"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

sabato 26 ottobre 2013

I Crudeli - Terre lontane, e il salto nell'abisso 5.

“Posso mostrarti la mia terra, principessa Lyra, se tu lo vuoi” le propose Aldebaran, un giorno. Si trovavano nel giardino del castello, seduti a conversare all'ombra d’un ippocastano, su una panchina di pietra con bassorilievi di pavoni e altri uccelli. Poco distanti da loro, le ancelle di Lyra giocavano dando colpi ad un volano di piume, con una racchetta in mano, scarmigliate e felici. Lei aveva preferito rimanere a conversare con lui. “Chiudi gli occhi e la vedrai,” suggerì  Aldebaran, in tono suadente. Lei acconsentì ed obbedì, incuriosita al pari d’una bambina.

Il Mago della Terra alzò la mano sinistra e la mosse davanti al volto di Lyra, sapientemente, continuando a parlare. “Il regno da cui provengo ha foreste immense e laghi profondissimi; cervi vi appaiono come per incanto e falchi solcano i cieli, superbi.” Così parlava Aldebaran a Lyra e, mentre le descriveva la terra natale, ella vedeva la sua cecità squarciarsi, come un velo lacerato, e, in lontananza, quasi fossero originate da un tellurico sconquasso, sorgere e svettare montagne. Erano giganti dalle groppe rocciose, a volte ricoperti di alberi verdissimi, a volte desolati nella loro nudità. Poi, quasi le fossero spuntate ali d’uccello e avesse potuto spiccare il volo, da un nido o da un ramo d’albero, si librava nell'aria e, dall'alto, vedeva laghi circondati e protetti dalle montagne, come acqua chiusa nel cavo d’una mano. Con estrema acutezza, riusciva a scorgere persino i pesci d’argento, le serpi color smeraldo, i fagiani d’oro. “Attorno al mio castello, a Nord, c’è tutto questo e anche altre meraviglie. Perciò le immagini che ti mostro, originate dalla magia, sono di gran lunga inferiori alla realtà.”

Fra le montagne della Sierra Nevada, California di Albert Bierstadt
(1868), Smithsonian American Art Museum
http://www.si.edu/
Abbassò lentamente la mano, la visione svanì dalla mente di Lyra, e lei riaprì gli occhi. “Mia signora,” proseguì egli, tranquillo, “lasceresti la tua bella terra, ma prenderesti dimora in una altrettanto regale e superba. Non saresti regina, è vero, ma comunque assoluta signora dei territori del Nord, che mi appartengono per diritto di nascita.”

“Ti chiederò in sposa a tuo padre oggi stesso, se tu lo desideri,” e la voce del principe dei Crudeli risuonò ancora una volta all'orecchio di Lyra, come una frase pronunciata da una terza persona. "Me lo permetti?" chiese ancora il giovane mago. A quella domanda, lei rimase qualche istante in silenzio, poiché l’occhio e la mente erano colmi d’una nuova visione, che apparteneva a lei questa volta (e le visioni erano l’unica, magica facoltà ereditata dalla madre, anche se esse nascevano inaspettate ed incomprensibili, e spesso si confondevano con i sogni), la visione d’un abisso apertosi dinnanzi – la Fossa del Drago? Nella visione, sentiva qualcosa gravarle sulla schiena, ed esitava a gettarsi nel vuoto per via di quel fardello, che intuiva esser prezioso... ma al contempo il fascino emanato dall'abisso, ed un pericolo incombente, la spingevano al salto...

La principessa schiuse la bocca e, in quel momento, la vita di Antares si trovò lì, sospesa alle labbra di rosa di colei ch’era destinata ad essere sua madre, come una tremula goccia d’acqua su un petalo. E Lyra saltò nell'abisso, e in quel momento si risvegliò. “Sì,” disse. La goccia d’acqua scivolò, dal petalo, sulla pagina del primo libro, segno che Antares sarebbe stato concepito, e avrebbe schiuso gli occhi sulla luce e sulle tenebre dei Quattro Regni.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie?
Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma.
Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.
I Serpenti e la Fenice non è soltanto un romanzo storico dove l’aderenza alle fonti si illumina e si scalda al fuoco dell’immaginazione, ma il racconto di un’occasione imperdibile di redenzione e amore.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.