"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

domenica 15 marzo 2020

# Una poesia e un'immagine al giorno. 2. Katherine Mansfield




Sunset, Eagle Cliff di Jasper Francis Cropsey -
Hudson River School (XIX secolo)


Nel cielo rosso

Nel cielo rosso due uccelli volano
Con affrante ali: muto e solitario
Il loro cammino sinistro non cede.
Con i suoi gialli emblemi il trionfante sole
Ha lottato contro la terra il giorno intero: arresa
Ha pugnalato il suo cuore e raccolto il sangue
In un calice per spanderlo nel cielo della sera.
Nell'ombra lugubre - volano gl'infaticabili
Dalle piume di morte - s'avvolge allora la terra
Che brama senza pupille il cielo purpureo
E gli uccelli dalla ricerca inesausta.


Across the red sky

Across the red sky two birds flying,
Flying with drooping wings.
Silent and solitary their ominous flight.
All day the triumphant sun with yellow banners
Warred and warred with the earth, and when she yielded
Stabbed her heart, gathered her blood in a chalice,
Spilling it over the evening sky.
When the dark plumaged birds go flying, flying,
Quiet lies the earth wrapt in her mournful shadow,
Her sightless eyes turned to the red sky
And the restlessly seeking birds.

-1911-1913-



Katherine Mansfield (Wellington, 14 ottobre 1888 – Fontainebleau, 9 gennaio 1923) è stata una scrittrice neozelandese ed è nota soprattutto come autrice di racconti brevi, che iniziò a scrivere fra il 1906 e il 1908. Pubblicò poi la prima raccolta di racconti, dal titolo In a German Pension (da lei poi descritta come "immatura"). Venne in contatto con scrittori a lei contemporanei come David Herbert Lawrence e Virginia Woolf, Trascorse gli ultimi anni della sua vita alla ricerca di una cura per la tubercolosi, consultando i medici più eterodossi. Morì il 9 gennaio 1923 a Fontainebleau in Francia.

Fu una scrittrice prolifica specialmente negli ultimi anni. Il marito e critico letterario, John Middleton Murray, revisionò i lavori non pubblicati e li diede alle stampe: due volumi di racconti (The Dove's Nest del 1923, e Something Childish del 1924); un volume di poesie; infine The Aloe; Novels and Novelists; e una raccolta di sue lettere e diari.

***

Fonti testo:
Poemetti di Katherine Mansfield - Giulio Einaudi editore
Wikipedia per la biografia

Fonti immagini:
Wikipedia


Share:

10 commenti:

  1. Poesia estremamente cupa, mi fa venire in mente una lirica breve di Pascoli, "Il lampo":

    E cielo e terra si mostrò qual era:
    la terra ansante, livida, in sussulto;
    il cielo ingombro, tragico, disfatto:
    bianca bianca nel tacito tumulto
    una casa apparì sparì d’un tratto;
    come un occhio, che, largo, esterrefatto,
    s’aprì si chiuse, nella notte nera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio di aver postato la poesia di Pascoli, Ariano. Credo di averla letta moltissimi anni fa, ne conservo un vago ricordo. Pur nella sua brevità, è di estremo impatto.

      Elimina
  2. Sì bella poesia, anche sè cupa concordo con Ariano, bellissima anche quella di Pascoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domani ci sarà una poesia più solare, con un quadro molto luminoso... :) Leggere per credere.

      Elimina
  3. Bello il tramonto, e bella la poesia, in inglese però. Lo so che sono noiosa con 'sta cosa, ma perché voler per forza italianizzare la linearità dell'inglese? Proprio non lo capisco. Dovremmo cercare di sentire l'autore, non di dargli la nostra impronta. Tu cosa ne pensi? Grazie, Cristina. :)

    RispondiElimina
  4. La questione è molto interessante e in linea di principio hai ragione. Però pensa se avessi postato in polacco la poesia di Maria Wisława Szymborska, ben pochi di noi avrebbero potuto comprenderla. :) Vero è che tutti, bene o male, masticano l'inglese, ma ci sono termini molto difficili in questa poesia, come "ominous" ecc. Senz'altro bisognerebbe dare la versione originale e quella tradotta. A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, no, non era questo che intendevo. La critica era alla traduzione, non al fatto di postare la poesia in italiano; ci mancherebbe, siamo in Italia! E' che se tu traduci la poesia in italiano, non ti viene niente di simile alla traduzione riportata qui. Allora mi dico: ma funziona questo modo di fare tradurre poeti ad altri poeti? Confesso che non mi piace molto. Sono troppo... invadenti. :)

      Elimina
    2. Su questo ti do ragione. Penso che già tradurre prosa sia un'operazione complessa, non parliamo della poesia. Bisogna essere estremamente delicati.
      Magari l'ho già detto in altri ambiti, ma per lavoro conosco uno dei traduttori italiani dei romanzi di Antonia Byatt: la sua prosa è talmente complessa che organizzano addirittura dei convegni internazionali per discutere dei termini da usare nella traduzione. Se fossi l'autrice, tutto ciò mi darebbe una sorta di vertigine! ;)

      Elimina
  5. mi hanno colpito le note biografiche di questa autrice, morta ahimè troppo giovane. ma è poi morta effettivamente di tubercolosi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Kuku, sì, era morta di tisi presso una comunità gestita da un maestro spirituale, all'epoca molto influente, di nome Gurdjieff.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.