"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

sabato 22 febbraio 2014

I Crudeli. - Tempo d'estate, e l'incubo di Lyra 21.

Nella stanza da letto, Lyra era distesa a sonnecchiare, protetta dal calore estivo grazie agli spessi muri di pietra. Ogni tanto, un’ape entrava dalla finestra aperta, alla ricerca di polline, e il suo corpo soffice navigava sulle correnti d’aria simile ad una barca sui flutti, prima di volare ancora verso la finestra e sparire nella luce. Era estate piena, ed i rami degli alberi del castello si piegavano carichi di bianco o rosa, in una nuova, straordinaria fioritura. Le api e le farfalle avevano un gran daffare nell'impolverarsi di polline, e nel trasportarlo qua e là, volando fra raggi di sole intrecciati come nastri. Le rondini erano ritornate ai vecchi nidi nelle intravature del castello, e spiccavano il volo, rapidissime, per lanciarsi nel cielo alla ricerca di insetti e, dopo, ritornare al nido dove i piccoli spalancavano becchi enormi.

Distesa all'ombra del talamo, la principessa Lyra riposava e accarezzava il ventre, ormai turgido, che racchiudeva il suo bambino. Presto anche lei avrebbe avuto il suo piccolo, proprio come quelle rondini; anche lui, Antares, avrebbe emesso i primi vagiti e la madre sarebbe accorsa alla culla, festosa ed indaffarata. Fuori, le cicale frinivano nel sole, l’erba arroventata crocchiava, e il suono del torrentello aveva la voce d’una ninna-nanna, mentre, all'interno del castello, i rumori – lo scricchiolio delle porte, il battere di zoccoli sull'impiantito, lo sbattito del panno in un secchio – si attenuavano.

Lyra si addormentò. Sognò dapprima la dimora del padre dove, nel verziere, coppie di giovani riposavano, teneramente allacciati all'ombra degli alberi, e il vento li accarezzava gentile; in un altro giardino, suo fratello giocava a palla con i coetanei, e il sole faceva brillare i capelli biondi; nella sala da pranzo del castello, re Altair dormiva, tenendo le mani intrecciate sul petto, alzando ed abbassando la testa, e la corona minacciava di cadergli dal capo ad ogni istante; nel chiuso delle sue stanze, la madre Mira, seduta davanti ad un tavolo,
The Nightmare di Johann Heinrich Fuseli (1802)
Freies Deutsches Hochstift, Goethe-Haus
http://www.goethehaus-frankfurt.de/
mescolava un mazzo di tarocchi, li disponeva, li scopriva, e la regina sostava a lungo, con lo sguardo, sugli arcani, vi poneva le mani sopra, li scrutava, li interpretava.

La principessa Lyra si rigirò su un fianco, e pure il bambino che portava nel ventre, teso ormai al limite, si mosse. Nel sogno, che s’era incupito, la porta della stanza s’apriva, e sulla soglia compariva il Mago del Nord, suo sposo; dietro di lui, era Fomalhaut, che lo seguiva come un cane segue il suo padrone. Aldebaran s’avvicinava a lei o, meglio, al figlio racchiuso nel suo corpo e – oh, cosa orribile! – con un coltello da caccia, fornitogli da Fomalhaut, le apriva il ventre. Poi, egli tirava fuori il bambino, lo avvolgeva in un mantello nero, e si dirigeva verso la Torre della Magia, incurante di lei che rimaneva lì ad implorarlo di ridarle il figlio. Ritto al suo capezzale, tenendo le mani sui fianchi, Fomalhaut rideva, rideva, arrovesciava indietro la testa e mostrava la gola vibrante; infine smetteva di ridere, tendeva le mani verso di lei, saliva sul letto, la spogliava, la montava, incurante del sangue che sgorgava a fiotti...

Allora, Lyra diede un grido, si svegliò di colpo, e si rizzò a sedere con gli occhi spalancati. Rimase così a lungo, tremante e madida di sudore, incapace di scacciare dallo sguardo la visione del Mago del Nord che le rapiva il bambino, dall'orecchio la risata del re dei Crudeli che, ancora, risuonava, e la sensazione del corpo che, ancora, le gravava addosso e la violentava. Infine si guardò attorno: era sola, ed il caldo vento di giugno riempiva l’aria della stanza. Rimase con lo sguardo fisso nel vuoto, e la gola asciutta. V'era un'altra cosa che, del sogno, la turbava; l'aveva appena visto dopo quel parto cruento e tra le braccia di Aldebaran, ma ne era sicura: il bambino era mostruoso. Lentamente, si ridistese, cercò di ritrovare la calma... i suoni placidi dell’estate ritornarono.  Finì con l’addormentarsi, senza più sognare.
Share:

0 commenti:

Posta un commento

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.