"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

venerdì 3 aprile 2020

# Una poesia e un'immagine al giorno. 21. Walt Whitman



Viandante sul mare di nebbia di Caspar David Friedrich (1818)
Hamburger Kunsthalle, Amburgo

O Captain! My Captain!

O Captain! My Captain! our fearful trip is done;
The ship has weather'd every rack, the prize we sought is won;
The port is near, the bells I hear, the people all exulting,

While follow eyes the steady keel, the vessel grim and daring:
   But O heart! heart! heart!
      O the bleeding drops of red,
         Where on the deck my Captain lies,
            Fallen cold and dead.

O Captain! My Captain! rise up and hear the bells;
Rise up—for you the flag is flung—for you the bugle trills;
For you bouquets and ribbon'd wreaths—for you the shores a-crowding;
For you they call, the swaying mass, their eager faces turning;
   Here captain! dear father!
      This arm beneath your head;
         It is some dream that on the deck,
            You've fallen cold and dead.

My Captain does not answer, his lips are pale and still;
My father does not feel my arm, he has no pulse nor will;
The ship is anchor'd safe and sound, its voyage closed and done;
From fearful trip, the victor ship, comes in with object won;
   Exult, O shores, and ring, O bells!
      But I, with mournful tread,
         Walk the deck my captain lies,
            Fallen cold and dead.


O Capitano! mio Capitano! 

O Capitano! mio Capitano! il nostro viaggio tremendo è finito;
la nave ha superato ogni tempesta, l'ambìto premio è vinto;
il porto è vicino, odo le campane, il popolo è esultante,
Gli occhi seguono la solida chiglia, l'audace e altero vascello;
   ma o cuore! cuore! cuore!
      o rosse gocce sanguinanti sul ponte,
         dove è disteso il mio Capitano,
            caduto, morto, freddato.

O Capitano! mio Capitano! alzati e ascolta le campane;
alzati — svetta per te la bandiera — trilla per te la tromba, per te
i mazzi di fiori, le ghirlande coi nastri, le rive nere di folla,
Chiamano te le masse ondeggianti, i volti fissi impazienti;
   Qua Capitano! padre amato!
      questo braccio sotto il tuo capo!
         è un puro sogno che sul ponte
            Cadesti morto, freddato.

Ma non risponde il mio Capitano, immobili e bianche le sue labbra;
mio padre non sente il mio braccio, non ha più polso e volere;
la nave è ancorata sana e salva, il viaggio è finito;
Torna dal viaggio tremendo col premio vinto la nave;
   Rive esultate, e voi squillate, campane!
      Io con passo angosciato cammino sul ponte
         dove è disteso l mio Capitano,
            caduto, morto, freddato.


Walter Whitman, noto come Walt Whitman (West Hills, 31 maggio 1819 – Camden, 26 marzo 1892), è stato un poeta, scrittore e giornalista statunitense. Considerato il padre della poesia americana, è stato il primo poeta moderno ad utilizzare comunemente il verso libero, di cui è considerato in un certo senso l'inventore. La sua opera più famosa, la raccolta poetica Foglie d'erba, pubblicata in diverse edizioni a partire dal 1855, è considerata un classico della letteratura, così come la sua celeberrima poesia O capitano! Mio capitano! La poesia fu scritta dopo la morte del presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln, avvenuta il 15 aprile 1865, e pubblicata per la prima volta nell'ottobre dello stesso anno nell'opuscolo Sequel to Drum-Taps.

Fu cantore della democrazia, della libertà e di un ideale visionario che pone l'uomo come momento centrale rispetto al senso di percezione e comprensione delle cose. Cantò, soprattutto, l'essenza di quello che diventerà successivamente il «sogno americano».





***

Fonte testo: 
Foglie d'erba di Walt Whitman BUR poesia - Traduzione di Ariodante Marianni
Wikipedia per la biografia

Fonte immagini:
Wikipedia


Share:

12 commenti:

  1. Sempre bravo Friedrich, mi piace molto. Bella anche la poesia di Whitman, anche se soffro un po' i toni così drammatici, senza misura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frierich ha dipinto opere spettacolari, di un'intensità senza precedenti. Mi piacciono molto anche i suoi quadri con rovine gotiche.
      Walt Whitman era un vero "personaggio"! :)

      Elimina
  2. Anche stavolta hai puntato sul sicuro. Friedrich è uno dei miei pittori preferiti, e di Whitman ho letto quasi tutte le poesie all'epoca in cui frequentavo l'università. Nello specifico "Il viandante nel mare di nebbia" è uno dei quadri che preferisco. Tra le poesie di Whitman invece ne preferisco altre, in particolare "Out of the cradle endlessly rocking".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con le opere di Friedrich non c'è tema di sbagliare, in effetti. Danno proprio il "mood" di un periodo artistico e letterario.

      Per quanto riguarda la poesia di Whitman che citi, ne riporto i primi versi:

      Out of the cradle endlessly rocking,
      Out of the mocking-bird’s throat, the musical shuttle,
      Out of the Ninth-month midnight,
      Over the sterile sands and the fields beyond, where the child leaving his bed wander’d alone, bareheaded, barefoot,
      Down from the shower’d halo,
      Up from the mystic play of shadows twining and twisting as if they were alive,
      Out from the patches of briers and blackberries,
      From the memories of the bird that chanted to me,
      From your memories sad brother, from the fitful risings and fallings I heard,
      From under that yellow half-moon late-risen and swollen as if with tears,
      From those beginning notes of yearning and love there in the mist,
      From the thousand responses of my heart never to cease,
      From the myriad thence-arous’d words,
      From the word stronger and more delicious than any,
      From such as now they start the scene revisiting,
      As a flock, twittering, rising, or overhead passing,
      Borne hither, ere all eludes me, hurriedly,
      A man, yet by these tears a little boy again,
      Throwing myself on the sand, confronting the waves,
      I, chanter of pains and joys, uniter of here and hereafter,
      Taking all hints to use them, but swiftly leaping beyond them,
      A reminiscence sing.
      ...

      Elimina
    2. Bella davvero, ha una potenza straordinaria.

      Elimina
    3. É una poesia triste ma mi piace per il modo in cui cerca di spiegare che purtroppo bisogna accettare anche la perdita come una parte inevitabile dell'esistenza.

      Elimina
    4. Penso che questa riflessione sul senso della perdita sia più che mai attuale.

      Elimina
  3. Quel dipinto è uno dei miei preferiti, l'avevo anche utilizzato in uno dei Viaggi Multimodali più personali.
    La poesia di Whitman la conoscevo, però pensa che non l'avevo mai letto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero stupendo il quadro di Friedrich.
      Questa poesia di Whitman è diventata famosa, almeno da noi, dopo il film "L'attimo fuggente". Probabilmente Whitman negli Stati Uniti è inserito nei testi come autore da studiare a livello scolastico, o quantomeno accademico.

      Elimina
  4. Forse saprai che da quando ho portato in scena una mia versione de L'attimo fuggente, chiamata Foglie d'erba, questa poesia è entrata ufficialmente nel mio immaginario più caro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordavo bene del tuo bellissimo spettacolo. Ci sono poesie che lasciano il segno, non parliamo di quando fanno parte del nostro vissuto.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.