"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

mercoledì 11 dicembre 2013

Il cavaliere, la morte e il diavolo

Il titolo originale del romanzo storico Il diavolo nella cattedrale è, in realtà, Tod und Teufel, in tedesco Morte e Diavolo. Il romanzo prende l'avvio nel 1260 durante la costruzione della splendida cattedrale gotica di Colonia, i cui lavori sono affidati alla direzione del mastro costruttore Gerhard Morart. Un ladro di mezza tacca, Jacop soprannominato la Volpe sia per la sua astuzia che per la folta chioma di capelli rosso fuoco, impegnato a rubare le mele dell'arcivescovo, sopra un ramo che si affaccia proprio sul cantiere, è il testimone involontario dell'omicidio di Gerhard. Un uomo con lunghissimi capelli biondi, dalla rapidità fulminea e all'apparenza non umana, e armato di una piccola, micidiale balestra, ha spinto l'uomo giù da un'impalcatura. Jacop, accorso vicino a Gerhard, ha fatto appena in tempo a raccogliere l'ultima frase, sussurrata prima di morire.

La copertina del romanzo,
nell'edizione economica
Da questo evento delittuoso si dipana tutta la trama della narrazione, in special modo l'inseguimento compiuto dal biondo sicario, e che sembrerebbe essere il Diavolo in persona, deciso a sbarazzarsi dell'inopportuno testimone. Egli semina morte al suo passaggio, attraverso una città in piena espansione e ricostruita molto bene nella sua topografia e nei suoi riti - con luoghi medievali per antonomasia come i grandi mercati, le taverne-bordello, le concerie, le processioni religiose o le cerimonie di arrivo dei potenti, i conventi e i monasteri, o le mura con la sua varia umanità di miserabili e vagabondi accampata a ridosso. Questa città così fiorente è tuttavia dilaniata da oscuri intrighi e lotte per il potere tra la fazione dei nobili, esautorati dall'arcivescovo Konrad, figura potentissima, e quella dell'alta borghesia mercantile in piena ascesa politica e vera garante dell'autonomia di Colonia.

L'autore è particolarmente abile nel tracciare con vivacità il ritratto di una città formicolante, composita ed articolata, e quello psicologico di alcuni personaggi, specie con l'uso dei dialoghi che sembrano essere il suo vero punto di forza. Molto ben delineato mi è sembrato il personaggio di Jaspar Rodenkirchen, monaco eruditissimo dalla lingua affilata, e particolarmente incline a godere delle gioie di Bacco, o lo stesso Jacop la Volpe oppresso dalla rimozione di un'infanzia misera e violenta.

Il Cavaliere, la Morte e il Diavolo
di Albrecht Duerer (1513) -
Staatliche Kunsthalle, Karlsruhe
http://www.kunsthalle-karlsruhe.de/
Molto meno convincenti sono altri aspetti, ad esempio l'obiettivo dell'intrigo ordito nelle alte sfere appare chiarissimo anche al lettore meno smaliziato, e in tempi piuttosto rapidi... ma non così ad alcuni personaggi annoverati tra i più intelligenti, il che fa calare di molto la tensione narrativa. Alcuni altri personaggi sono lasciati al loro destino, come la fanciulla Richmodis - un po' troppo indipendente per l'epoca di cui si parla - di cui Jacop è innamorato, e che lo aiuta a salvarsi in più di un'occasione in quanto il ragazzo ha la capacità di essere sempre nel luogo sbagliato al momento sbagliato.

Un'altra nota critica è che, nell'edizione economica, c'è una mappa della città cui il lettore dovrebbe fare riferimento quando sono nominate strade, piazze e luoghi, del tutto inservibile a causa del carattere minuscolo e di fondini grigi (mi auguro che nell'edizione lussuosa e di formato più ampio sia più chiara). Questo si nota ancor più a causa delle minuziose descrìzioni degli itinerari nella città, a volte perfino troppo dettagliate.

Il vero problema però è il finale, dove la rivelazione di chi sia davvero l'assassino biondo e del suo passato non è poi così incisiva come le premesse potrebbero farci sperare. La sua candidatura a Diavolo si appanna assai, e la classica spiegazione nella scena del confronto tra lui, Jacop e Jaspar risulta farraginosa e impraticabile (com'è ovvio non posso rivelare niente!). Insomma, la chiusa appartiene al novero di quelle che, in un romanzo dall'ottimo inizio e dalle altrettanto eccellenti premesse, arriva in fondo con il fiato corto. Si avverte che l'autore ha esaurito la carica iniziale, vuoi per mancanza di idee vuoi per stanchezza, e il suo "romanzo-soufflé" si sta sgonfiando dopo essere stato estratto dal forno.

Tutto sommato, quindi, un buon romanzo storico che è in grado di farci trascorrere ore piacevoli e divertenti, ma che non regge il confronto con "I pilastri della terra" di Ken Follet o "Il nome della rosa" del nostro Umberto Eco.

---
Per approfondire l'argomento dei finali nel romanzo, vedi anche il mio recente post sulle tecniche di scrittura:
http://ilmanoscrittodelcavaliere.blogspot.it/2013/11/conversazione-xxi-un-finale-col-botto.html
Share:

4 commenti:

  1. Ottima recensione, come sempre, e molto esaustiva. Complimenti!
    È un vero peccato quando un romanzo, partito bene, non riesce a mantenere il pathos e le promesse. L'accuratezza storica, almeno dal mio punto di vista, può renderne comunque piacevole la lettura.
    Più avanti riprenderò questa recensione anche in Storie di Storia per darle ulteriore risonanza :)

    RispondiElimina
  2. Cara Isabel, grazie davvero. Le mie impressioni su questo romanzo peraltro sono confermate anche da altre recensioni lette in rete (solo espresse a volte in maniera più virulenta della mia...!),

    Riprendo qua una riflessione postata su Facebook, perché stavo facendo delle considerazioni tra me e me sul romanzo storico proprio in seguito alla lettura di questo romanzo, dignitoso ma non profondo, e mi sembra utile averle qui anche per chi non ha la pagina Facebook.

    Ci sono in circolazione moltissimi romanzi come questo, di intrattenimento, ma secondo me manca proprio quel 'quid' capace di farli distinguere l'uno dall'altro. Uno sguardo che vada oltre il dato contingente e lo differenzi. Qualcosa di veramente nuovo.

    Naturalmente non parlo dei miei romanzi, perché non mi considero così presuntuosa. A me ad esempio non dispiacciono i romanzi di Valerio Evangelisti sull'inquisitore Eymerich che mischiano vicende del 1200 con sprazzi sul futuro, proprio oltre il nostro tempo.

    RispondiElimina
  3. Una recensione ben argomentata (come sempre) e veramente utile al lettore. Peccato, però... Quando un romanzo è un'occasione mancata ci perdiamo tutti: autore e lettore.

    RispondiElimina
  4. Cito dal web: "Il diavolo nella cattedrale è il primo romanzo di Frank Schätzing, scritto nel 1995, tradotto da Emanuela Cervini. In Italia è stato pubblicato solo nel 2006, dopo il secondo romanzo dell'autore, di maggior successo, Il quinto giorno (scritto nel 2004 e pubblicato in Italia nel 2005)."

    Forse valeva la pena che la casa editrice lo rivedesse insieme con l'autore prima di ripubblicarlo. Ad ogni modo Schaetzing è un autore di successo, e non credo che la mia recensione intacchi le numerose vendite.

    Nadia ha ragione, la delusione è forte quando un romanzo non mantiene le promesse dell'inizio.

    RispondiElimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie?
Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma.
Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.
I Serpenti e la Fenice non è soltanto un romanzo storico dove l’aderenza alle fonti si illumina e si scalda al fuoco dell’immaginazione, ma il racconto di un’occasione imperdibile di redenzione e amore.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.