"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

lunedì 16 marzo 2020

# Una poesia e un'immagine al giorno. 3. Charles Baudelaire




Gioia di vivere di Henri Matisse (1906)
Barnes Foundation

Invito al viaggio

Andare, o sorella, o fanciulla,
come sarebbe dolce,
laggiù andare (ci pensi?)
a vivere, tu e io!
Amare a sazietà,
amare e morire
nel paese che ti rassomiglia!
I soli inumiditi
di quegli inquieti cieli per il mio spirito
hanno l'incanto così misterioso
dei tuoi occhi ingannevoli
splendenti fra le lacrime.

Laggiù tutto è ordine e bellezza,
lusso calma e voluttà.

Decorerebbero la nostra camera
mobili rilucenti
levigati dagli anni; e i fiori
più rari, che mischiano i loro
profumi ai sentori
vaganti dell'ambra.
I ricchi soffitti,
gli specchi profondi
e lo splendore orientale, tutto
parlerebbe in segreto alla nostra anima
la dolce sua lingua natìa.

Laggiù tutto è ordine e bellezza,
lusso calma e voluttà.

Guarda: vedi su quei canali
vascelli dormire,
di umor vagabondo.
Perché sia pago perfino
il minimo tuo desiderio
sono venuti di capo al mondo.
I soli declinanti
rivestono i campi, i canali, 
la città intera, di giacinto e d'oro.
Il mondo s'addormenta
in una calda luce.

Laggiù tutto è ordine e bellezza,
lusso calma e voluttà.




L'invitation au voyage

Mon enfant, ma sœur,
Songe à la douceur
D'aller là-bas vivre ensemble;
Aimer à loisir,
Aimer et mourir
Au pays qui te ressemble!
Les soleils mouillés
De ces ciels brouillés
Pour mon esprit ont les charmes
Si mystérieux
De tes traîtres yeux,
Brillant à travers leurs larmes.

Là, tout n'est qu'ordre et beauté,
Luxe, calme et volupté.

Des meubles luisants,
Polis par les ans,
Décoreraient notre chambre;
Les plus rares fleurs
Mêlant leurs odeurs
Aux vagues senteurs de l'ambre,
Les riches plafonds,
Les miroirs profonds,
La splendeur orientale,
Tout y parlerait
À l'âme en secret
Sa douce langue natale.

Là, tout n'est qu'ordre et beauté,
Luxe, calme et volupté.

Vois sur ces canaux
Dormir ces vaisseaux
Dont l'humeur est vagabonde;
C'est pour assouvir
Ton moindre désir
Qu'ils viennent du bout du monde.
Les soleils couchants
Revêtent les champs,
Les canaux, la ville entière,
D'hyacinthe et d'or;
Le monde s'endort
Dans une chaude lumière.

Là, tout n'est qu'ordre et beauté,
Luxe, calme et volupté.




Charles Pierre Baudelaire (Parigi, 9 aprile 1821 – Parigi, 31 agosto 1867) è stato un poeta, scrittore, critico letterario, critico d'arte, giornalista, filosofo, aforista, saggista e traduttore francese. È considerato uno dei più importanti poeti del XIX secolo, esponente chiave del simbolismo, affiliato del parnassianesimo e grande innovatore del genere lirico, nonché anticipatore del decadentismo. I fiori del male del 1857, la sua opera maggiore, è considerata uno dei classici della letteratura francese e mondiale. Il pensiero, la produzione e la vita di Baudelaire hanno influenzato molti autori successivi come i "poeti maledetti" francesi e gli scapigliati italiani.

L'opera di Baudelaire, che avvertì la crisi irreversibile della società del suo tempo, è varia e complessa. Sebbene i sentimenti che lo ispirarono fossero puramente romantici, seppe esprimerli in una forma nuova, attraverso dei simboli che riflettevano le sensazioni del mondo inconscio. Fu il poeta della città "febbrile", pervertita, dei vizi e delle miserie degli uomini; ma anche la ricerca ansiosa dell'ideale, il desiderio e la paura della morte, la fuga dalla vita monotona e normale, la complessità e le contraddizioni interiori dell'uomo, furono temi ricorrenti della sua poesia.

***

Fonte testo:

I fiori del male di Charles Baudelaire - Traduzione di Luigi De Nardis - Feltrinelli editore
Wikipedia per la biografia

Fonte immagini:
Gioia di vivere di Henri Matisse - Wikihoo.org
Charles Baudelaire in una foto di Nadar del 1855


Share:

4 commenti:

  1. Poesia bellissima di uno dei miei poeti preferiti. Di Baudelaire ricordo quasi a memoria molte strofe di poesie particolarmente suggestive come "Spleen","L'albatro", "Il vampiro".
    Matisse invece non è tra i miei pittori preferiti, però di questa tela mi piace molto il cromatismo caldo e al tempo stesso rilassante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoro Baudelaire, era il mio poeta preferito ai tempi del liceo... insieme a Verlaine e Rimbaud formava proprio una triade. "L'albatro" è sublime!
      Esattamente come te, anch'io non amo molto Matisse, questa tela però mi sembrava perfetta per la poesia. Pensa che ho trovato un quadro il cui titolo è "Lusso, calma e voluttà" e chiaramente ispirato alla poesia di Baudelaire, ma ho preferito comunque questo dipinto.

      Elimina
  2. Ecco, io preferisco la gioia di vivere di Matisse, tra gli alberi, soprattutto ora che non si può uscire! Mi manca il bosco! Piuttosto che il lusso di Baudelaire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai avremmo immaginato che i nostri "lussi" domestici ci sarebbero venuti a noia. ;) Evviva la natura e l'aria aperta!

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.