"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

sabato 8 giugno 2013

Una Storia Fiorentina - 15ma puntata

Nella sala da pranzo, Bianca siede fra gli ultimi resti della festa appena trascorsa. Attorno a lei, quella sera gli ultimi frammenti d’una terra un tempo vastissima sono andati alla deriva su acque sconosciute ed ostili: i suoi ospiti hanno suonato melodie ispirate, letto poemi quasi fossero stati salmi e dissertato come se stessero predicando. Nemmeno l’arrivo dei vassoi con marzapane, panpepato e confetti è riuscito a rallegrare a lungo l’atmosfera, che dopo qualche minuto è ricaduta nella folta malinconia di sempre.

Ad uno ad uno, essi se ne sono andati, e Bianca è rimasta in compagnia del cognato. Seduto davanti a lei – e così simile a Bernardo – egli le sta dicendo che un sospetto di peste circola in città, e le consiglia di trasferirsi, almeno per qualche tempo, nella sua villa fiesolana.

Bianca non vuole andar via da Firenze. L’uomo le descrive allora la peste, i fetidi miasmi che essa esala, verso un cielo incapace di aprirsi ad una speranza di pioggia e continua a gravare, arido ed infetto, sugli agonizzanti. Non vi sono parole sufficienti, egli dice, a descrivere l’orrore delle agonie, dei cadaveri ammucchiati e seppelliti in fretta, dei fuochi in cui bruciano abiti e masserizie, del rapido squittio dei ratti fra le case.

Calunnia di Sandro Botticelli (1496)
Galleria degli Uffizi - Firenze
http://www.polomuseale.firenze.it/musei/?m=uffizi

Risente allora la voce profetica di Savonarola in Santa Maria del Fiore. ‘Quando verrà questo male, saranno tanti morti per le case che anderanno gli uomini per le strade dicendo: - Mandate fuora ’e morti – e metterannoli in sulli carri, e in su’ cavalli, farannone monti e arderannoli’.

Per allontanare il figlio da un possibile contagio, Bianca si rassegna a partire.

* * *

Mentre Bianca passeggia lungo il sentiero che, dalla villa, va a spartire due campi di grano gemelli, soffi di vento smuovono quegli alti tappeti di fiamme, dove le corolle dei papaveri sono macchie di sangue d’un rosso scarlatto. Nei campi, la danza ritmica delle falci, cogliendo il riverbero del sole, diviene abbagliante, ed ella distingue appena, in fondo al sentiero, la testa bionda di Federico.

Bianca sale allora su un pendio e, seduta all’ombra di un albero, aspetta il ritorno del figlio. Le nuvole, migrando nel cielo, gettano la loro ombra immensa sulla campagna, velando per pochi istanti la luce del sole… ma il crudele bagliore ritorna, e la campagna martoriata riprende ad ardere.

Madonna della Seggiola di Raffaello Sanzio
(1513-14 ca.) - Galleria Palatina, Firenze
http://www.polomuseale.firenze.it/musei/?m=palatina
Lo sguardo della donna si volge all’orizzonte: malgrado la lontananza, la cupola fiorentina è un grande occhio vigile ed immobile. Ella immagina un biancheggiare di marmi, un occhieggiare di rosoni e rivede l’immensa folla che si riversa in chiesa, e risente la voce ossessionate del Profeta: ‘… l’anima sia col Signore Iddio congiunta per oratione, contemplatione e continuo amore actuale. La qualcosa per nessun modo potera possedere se non si sarà in tutto spogliata de lo amore di ogni creatura e di sé proprio.

Ma quelle parole, che sembrano riferirsi così bene al giovane domenicano di San Marco – che ha visto tante volte al fianco di Savonarola, al punto da chiedersi quale nuova ossessione abbia preso il posto dell’antica – le giungono attutite dalla distanza, eco subito smarrita nelle infinità del cielo.

Bianca rimane pensierosa, finché la figura trafelata e ridente di suo figlio non le si abbatte in grembo, sollevando un viso bambino e disperdendo i suoi pensieri come uno stormo d’uccelli spaventati.

Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie?
Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma.
Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.
I Serpenti e la Fenice non è soltanto un romanzo storico dove l’aderenza alle fonti si illumina e si scalda al fuoco dell’immaginazione, ma il racconto di un’occasione imperdibile di redenzione e amore.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.