"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

sabato 15 novembre 2014

Il gigante di nuvole e luce

Con il suo post "Racconto breve" che trovate qui (leggetelo! è sorprendente), Antonella Mecenero mi ha dato l'idea di riproporre il mio racconto vincitore del concorso online del 2013 organizzato da Un foglio di Storia. Si trattava di inviare un racconto di 3000 caratteri spazi inclusi ed è stata una bella sfida!

Inoltre potete scaricare l'intera antologia gratuita in formato e-book cliccando sulla copertina che trovate nella colonna di sinistra del blog. Ci sono altri bellissimi racconti che vi terranno compagnia, ovunque voi siate.

Buona lettura!




Il gigante di nuvole e luce

Il primo ricordo nitido che ho di lui comprende in sé la primavera, e la luce. E la luce, come sapete bene, Philippe, spesso è associata al fuoco ardente.

Ero sulla cima di una collina, immerso nei fiori, il che prova come fossi di statura molto piccola: forse ero un nano o un bambino. Credo fossi un bambino, però, perché ora sono cresciuto fino a raggiungere la statura di un giovane. È possibile che avessi due anni al massimo, riuscivo a stare bene in piedi. Mi muovevo tra i fiori della primavera, incantato. A pochi passi di distanza, c’era la mia balia, Nathalie, che mi osservava sorridendo, con le mani infilate sotto il grembiule. D'un tratto, mi misi a strappare i fiori di campo per comporne un mazzo. Volevo farne dono a Nathalie, che aveva cura di me. Era l’unica che poteva farlo, oltre all'uomo che sentivo chiamare “conte Robert”, mio zio. Camminavo dunque tra i fiori a perdita d’occhio, e la mia veste sfiorava il terreno. 

Ero intento a riunire i miei fiori, quando vidi sorgere qualcosa, dalla linea arrotondata della collina. Piccolo com'ero, quel qualcosa era enorme. Sembrava una gigantesca nuvola bianca, con una macchia rossa sopra; e capii, confusamente, che scorgevo lo sfolgorio di una tunica e di un mantello, più candidi della neve che incappuccia il nostro Massif du Pelvoux. Era lui. Lui, che avanzava verso di me, reggendo il cavallo per le redini. L’animale era persino più alto e, ai miei occhi di bambino, arrivava a toccare il cielo! Guardavo entrambi, cavallo e cavaliere, con la bocca aperta per lo stupore. Non avevo paura, però. Ero troppo piccolo per averne. Rimasi dunque là, immobile e con il mio mazzolino nel pugno. Lui arrivò davanti a me, s'arrestò a fissarmi. Ricambiavo il suo sguardo, con il mento sollevato, e i nostri occhi azzurri, identici per colore ma così diversi per espressione, si confrontavano. Il suo sguardo era freddo come ghiaccio.

Poi, accadde qualcosa di stupefacente: la montagna innevata abbandonò le sue altezze, parve flettersi, scivolare a valle. S’era abbassato per arrivare fino a me. Teneva ora un ginocchio poggiato a terra e uno piegato e, sopra quello, aveva abbandonato le redini. Io, però, ora stavo guardando quel segno rosso – la croce di Cristo – che aveva cucita sul petto e sulla spalla sinistra del mantello, e pensai che si fosse fatto male. Allungai la mano e la appoggiai alla ferita sul petto; e, per lenire il dolore, gli regalai il mio mazzo di fiori. 

A quel gesto, sorrise. Sì, ricordo ancora come sorridesse, in uno dei suoi rari sorrisi. Lo prese, mi ringraziò. Allargò quindi un braccio come per un invito ad accostarsi. Lo feci, e mi strinse contro il suo petto e la spada che portava colse un raggio di sole, brillò nell'aria.

Quel gigante di nuvole e luce, con la croce sanguinante sul petto, era un cavaliere templare: mio padre, Geoffroy de Charnay, uno degli ultimi comandanti del Tempio.

Colui che voi, Philippe, avete fatto ardere vivo in questo Anno Domini 1314.
Share:

9 commenti:

  1. In pochissime battute ci hai portato dritti in un'altra epoca: complimentissimi!!
    (E grazie per la citazione)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Tenar, in questo periodo poi sono in apnea con il Medioevo. Infatti sono reduce da un paio di conferenze sul tema. :-)

      Elimina
  2. Sì, proprio una bella sfida scrivere un racconto di 3000 battute spazi inclusi...eccome se l'hai vinta! Considerata la tua abilità anche nell'intessere scritti di 600 o 700 pagine, davvero niente ti spaventa :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, carissima. Questo microracconto è stato ricavato da alcune pagine scritte per il futuro (futurissimo, direi) romanzo sulla caduta dell'ordine Templare ambientato attorno al 1300. Non ti dico quanto l'ho tagliato e limato, mi piangeva il cuore. Però è stato molto istruttivo, impari a togliere davvero il superfluo, fosse anche la virgola inutile.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie, cara Elisa! Potrebbe essere anche questo un monologo? ;-)

      Elimina
  4. E' molto evocativo il tuo modo di scrivere. Non mi piace molto leggere racconti, di solito, ma certe volte vengo trascinata dalle prime righe fino in fondo. Questo è uno di quei casi, perciò grazie. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del tuo commento sul blog. Per gli esperti, il racconto contiene anche un piccolo mistero in quanto i cavalieri templari seguivano le regole monastiche e quindi non potevano avere figli.

      Elimina
  5. Molto potente e suggestivo nella sua brevità. Brava come sempre, Cristina.

    RispondiElimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.