"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

sabato 11 maggio 2013

Una Storia Fiorentina - 11ma puntata

"Vergine e Bambino" di Leonardo da Vinci
La madre ed il figlio, come Danae col suo piccolo Perseo dopo un viaggio lungo e periglioso, sono giunti infine ad un rifugio d’ombre e di tepore. Bianca siede accanto al letto, col bambino attaccato al seno: ha ottenuto d’allattarlo lei stessa, contraria all’idea della sistemazione in campagna, presso una balia ladra d’affetti. 

Nel lungo rito del nutrimento, Bianca-Danae pensa a colui che l’ha resa madre, e da quel pensiero sorge Guido, come Zeus dalla pioggia dorata. La trafigge, allora, il rimorso; incalza, di nuovo, la passione. Per disperdere entrambi, ella guarda il viso di suo figlio: ma quei lineamenti la rimandano a Bernardo, il quale, patetico ed ignaro – così ella pensa – non riconosce o finge di non riconoscere una rassomiglianza evidente…

Un rumore nella stanza le fa sollevare lo sguardo. Evocato dai suoi stessi pensieri, davanti a lei è Guido. Il suo sguardo, sfigurato dalla gelosia, si posa stavolta sul bambino. In un attimo, Bianca vi legge la lotta tra la sanità e la follia: le vede sprofondare, poi riemergere, avvinghiate nell’odio o esultanti nella vittoria, e con un movimento istintivo della mano sottrae suo figlio a quegli sguardi roridi di morte.

Guido le scocca uno sguardo di risentimento implacabile, ed esce dalla stanza.

* * *

Nella bottega delle stoffe che s’affaccia sull’Arno, gli scampoli s’impilano in torri salde ed ordinate. Guidate dalle mani esperte del bottegaio, quelle torri immobili si animano: un piano è staccato e, sul banco, inizia a ruotare su se stesso: la stoffa si sprigiona in belle onde armoniose, ed infine si dispiega sul banco in un volo radente. Sopra di essa si precipita a cascata un’altra stoffa, rivale in ricami e colori; e, sopra quella, un’altra ancora, finché il banco non si trasforma in un rincorrersi e spumeggiare di onde preziose. Tessuti diasprati di Lucca, damaschi di Venezia, sete della stessa Firenze… le mani di Bianca corrono su quelle stoffe, che al tatto la tentano con lusinghe diverse, mentre gli occhi si posano sul cremisi, sul turchese, sul madreperlaceo, incerti su quale preferenza accordare.

La giovane donna sceglie infine un broccato scarlatto, con cui intende confezionare un vestito stretto alla vita, ritornata snella dopo la gravidanza, con una scollatura tonda e ampie maniche e, dopo aver pagato, esce dalla bottega.

Sulla strada di casa, però, la gioia dell’acquisto lascia il posto all'inquietudine. Un passo dopo l’altro, ella si dirige verso casa, col cuore che le batte a precipizio: Bernardo è assente ed ella è pentita d’aver lasciato suo figlio, sia pure per un’ora soltanto, alle cure d’una delle sue ragazze. In casa, ella sale le scale a volo d’uccello, e subito le viene addosso una domestica, balbettando parole sconnesse.

La finestra della sua camera è aperta: appesa al soffitto, la culla di vimini, piccola barca trasportata dalla corrente, oscilla lievemente, vuota.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.