"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

sabato 18 maggio 2013

Una Storia Fiorentina - 12ma puntata

Come una sonnambula che cammina sui bordi di un pozzo oscuro, profondissimo, Bianca cerca per le strade di Firenze sconvolte dal Carnevale, cerca il rapitore di suo figlio. I visi delle maschere, deformi, volgari, le passano accanto velocissimi; i cavalli, bardati a festa, scalpitano e s’impennano; i suoni dei pifferi bucano l’aria, striduli e dissonanti; esseri grotteschi e disarticolati accennano passi di danza. Sui carri carnascialeschi, baccanti e fauni si stringono in abbracci osceni, fanciulli dallo sguardo perverso ammiccano alla folla.


Ciascun suoni, balli e canti! 
Arda di dolcezza il core! 
Non fatica, non dolore! 
Ciò ch’a a esser, convien sia. 
Chi vuol esser lieto, sia: 
di doman, non c’è certezza.



Un gruppo di maschere corre verso di lei, investendola in un volo d’abiti colorati, poi torna indietro e, circondatala, le danza intorno – girotondo di nasi aguzzi, di sorrisi indecifrabili. Quel vortice di teste e di colori che la tiene prigioniera aumenta la sua angoscia. Improvvisamente ella crede di vedere, dietro una di quelle maschere, gli occhi di Guido, sconvolti dalla follia, e la visione d’un infanticidio la trafigge. Si fa largo fra le maschere, corre via. Esse, ridendo, la inseguono per un tratto; poi si disperdono, attirate altrove.

"La battaglia tra Quaresima e Carnevale" di Pieter Bruegel il Vecchio
(1559) - Kunsthistorisches Museum, Vienna

Stordita, la giovane donna prosegue il suo cammino senza meta. Nel cielo di Firenze, sopra le vie rigurgitanti di sete e di arazzi, vociferanti di folla, vorticanti di danze, risonanti di banchetti e risate, si stende una protuberanza cinerea, enorme come il ventre d’un drago, s’allarga a dismisura, si riempie di balenii spettrali. Nella piazza di San Lorenzo, il Carnevale, incalzato dal temporale imminente, si sta disperdendo: uomini e donne attraversano la piazza di corsa, imposte e porte di case e botteghe sbattono, nuvole di polvere di sollevano fra una tavolata e l’altra. 

"La Donna velata" di Raffaello Sanzio,
c. 1514, Palazzo Pitti, Firenze
http://www.polomuseale.firenze.it/musei/?m=palazzopitti
Nel silenzio fattosi vigile, si ode nascere il brontolio del tuono. Gli stendardi si muovono appena, le case sono scosse fin nelle fondamenta. Mentre i lampi si succedono ai lampi, Bianca, inginocchiata in San Lorenzo, prega, col viso nascosto fra le mani.

* * *

A temporale cessato, Bianca esce dalla chiesa. Nella piazza deserta, giacciono le rovine del Carnevale, disperse e spazzate dal vento come i resti di un naufragio su una spiaggia.

Guido avanza verso di lei, col bimbo, vivo, avvolto nella pieghe della cappa, e glielo pone tra le braccia. Le dice: “Perdonami, e abbi cura di lui.” Poi, senza proferire altre parole, si allontana attraverso le rovine della festa, così simile ad un fantasma senza pace.”

* * *

La Donna dell’affresco tace, poi aggiunge: “Non l’avrei più rivisto per un tempo infinito.”
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.