"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

sabato 27 luglio 2019

"Tramontata è la luna" nella Grecia di Saffo


La pagina bianca di René Magritte (1967)

Tramontata è la luna
E le Pleiadi a mezzo della notte;
anche la giovinezza già dilegua,
e ora nel mio letto resto sola.

Scuote l’anima mia Eros,
come vento sul monte
che irrompe entro le querce;
e scioglie le membra e le agita,
dolce amara indomabile belva.

Ma a me non ape, non miele;
e soffro e desidero.


Saffo (630 a.C. circa - 570 a.C. circa) è stata una poetessa greca antica. Nella sua produzione si possono sostanzialmente distinguere due tipi di liriche: quella corale, caratterizzata da un rapporto professionale tra il poeta e un committente, normalmente celebrativa, e quella intimista. La lirica di Saffo rientra nella melica monodica (ossia canto a solo), dove la poetessa esprime le proprie emozioni a divinità o ad altri esseri umani. La poetessa offre un'immagine semplice ma appassionata dei sentimenti dell'io lirico, dove l'amore ha un ruolo da protagonista con tutta una serie di riflessioni psicologiche e in cui il ricordo e l'analisi delle emozioni passate ne suscita nuove altrettanto forti. 






Fonte immagini:
  • "La pagina bianca" di René Magritte (1967)
  • Ritratto femminile, detto “Saffo”. Copia romana da originale greco dell'età classica. Musei capitolini di Roma.
Fonte testo:
  • "Tramontata è la luna" da "Lirici greci" di Edizioni Corrente (1940), traduzione di Salvatore Quasimodo
  • Wikipedia per la biografia

Share:

14 commenti:

  1. A qualche giorno di distanza dall'anniversario dello sbarco sulla luna, scelgo una poesia dedicata al nostro satellite per annunciare la consueta chiusura estiva del blog. Un caro augurio di buone vacanze ovunque voi siate, e ci rileggiamo a settembre! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. [img]https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/9c/Aldrin_Apollo_11.jpg[/img]

      Elimina
  2. Bellissima citazione poetica per suggellare il rapporto fra noi esseri umani e la luna.
    Buona pausa estiva :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro ho usato una parte di questa poesia per una delle citazioni all'interno del mio nuovo romanzo "Le regine di Gerusalemme". Buona pausa, io comunque verrò a leggere le avventure di Yumi e Nana. ;)

      Elimina
  3. Bellissima poesia, buone vacanze Cristina.

    RispondiElimina
  4. Adoro Saffo. Grazie per questa riflessione e buone vacanze (con meritato riposo!).
    A rileggerci a settembre, Cristina. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il passaggio, Luz. Buone vacanze anche a te, ovunque tu vada. E anche a te buon riposo! ^_^

      Elimina
  5. Sempre bellissima.
    Buone vacanze!

    RispondiElimina
  6. Grazie per il piacere doppio: i pensieri di Saffo e le parole di Quasimodo!
    Buone vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un binomio vincente! :) Buone vacanze anche a voi. ^_^

      Elimina
  7. Buona estate anche a te, Cristina, e... a presto! :D

    RispondiElimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.