"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

venerdì 20 marzo 2020

# Una poesia e un'immagine al giorno. 7. Giovanni Pascoli



Il ponte di Langlois di Vincent Van Gogh (1888)
Museo Kröller-Müller, Otterlo
Lavandare 

Nel campo mezzo grigio e mezzo nero
resta un aratro senza buoi, che pare
dimenticato, tra il vapor leggero.

E cadenzato dalla gora viene
lo sciabordare delle lavandare
con tonfi spessi e lunghe cantilene:

Il vento soffia e nevica la frasca,
e tu non torni ancora al tuo paese!
quando partisti, come son rimasta!
come l’aratro in mezzo alla maggese.

(da Myricae)

Giovanni Pascoli (San Mauro di Romagna, 31 dicembre 1855 – Bologna, 6 aprile 1912) è stato un poeta, accademico e critico letterario italiano. L'esperienza poetica pascoliana si inserisce, con tratti originalissimi, nel panorama del decadentismo europeo e segna in maniera indelebile la poesia italiana: essa affonda le radici in una visione pessimistica della vita in cui si riflette la scomparsa della fiducia, propria del Positivismo, e in una conoscenza in grado di spiegare compiutamente la realtà.

Il mondo appare all'autore come un insieme misterioso e indecifrabile tanto che il poeta tende a rappresentare la realtà con una pennellata impressionistica che colga solo un determinato particolare del reale, non essendo possibile per l'autore avere una concreta visione d'insieme. Coerentemente con la visione decadente, il poeta si configura come un "veggente", mediatore di una conoscenza aurorale, in grado di spingere lo sguardo oltre il mondo sensibile: nel Fanciullino, Pascoli afferma quanto il poeta fanciullino sappia dare il nome alle cose, scoprendole nella loro freschezza originaria, in maniera immaginosa e alogica.


Fonti testo e immagini: Wikipedia

Share:

8 commenti:

  1. Il quadro lo conoscevo, è celebre come lo sono molti altri di Van Gogh.
    La poesia del Pascoli sicuramente l'ho letta a suo tempo, quando lessi l'intera raccolta "Myricae", ma purtroppo non le ricordo tutte a memoria.
    Evocano entrambi la pace della campagna, una sensazione che spero di poter rivivere presto... in mezzo alla campagna (non che mi dispiaccia stare a casa mia, ma quando è una costrizione diventa meno gradevole).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero andata a visitare il Museo Van Gogh ad Amsterdam, che esperienza incredibile. Avevamo fatto una scorpacciata di opere perché al mattino era stata la volta del Rijksmuseum.
      Le poesie di Pascoli ci fanno riscoprire la bellezza e la gioia della natura, anche se al momento soltanto in modo virtuale.

      Elimina
  2. Mi piacciono molto sia la poesia che il quadro, in particolare per quella luce dorata e intensa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pescato questo quadro nei recessi del mio inconscio in maniera quasi fulminea, mentre per altre poesie ho fatto molta fatica a trovare un'immagine che mi soddisfacesse veramente!

      Elimina
  3. Con Pascoli non ho un rapporto idilliaco. In generale, la sua poesia non mi conquista. Mi irrita la rima, per dirtene una. Mi piace però la poetica del Fanciullino che hai citato nel post e quest'aura decadente che lo contraddistingue. Se lo paragono a D'Annunzio, sento tutta la differenza e il diverso peso dei due.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pascoli è una figura molto polarizzante: o lo si ama molto o lo si detesta. A parte qualche componimento legato a ricordi personali (mi ricordo mio papà che mi declamava "La cavallina storna" per esempio), ti dirò che mi lascia abbastanza indifferente. Forse esprime davvero una sensibilità e un tempo molto diversi dai nostri.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.