare a vuoto senza che gliene venga fatta una colpa, in un romanzo il dialogo deve essere ordinato e chiaro. Se i personaggi si parlano, è certo che abbiano qualcosa di importante da comunicare, sebbene questo qualcosa possa essere esplicito, o sottinteso per uno o più di uno di loro.


Paesaggio con figure di George Tooker
Siate ordinati nello scrivere un dialogo, ma non esagerate!
... come nell'inquietante quadro di Tooker...

4. Nel discorso diretto di un dialogo, occorre rendere i turni di parola, con verbi come "disse", "obiettò", "commentò" ecc. In inglese si chiamano turn ancillaries e anche tag lines, e hanno la funzione di indicare chi sta parlando. Sono come dei piccoli supporti o marcatori. Ci potrebbe essere anche qualche risvolto psicologico per riconoscerli, ad esempio un certo intercalare, un linguaggio particolare come lo slang o il dialetto, ecc.). Attenzione anche a segnalare bene chi sta parlando, indicando il nome oppure il pronome o anche il soprannome per evitare ripetizioni. Sono tutti escamotage che permettono allo scrittore di fare chiarezza, e al povero lettore di non faticare su questioni del tutto irrilevanti.

N.B. Chicca conclusiva: non ci crederete, ma ho fatto una gran fatica a trovare dipinti di persone che "parlano" veramente. Significativo, non trovate?
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.