"La Storia è un ponte fra terra e cielo": blog di storia, letteratura e arte

sabato 4 maggio 2013

Una Storia Fiorentina - 10ma puntata

“L’estate si annuncia caldissima, gravida di raccolti opulenti. Una specie di sazia immobilità rende pigre le voci degli uccelli, lento lo scorrere del’acqua nella fontana. Le figlie del cielo sostano lungamente, prima che un soffio di vento le sospinga ancora nel loro eterno sfarsi e vagare. Nel giardino, all'ombra del grande albero, le ragazze ricamano o compongono ghirlande di fiori. Una di loro legge ad alta voce versi d’un poema:


La ninfa non si cura dello amante; 

la bella ninfa che di sasso ha il core,
anzi di ferro, anzi l’ha di diamante:
ella fugge da me…


La lettrice tace ed alza lo sguardo, temendo di leggere sul viso della sua padrona una straccia di stanchezza, ma la giovane donna le fa cenno di continuare. Bianca giace sofferente, indebolita dalla gestazione e dalla sua immobilità forzata. I medici le hanno pronosticato una gravidanza difficile e Bernardo, che alla notizia del suo stato è impazzito di gioia, le ha subito imposto un riposo simile ad una segregazione.

"Madonna del Parto" di Antonio Veneziano -
Montefiesole, tardo 1300
Tuttavia, nell'aria satura di calore, percorsa dai versi crudeli, Bianca non pensa all'uomo tradito, ma all'altro… all'altro che ella ha allontanato da sé per sempre. Guido è là, nelle vie assolate di Firenze, astro impazzito nel fuoco della sua ira e della sua passione, ed uno spasimo interiore di tenerezza la riporta, malgrado tutto, verso di lui. Ella sa, però, che nella mente dell’uomo – come i lontani bagliori d’estate accesi nell'enorme specchio oscuro del cielo – guizza la follia. Con la mano posata sul ventre, Bianca ascolta un movimento ch'è la sicurezza di una vita. In quella sonnolenta oscurità, dorme il figlio d’una mente solcata dai lampi, ed ella prega perché non riceva dal padre quel dono grande ed amaro.

 * * *

In una notte senza pioggia, dopo un travaglio infinito, Bianca respinge il suo fardello di carne, mordendosi le labbra a sangue per non gridare. È un lungo attimo, e poi nasce suo figlio. Suo figlio… ella ode il suo primo pianto raggiungerla attraverso le nebbie dell’incoscienza e del dolore… L’ombra della levatrice si muove al suo fianco, mani la sorreggono, l’acqua gocciola in una bacinella, ella avverte il tepore dei panni caldi e il sentore forte di un cordiale… ed infine vede suo figlio, postole tra le braccia: una peluria bionda sulla piccola testa, gli occhi, ancora acquosi, ma azzurri, la bocca fine, con una piega di sdegno: è Guido, che le appartiene per sempre.

"L'adorazione dei Magi" di Leonardo da Vinci 1481-1482
Galleria degli Uffizi, Firenze
http://www.polomuseale.firenze.it/musei/?m=uffizi
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

Subscribe

* indicates required

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Ho studiato lingue straniere al liceo, e mi sono laureata in Storia con 110/110 e lode. Lavoro come redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. In ambito storico ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel Medioevo, e un altro nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

COLLABORA CON ME

COLLABORA CON ME
Clementina Daniela Sanguanini, nata anche lei a Milano nel 1963. Nella sua professione si occupa di inchieste sociali e ricerche di mercato, con specializzazione in progetti di ricerche motivazionali. La appassiona tutto ciò che concerne l’arte, la storia, la letteratura, il teatro, i viaggi, la musica e il cinema. Ha scritto un romanzo giallo, "Niente Panico", edito da Montecovello Editore. I suoi articoli pubblicati nel blog si trovano ne "L'angolo di Cle".

IL MIO ULTIMO LAVORO

Il Fuoco di Prometeo

Parigi, 1790. Alla vigilia delle nozze di Camille, Maximilien Robespierre incontra la futura sposa dell’amico e vorrebbe impedire il matrimonio. Ma accade l’impensabile e i sentimenti dell’Incorruttibile cambiano in maniera radicale. Si scatena dunque tra i due uomini una lotta feroce, riflesso della violenza crescente di una Francia sconvolta dalla rivoluzione. Tra insurrezioni di popolo, rivolte interne, guerre contro le potenze europee, i maggiori leader politici – Robespierre, Danton, Marat, Saint-Just – cercano disperatamente di arginare il caos ed evitare che la nazione sprofondi nella guerra civile. Tuttavia, nel groviglio avvelenato delle loro esistenze, gli enigmi del passato continuano a ripresentarsi, e pretendono a gran voce di essere risolti. Perché Robespierre continua a sognare un cavaliere templare di nome Jacques? Emerge così un’incredibile “storia altra”, dove nessuno è come appare e dove la verità andrà oltre ogni possibile immaginazione.

Cliccate sul titolo per scaricare un estratto

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando però di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.