"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

sabato 11 ottobre 2014

Quattro chiacchiere all'Henry's Cafè

Hugues de Payns, cofondatore dell'ordine
templare insieme a Geoffroy de Saint-Omer,
è uno dei protagonisti del romanzo.
La Colomba e i Leoni 
Libro I - La terra del tramonto
In questa notte di grazia, dove la luce di Dio ha donato la speranza a un’anima, e il ravvedimento a un’altra, posso finalmente coricarmi in pace dopo tanti anni di sofferenze.
Nel prologo, una voce si rivolge a noi, porgendoci queste parole. Non c’è nessuna data che possa situarla nel Tempo, e quindi nella Storia, esattamente come colui “che grida nel deserto”. Non conosciamo il suo status sociale, intuiamo solo che è di sesso maschile. Si trova su una nave che sta compiendo un viaggio notturno di ritorno, ma non sappiamo il perché. Accanto a lui, è posata una maschera d’oro. È forse un lebbroso, o ha orribili fattezze? Non sappiamo nemmeno questo. Prima di sprofondare nel sonno ristoratore, la persona ricorda il suo passato. E, sotto il suo sguardo colmo di visioni, tutto, persino il Tempo, finalmente ridiventa Uno.

Dopo questa apertura, inizia il vero e proprio viaggio contenuto nel Libro I – La terra del tramonto, il primo di una serie di narrazioni appartenenti alla saga storica La Colomba e i Leoni. Siamo nell'anno 1095 e, dopo l’appello di papa Urbano II, gli eserciti dei principi cristiani si preparano a fluire da ogni parte d’Europa per mettere a ferro e fuoco il Vicino Oriente in nome della fede. Le esistenze di diversi personaggi, nemici per etnia e religione, sono così destinate a intrecciarsi in maniera indissolubile. Un vecchio medico sufi, Mandhur ibn Farouk, detto il Mite per la mansuetudine del suo cuore, riceve una chiamata celeste e parte dai pressi di Damasco per recarsi nella "terra dove il sole tramonta", il lontano Marocco. Quasi nello stesso momento, il leggendario conte e cavaliere fiammingo Geoffroy de Saint-Omer è costretto ad abbandonare tra i normanni di Sicilia il suo unico, adorato figlio François per ricongiungersi agli eserciti cristiani in movimento verso Costantinopoli e partecipare a quella che sarà nota come la Prima Crociata. Ancora, l’irrequieto principe maghrebino e cacciatore di leoni Ghassan chiede allo zio, sovrano del potente impero musulmano almoravide, una nave per assaltare e saccheggiare le coste dei cristiani nel Mediterraneo.

Il bacino del Mare Nostrum diventa così l’orologio storico e geografico attorno a cui si muovono i personaggi, simbolo fisico di separazione e conflitto fra religioni e popoli ancora di tragica attualità, mentre lo sguardo del lettore s’innalza a volo d’uccello fino a comprendere in sé ogni cosa. Passato, presente e futuro scorrono così sotto il suo sguardo, che diviene simile a quello del giovane schiavo con la maschera d’oro – la voce misteriosa che ha aperto il romanzo e che rivive il Tempo. Ecco il passato, con le rinascite dei personaggi nelle differenti epoche, i quali mutano solo nel nome e nell'aspetto, rimanendo fedeli a se stessi e al proprio livello spirituale - e il presente, con la narrazione delle esistenze degli individui, protagonisti e vittime nel fiume immane della Storia. Infine, ecco il futuro, con l’embrione di quello che sarà, come la fondazione dell’ordine militare-religioso dei Templari – o uno dei molti segreti della saga: ciò che si cela davvero nelle profondità del Tempio di Gerusalemme.

***

Ci troviamo dunque all'Henry's Cafè di Milano il giorno 30 ottobre alle 19,30, insieme ai miei cavalieri, per scambiare quattro chiacchiere sul romanzo, conoscere di persona alcuni di voi e fare una riflessione sul genere del romanzo storico e sul mondo editoriale.

Appuntatevelo sull'agenda, vi aspetto!



Share:

8 commenti:

  1. L'incipit mi ispira un sacco! Leggerò appena possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Tenar! E vedrai che un giorno ci incontreremo di persona-personalmente, come dice Catarella. Un abbraccio.

      Elimina
  2. Milano è lontanuccio... partecipo moralmente. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noto con piacere che ti sei riferita a Milano al maschile... Eh, sì, "Milan l'è on gran Milan" come si dice. Ci teniamo comunque in contatto virtualmente, in attesa del grande incontro. :-)

      Elimina
  3. Mi accorgo ora che il mio commento di sabato non è stato pubblicato, non capisco se per errore mio o del sistema! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto so che blogger fa le bizze. Grazie comunque per essere ripassata! :-)

      Elimina
  4. Un vero peccato non poterci essere, sarebbe stato bello sentirti di persona.
    Però finalmente vediamo un pezzetto di te insieme al neo-nato! A proposito ha un bel volume, come dire, "importante" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Teresa, sai che è mio proposito venire a Roma per conoscere alcune persone che al momento sono solo virtuali, chissà... magari prenderò due piccioni con una fava e cercherò di organizzare una presentazione anche là. :-)

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie?
Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma.
Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.
I Serpenti e la Fenice non è soltanto un romanzo storico dove l’aderenza alle fonti si illumina e si scalda al fuoco dell’immaginazione, ma il racconto di un’occasione imperdibile di redenzione e amore.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.