"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

sabato 31 gennaio 2015

Bab’ Aziz, un viaggio di poesia, musica e immagini

In un mio post precedente sotto l’etichetta Alla Lanterna Magica, e che trovate qui, avevo elencato i dieci film più importanti della mia vita, che non sono necessariamente dei capolavori accreditati dai critici. I commenti dei miei lettori erano stati entusiastici, e ognuno aveva elencato i titoli che più amava. Ho segnato quelli a me sconosciuti, e prima o poi riuscirò a vederli.

Fedele al mio proposito di recensire film particolari, vi presento qui uno dei film indicati da Clementina Sanguanini, cioè: Bab'Aziz - Il principe che contemplava la sua anima, un film del 2005 diretto dal regista tunisino Nacer Khemir e che appartiene alla Trilogia del deserto dopo I figli delle mille e una notte e La collana perduta della colomba.

Nel film, un anziano sufi cieco parte per un viaggio attraverso il deserto in compagnia della nipotina Ishtar per partecipare a un raduno di dervisci. Allo scopo d’intrattenere la bambina, Bab’ Aziz le racconta la storia di un principe provvisto di bellezza e ricchezza, che inspiegabilmente si perde nel deserto e viene poi ritrovato inginocchiato accanto a una fonte d’acqua. In essa il giovane scorge la sua anima e nessuna sollecitazione esterna ha il potere di distoglierlo dalla sua contemplazione. Fra panorami mozzafiato per la loro bellezza, in mezzo alle rovine di edifici colpiti dal vento, sotto cieli stellati e accanto al fuoco di bivacco, i due incrociano altri viaggiatori, ognuno impegnato a percorrere il proprio cammino, o a inseguire la propria ossessione amorosa, terrena o spirituale che sia, o anche in cerca della vendetta per supposti torti subiti.



Bab'Aziz offre una visione affascinante in bilico tra sogno e realtà, dove immagini e ambientazioni, che paiono scaturire dalle favole dell’antico Oriente, si mescolano con grande naturalezza a dettagli contemporanei come radio, moto, occhiali e abiti. La figura del derviscio cieco fa il paio con quella del Derviscio Rosso, un sufi cencioso che risponde in pieno ai canoni del “folle di Dio”, mentre la bambina Ishtar, spirito rinchiuso in un corpo infantile, ha tuttavia un’anima anziana per saggezza e misteriosa esperienza. Il giovane Osman, invece, vuole ritrovare una bellissima donna incontrata in un palazzo incantato in fondo al pozzo in cui era precipitato, e sembra essere il gemello spirituale di Zaid, un altro giovane innamorato di una donna, conosciuta e sedotta dopo una tenzone poetica in cui è risultato vincitore con una poesia sulla danza dell’universo in lode a Dio.

Nacer Khemir nel 2007
C’è dunque un continuo contrappunto tra queste esistenze, che intersecano le loro strade e le sciolgono, mentre la luce del deserto delinea, con precisione e volatilità insieme, le orme del cammino che essi imprimono sulla sabbia. Come ha detto il regista stesso: “Il deserto è un campo letterario e un campo di astrazione, allo stesso tempo. Si tratta di uno dei rari luoghi dove l'infinitamente piccolo, che è un granello di sabbia, e l'infinitamente grande, che sono miliardi di granelli di sabbia, si incontrano. È anche un luogo dove si può avere un vero senso dell'Universo e della sua scala. Il deserto evoca anche la lingua araba, che porta la memoria delle sue origini. In ogni parola araba, vi scorre un po' di sabbia. È anche una delle principali fonti di poesia d'amore araba.”

La stessa storia del principe, perduto a contemplare la sua anima specchiandosi nel pozzo, si discosta dal mito di Narciso innamorato del proprio involucro esteriore, visione destinata a sbriciolarsi e a fallire, per calarsi nelle sue profondità invisibili ma durature. Conseguenza naturale è che, alla fine, il principe non si accontenterà della mera contemplazione dell'anima, ma l’abbraccerà fino in fondo in maniera più che sorprendente. Il regista ha spiegato che l’idea del principe gli era venuta da una lastra dipinta in Iran nel 12° secolo, e che voleva anche offrire una visione dell'Islam molto diversa da quella che purtroppo emerge dai fatti di cronaca, dalla lettura che ne danno i media e dagli integralismi religiosi.

Il senso del film è una metafora della vita come viaggio nel tempo e libertà di ricerca, secondo la quale, come nel detto sufi che apre il film:

“Ci sono tante strade che portano a Dio, 
quante sono le anime sulla terra.”
Share:

10 commenti:

  1. Se mi capiterà, vedrò sicuramente questo film! Ne parli in modo molto affascinante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello e molto metafisico, lo trovi su Youtube... poi il tema dei sufi l'ho studiato a fondo per il mio romanzo.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. tupenda recensione, Cristina. Mi trovo perfettamente d'accordo con te: un film che scuote l'anima, fa esplodere i sentimenti più nobili e stana quelli annidati. Dopo averne fruito il sogno, la favola, non si è più gli stessi di prima, si esce migliorati, più ricettivi e questo non può non avvenire anche per merito del regista. Ciao Cri e ancora grazie di cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te del commento, Clementina, e di avermi fatto conoscere questo film. Ho cercato anche gli altri due della trilogia, ma non credo siano approdati in Italia.Sono i cosiddetti film snobbati dalle grandi produzioni cinematografiche, ma che ti regalano impressioni durature, e qualcosa nel cuore. Possono piacere o non piacere, ma certamente non ti lasciano indifferente.

      Elimina
  5. Lo guarderò quanto prima, dopo le impressioni che mi hai trasmesso... ;) Mi sembra anche che possa essere nelle mie corde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di essere passata sul blog. A me piace molto il contesto del deserto, tra l'altro, con luci ed ombre. Un luogo magico.

      Elimina
  6. Molto interessante. Aiuta la nostra religiosità ad avere una visione più ampia e rispettosa pur nella diversità dei cammini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno, Maria Pia e benvenuta nel blog! :) Mi fa molto piacere che tu abbia letto questo articolo, e mi hai fatto anche venire voglia di rivedere questo film, poetico nelle immagini, e profondo nel messaggio. La danza del sufi è la danza di tutti gli "innamorati di Dio". Tra l'altro ho approfondito il misticismo dei sufi per delineare meglio uno dei personaggi dei romanzi appartenenti al ciclo della Prima Crociata.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.