"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

mercoledì 29 novembre 2017

"Storie di gatti", la bellezza felina in un'antologia solidale


Il gatto è in assoluto il mio animale preferito, per cui, dopo la pubblicazione di "Buck e il terremoto", ho accolto con molto piacere la possibilità di acquistare un'antologia di racconti tutta dedicata ai nostro amici felini. Lo scopo della pubblicazione si è mantenuto inalterato, ossia devolvere i proventi del libro alla Croce Rossa Italiana in favore dei colpiti dal sisma del 2016. La curatrice di questa seconda antologia è ancora Serena Bianca de Matteis con il suo branco, cui si sono aggiunti nel frattempo nuovi componenti.

Qualcuno aveva detto che il cane è un gentiluomo, e può essere vero; ma, a mio parere, il gatto è un aristocratico che ti ruba il cuore con la sua bellezza e, anche, con la sua impenetrabilità. Del resto la sapeva lunga il poeta francese Charles Baudelaire, che con i suoi versi Vieni, mio bel gatto, sul mio cuore innamorato; / ritira le unghie nelle zampe, / lasciami sprofondare nei tuoi occhi / in cui l’agata si mescola al metallo, traccia un ritratto di assoluta delizia e voluttà di questo splendido animale. Anche William Blake, poeta inglese e illustratore, celebra il più grande e temibile felino del pianeta, la tigre, con i versi Tigre! Tigre! Divampante fulgore / Nelle foreste della notte, / Quale fu l'immortale mano o l'occhio / Ch'ebbe la forza di formare la tua agghiacciante simmetria? Nei nostri compagni domestici è senza dubbio rimasta una traccia della natura selvatica e indomabile dei grandi felini. Sono dunque in grado di abbandonarci per giorni, per poi riapparire come se niente fosse, con un orecchio malconcio, testimone di zuffe all'ultimo sangue per il possesso di una bella femmina, o richiamati a casa dietro l'impulso - chi lo sa? - della nostalgia per quei bizzarri padroni umani e la ciotola di crocchette. In fondo, il gatto è diviso tra due mondi, quello della sua natura selvatica, che spesso sfida le leggi fisiche, e quella che ama il focolare caldo e le comodità; e, dopo millenni, ancora il nobilissimo gatto non è riuscito a risolvere il suo dilemma.

Così, non è un caso che nella raccolta Storie di gatti si avvicendino sulla scena, di volta in volta, felini selvatici o felini domestici. E non è nemmeno un caso se essi, quasi di malavoglia, ma con la grazia innata che li contraddistingue, facciano da risolutori durante conflitti familiari come nel caso di Ina lo sa di Licia Luisetto o da consolatori per caso come nel racconto Eroe in incognito di Lucia Cabella. Molto spesso essi sono in particolare sintonia con "i cuccioli d'uomo", cioè i bambini molto piccoli da cui si fanno avvicinare, toccare, accarezzare, in quanto al tocco delle manine "dentro di lui pulsava una grossa bolla calda che lo rendeva docile" riflette il gatto Randagio ma non troppo di Corinna Campanella. Una particolare sintonia che si manifesta anche in forme fiabesche espresse nella storia di  Duchessa e la banda di gatti magici di Daniele Savi, il cui titolo annuncia l'immersione in una storia fantastica. Gatti che, come i loro compari cani, hanno la sensibilità per captare l'arrivo del terremoto prima che accada. O per captare la nostra tristezza, come nel caso del bellissimo racconto Una vita diversa di Giulia Mancini. Nell'antologia essi sono protagonisti a pieno titolo di racconti a sfondo storico, come ne Il guardiano di Marco Stabile o diventano buffi personaggi dai colori improbabili, uno per tutti Polpetta di Tiziana Balestro. L'invito è quello, comunque, di acquistare la raccolta per conoscerli e amarli senza far torto a nessuno.



.. alcuni bellissimi esemplari di gatti veri - Fonte: Wikipedia.


... e una piccola parte della mia collezione di gatti, da vera psicopatica quale sono!

Da ultimo, vorrei fare qualche osservazione sulla copertina. Se la copertina dedicata a Buck e il terremoto è bella, questa a mio parere la supera, e sono certa che gli amici gatti mi danno ragione da veri esteti quali sono. L'immagine è a piena pagina: c'è un gatto nero, ma si vede e non si vede, perso tra fogliame e fiori e camuffato con la vegetazione. Altri fiori scendono davanti alla fronte, a mo' di vezzoso cappellino. Che ci sia un gatto, lo si intuisce soltanto in un secondo momento osservando meglio e lo si coglie dal dettaglio del nasino rosa e dall'occhio verde coperto dal fiore. Il gatto si sta divertendo, o forse ha visto qualcosa che ha attirato la sua attenzione, forse ha visto noi e ci sta fissando. Nell'altro suo occhio, il segno dello Ying e dello Yang a forma di duplice gatto ci proietta nell'infinito.

Come per la precedente raccolta, ecco a voi i link necessari per l'eventuale acquisto:

e... appuntamento alla prossima recensione della terza antologia L'amore non crolla che contiene il mio racconto Notte di Natale ad Arras.

Share:

14 commenti:

  1. Grande libro questo. Non solo stupendi i racconti ma importante quello che c'è dietro. Il cuore e l'anima di chi si è messo in gioco per aiutare chi ha necessità
    Ciao stella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Pat! Grazie del commento e... sì, c'è tanta partecipazione in queste storie. Purtroppo si fa presto a dimenticare queste tragedie, travolti come siamo dalla quotidianità e afflitti dall'incuria dei mezzi di informazione che, una volta data la notizia, non se ne occupano più.

      Elimina
  2. Ah, quindi collezioni gatti? Io gufi, ma tra cane e gatto, sempre sempre cane.
    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo che una volta avevi messo delle foto di gufi nel tuo blog, o sbaglio?
      A me piace sia il cane che il gatto, ma sono una gatta dentro. :)

      Elimina
    2. Sì, sì è molto probabile che abbia postato qualche gufo della mia ricca collezione.

      Elimina
    3. Prima o poi organizziamo una visita reciproca alle nostre dimore per vedere le collezioni. Ho anche idea che i nostri mariti potrebbero piacersi parecchio!

      Elimina
  3. Cristina hai scritto proprio una bella recensione (e mi ha emozionato la frase riservata al mio racconto). Si percepisce molto il tuo amore per i gatti e ti capisco perché anch'io li amo molto e mi piace comprare anche quelli finti, anche se non ho una collezione come la tua. Comunque questo tuo post mi ha fatto capire una cosa, io ho un'anima felina, divisa tra voglia di avventura (natura selvatica) e voglia di crogiolarsi nel calduccio del focolare domestico, io sono proprio così ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite a te del bel commento, Giulia. In questi giorni ho voluto rileggere le prime due antologie per poter scrivere la recensione, e il tuo racconto era uno di quelli che mi era piaciuto di più.
      Purtroppo non posso avere gatti, perché a mio marito non piacciono, così mi "sfogo" con la collezione gattesca. (Mio figlio dice che fanno impressione, tutti sulla mensola, che sembra una cosa da psicopatici.)
      Anch'io mi rispecchio nel gatto, più che altro per la mia indipendenza!

      Elimina
  4. Sai che non mi ero accorta del gatto in copertina? Ho avuto una deliziosa gattina tanti anni fa, che purtroppo ho dovuto lasciare a un'amica perché mi dava problemi di allergia, ma mi sento decisamente più vicina ai cani. L'antologia, però, è già sul mio Kindle. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La bellezza della copertina è nel fatto che assomiglia a un quadro astratto (che fa pure rima). Se potessi tenere un gatto, lo vizierei in maniera indecorosa, per cui meglio così. Per il cagnone bisognerebbe avere un giardino o vivere in campagna.

      Elimina
  5. Si potrebbe sostenere che l'uomo abbia addomesticato il cane, ma che col gatto la cosa gli sia riuscita solo a metà: forse in realtà è il gatto ad aver addomesticato l'uomo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Mi sa che è proprio così, e sono convinta che i gatti pensino ai loro "padroni" come a degli umani di loro proprietà. ;)

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie?
Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma.
Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.
I Serpenti e la Fenice non è soltanto un romanzo storico dove l’aderenza alle fonti si illumina e si scalda al fuoco dell’immaginazione, ma il racconto di un’occasione imperdibile di redenzione e amore.

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.