"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

sabato 14 marzo 2020

# Una poesia e un'immagine al giorno. 1. Maria Wisława Szymborska



La passeggiata di Marc Chagall (1917-1918)
Museo di Stato Russo di San Pietroburgo


Accanto a un bicchiere di vino

Con uno sguardo mi ha reso più bella,
e io questa bellezza l’ho fatta mia. 
Felice, ho inghiottito una stella.

Ho lasciato che mi immaginasse 
a somiglianza del mio riflesso
nei suoi occhi. Io ballo, io ballo
nel battito di ali improvvise.

Il tavolo è tavolo, il vino è vino
nel bicchiere che è un bicchiere
e sta lì dritto sul tavolo.
Io invece sono immaginaria,
immaginaria fino al midollo.

Gli parlo di tutto ciò che vuole:
delle formiche morenti d'amore
sotto la costellazione del soffione.
Gli giuro che una rosa bianca,
se viene spruzzata di vino, canta.

Mi metto a ridere, inclino il capo
con prudenza, come per controllare
un'invenzione. E ballo, ballo
nella pelle stupita, nell'abbraccio
che mi crea.

Eva dalla costola, Venere dall'onda,
Minerva dalla testa di Giove
erano più reali.

Quando lui non mi guarda,
cerco la mia immagine
sul muro. E vedo solo
un chiodo, senza il quadro.


Maria Wisława Szymborska (Kórnik, 2 luglio 1923 – Cracovia, 1º febbraio 2012) è stata una poetessa e saggista polacca.

Premiata con il Nobel nel 1996 e con numerosi altri riconoscimenti, è generalmente considerata la più importante poetessa polacca degli ultimi anni, e una delle poetesse più amate dal pubblico della poesia e non solo di tutto il mondo d'oggi. Szymborska preferisce usare il verso libero nelle sue poesie. Le sue opere sono contraddistinte, dal punto di vista linguistico, da una grande semplicità. Szymborska utilizza espedienti retorici quali l'ironia, il paradosso, la contraddizione e la litote, per illustrare i temi filosofici e le ossessioni sottostanti. Szymborska è una miniaturista, le cui poesie compatte spesso evocano ampi enigmi esistenziali.

Benché molte delle sue poesie non superino la lunghezza di una pagina, esse toccano spesso argomenti di respiro etico che riflettono sulla condizione delle persone, sia come individui che come membri della società umana. Lo stile di Szymborska si caratterizza per l'introspezione intellettuale, l'arguzia e la succinta ed elegante scelta delle parole.

****

Fonte testi:

Elogio dei sogni Vol. 1 - RCS 2011 - Introduzione, curatela e traduzione di Pietro Marchesani
Wikipedia per la biografia


Share:

8 commenti:

  1. Una poesia sulla perdita di percezione della propria coscienza di individuo, di dissolvimento dell'io, almeno così la percepisco.
    Un po' ci sentiamo tutti così questi giorni, speriamo di tornare presto a sentirci parte di un universo benevolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento, Ariano. Sai che io ho interpretato la poesia in maniera opposta? Nel senso che c'è il dissolvimento dell'io, come dici, ma parte dallo sguardo dell'innamorato. I versi finali lo confermano: se la persona amata non ti guarda, rimane soltanto il chiodo.
      Speriamo comunque di ritrovare il nostro posto nel mondo!

      Elimina
  2. Bellissima poesia sull'amore come forza che manda all'aria l'individualità e fa entrare in una dimensione strana, da ubriachezza gioiosa. Bellissima anche la tua idea per questi post, come anche l'idea delle persone che cantano sui balconi delle città. Luce! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa poetessa ha scritto poesie bellissime, molto spesso basate sulla quotidianità, così mi è venuto spontaneo sceglierla come prima proposta. Avevo in casa una vecchia raccolta, sono stata indecisa nella scelta. C'è bisogno di positività in tutti i sensi. :)

      Elimina
  3. Bellissima immagine e bellissima poesia! Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te di essere passata e aver letto! Un abbraccio.

      Elimina
  4. Belle le due opere e bello l'accostamento. C'è del delizioso surreale in entrambe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, vero? Sembrano fatte l'una per l'altra! Grazie di essere passata di qui. :)

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.