"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

lunedì 8 febbraio 2021

L'esame di Storia dell’Età del Rinascimento e il mestiere delle armi


Evviva!!! Ho sostenuto Storia dell’Età del Rinascimento il 5 febbraio, ed è andato molto bene, a parte lo stress da esame moltiplicato a mille per la modalità alienante che tutti ormai ben conosciamo. Ormai tutto questo è diventato “Il mestiere delle armi”, come il titolo dello splendido film del 2001 diretto da Ermanno Olmi, che narra degli ultimi giorni di vita del condottiero Giovanni delle Bande Nere, nel tentativo di bloccare la marcia dei lanzichenecchi verso Roma e dell'infingarda politica italiana dei principi rinascimentali... mi ricorda qualcuno, in effetti... mumble mumble... :/ Il giovane condottiero viene tradito da alcuni principi che consentono il passaggio delle truppe imperiali, e riceve in una gamba un colpo di falconetto - una specie di piccolo cannone -  ferita che causerà la cancrena e la morte. 
Comunque, se non lo avete visto e siete curiosi, ecco qui il link al trailer italiano per farvi un’idea, io l'ho visto due volte, ma non dovete aspettarvi un film d'azione, di sparatorie appollaiati sulle selle di cavalli al galoppo e inseguimenti sulle autostrade, pardon, sui sentieri, nonostante il tema della guerra. Rende però bene l'idea di come fosse un mestiere fatto di freddo, fame, sporcizia, fatica e sangue. 

In questo post vi racconterò invece della mia esperienza più che altro per poter rileggere l'articolo a freddo e tenerne memoria. 😊 


La materia dell’esame

L’esame verteva su tutta l’età del Cinquecento, periodo affascinante ma anche molto complicato a livello politico, istituzionale, religioso e bellico. Si apre con le guerre d’Italia quando l’esercito di Carlo VIII di Francia scende nella penisola per rivendicare il trono di Napoli alla testa di un esercito e un parco di artiglieria altamente innovativo; è anche il secolo di Carlo V imperatore, della Riforma di Martin Lutero e di tutte le spaccature confessionali in Europa, di Enrico VIII, delle guerre di religione in Francia, della minaccia ottomana che preme da levante, di Filippo II di Spagna e dello sterminato suo impero che comprende le colonie del Nuovo Mondo.

È anche l’età dove si rafforzano le monarchie nazionali, un periodo estremamente fecondo dal punto di vista culturale e che mette a frutto invenzioni e innovazioni, non da ultimo l’arte della guerra: infatti le monografie, come vi avevo illustrato, erano tutte sulla cosiddetta rivoluzione militare. Avevo cominciato a studiare nel mese di agosto, sia scaricando e visionando le videolezioni su Storia Moderna come ripasso, sia cominciando a leggere i libri con i quali mi sarei presentata per 9 crediti come non frequentante.

L’esame come “osservatrice”

Memore del caos infernale occorso durante l’esame di Storia Romana con più di novanta persone collegate, la piattaforma che era andata in crash, e il delirio schizofrenico conseguente, ho pensato che valesse la pena assistere all’appello del 12 gennaio con una serie di obiettivi: vedere quante persone avrebbero partecipato; constatare come era organizzato l’esame; appurare che tipo di domande si sarebbero poste.

Non avendo ricevuto risposta dal professore a una mia mail, ho pensato di collegarmi ugualmente. Sono stata subito impallinata come una beccaccia, insieme ad altri, perché non gli tornavano i conti: “Ci sono sette persone in meno rispetto alle iscrizioni e cinque persone i cui cognomi non mi risultano,” ha detto, soggiungendo in tono che mi è sembrato minaccioso: “Per esempio lei, Cristina Rossi, lei ha intenzione di sostenere l’esame oggi?”, al che molto intimorita mi sono palesata e ho chiesto di poter assistere senza disturbare, e anche altri studenti si sono aggregati alla mia petizione. Sembravamo i Minions, con atteggiamento tra il petulante e il supplichevole.

Il professore è comunque una persona molto amabile e con quel filo di ironia partenopea che non guasta: ha risposto che non c’era nessun problema e che ci avrebbe aggiunto al gruppo. Ho così potuto assistere all’esame di tipologia doppia, con l’assistente che interrogava sulla parte storica-istituzionale e poi con lui che avrebbe interrogato sulla parte delle monografie di storia militare, e annotarmi le domande. Ci sono stati anche dei siparietti tra lui e gli studenti dove ha raccontato episodi della sua permanenza in Spagna con le corse dei tori a Pamplona, allo scopo di metterli a loro agio, e ricondurli sulla retta via nel rispondere alle domande. Alla fine dell’esame il professore ha chiesto a noi Minions se era stato utile e, ricevuto risposta affermativa, ci ha detto in modo sornione: “Il trucco è quello di lasciarmi parlare, come sostengono alcuni studenti nelle chat!” al che abbiamo riso di gusto.

 
La preparazione all’esame

Alla vigilia dell’esame ero molto meno di buonumore, mi sembrava di avere il solito gran minestrone in testa, e ogni volta penso di esordire con: “Guardi, non mi chieda niente perché non-so-niente.” Avevo già crivellato i testi con le mie note a margine, mi sono fatta i soliti schemi sugli argomenti difficili come per esempio l’evoluzione nella costruzioni delle navi nel periodo (dalla galera da guerra alla galeazza, dalla galeotta al vascello oceanico, dalla fregata al vascello a vapore alla fine dell’età moderna… ) o gli elementi dell’architettura bastionata (scarpa, controscarpa, rivellino, cappello del prete, torrione…) e chi più ne ha più ne metta.

Ho osservato ancora le fisionomie nei ritratti d’epoca onde memorizzare i nomi delle casate, che so, durante le guerre di religione in Francia dove erano tutti contro tutti (Montmorency, Coligny, Borbone…, politiques, monarcomachi, ugonotti, ultracattolici), e però questi visi sono tutti uguali con la barbetta e il cappellino con la piuma, o al massimo la gorgiera come potete vedere da voi stessi. Anzi, chi di voi riesce a capire chi sono questi signori senza imbrogliare, e mettendosi la mano sul cuore, riceverà in premio l’iscrizione alla mia Newsletter e i racconti omaggio
 


Ho cercato di collegare le varie battaglie con gli accordi di pace tramite alcuni espedienti, e memorizzare le maledette date che non vogliono saperne di entrarmi in testa, a parte alcune che spuntano in maniera del tutto inspiegabile. Insomma, tutte strategie che gli studenti, indipendentemente dall’età, conoscono benissimo.

Il giorno dell’esame

Il giorno dell’esame l’appello era stato fissato alle 10:00 del mattino, mentre l’esame vero e proprio sarebbe iniziato alle 10:30. Ero agitatissima, latravo nei confronti di mio marito non appena mi rivolgeva la parola e mi sono affrettata ad accendere non soltanto il pc con il nuovo schermo dotato di webcam incorporata, ma anche il portatile per supplire a eventuali défaillance. Nel frattempo borbottavo “Ma chi me l’ha fatto fare di iscrivermi all’università…”. Il professore è spuntato alle 10:15 dicendo che appunto l’appello vero e proprio sarebbe iniziato dopo un quarto d’ora e di prenderci un caffè. Naturalmente non ho seguito il consiglio di ingurgitare la corroborante bevanda perché, invece di abbaiare al marito, l’avrei proprio morsicato.

All’ora fatidica si è riaffacciato il professore in compagnia di due giovani assistenti. Oltre a Storia dell’Età del Rinascimento c’erano i candidati per Storia della Riforma e della Controriforma. Ha fatto l’appello constatando, come la scorsa volta, che una nutrita turba di studenti si iscrive e poi non si presenta: “Incuto proprio paura, inutile negarlo: c’è un fuggi-fuggi generale!” Comunque io avrei sostenuto l’esame con una giovane e sorridente assistente, e per raggiungere il suo gruppo avrei dovuto usare un codice già fornito.

Esco dal gruppo generale, inserisco il codice nel campo preposto… e il codice non funziona. Comincio ad agitarmi, oltretutto non c’è nemmeno mio figlio che mi potrebbe dare una mano, e dopo vari tentativi rientro nel gruppo generale dove il professore sta conferendo con uno studente. Mi inserisco timidamente e dico: “Mi scusi, professore, ma il codice non funziona”, al che un altro studente interviene dicendo che sta accadendo anche a lui la stessa cosa (dunque non è sempre colpa della sottoscritta, una carampana del tutto inetta con la tecnologia). “Che strani 'sti codici, ma non vi preoccupate: vi aggiungo io ai due gruppi.”

 

Completate le manovre professorali, non capisco comunque come devo fare ad accedere, ma, mentre mi affanno a entrare e uscire freneticamente da Teams come una mosca impazzita, mi arriva l’invito della giovane assistente che mi precipito ad accettare: si accende un bagliore accecante, compio il salto nell’iperspazio e mi ritrovo catapultata nell’aula virtuale insieme ad altre due studentesse pallide e smarrite come me per l'accelerazione. Comincio ad accendere il primo cero di ringraziamento e prometto che d’ora in poi mi comporterò sempre in modo integerrimo e con grande diligenza.

L’esame su “L’Europa del Cinquecento – Stati e relazioni internazionali” di Alain Tallon

L’assistente ci sorride radiosa e condivide le nostre lamentele su Teams, chiacchierando un po’ con noi per metterci a nostro agio; poi spiega che ci farà tre domande di carattere generale e alcune di approfondimento e domandando alle due ragazze di Riforma e Controriforma di spegnere tutto mentre inizia con il mio esame.

“Mi può spiegare la situazione della penisola italiana prima della discesa di Carlo VIII in Italia?” Orpo, le guerre d’Italia è uno degli argomenti che so meglio, e me le avevano chieste nel mio esame di Storia Moderna, e comincio a illustrare l’argomento parlando con dovizia di particolari, e poi passando a Carlo VIII. “Si ricorda a Firenze chi era quello straordinario personaggio che aveva scalzato i Medici?” Sono proprio fortunata, dato che è uno dei protagonisti del mio primo romanzo. Se fossi una scrittrice famosa un critico letterario direbbe “del periodo giovanile, dove già ci sono 'in filigrana' gli argomenti che l’autrice svilupperà appieno nelle opere della maturità”: il frate domenicano Gerolamo Savonarola. Le parlo anche dei “piagnoni”, cioè queste bande di seguaci - una specie di squadra della buoncostume - che giravano per Firenze alla ricerca di dame riccamente vestite onde poterle ammonire e soprattutto depredare.

Molto contenta mi ha detto che poteva bastare, e passa al secondo argomento ovvero la rivolta dei Paesi Bassi sotto Filippo II. Parlo con sufficiente scioltezza, a parte dire Margherita d’Austria invece di Margherita di Parma (dovete sapere che a ogni esame io sbaglio almeno un nome – all’esame di Storia della Stampa avevo detto Andrea Silvio Piccolomini invece di Enea Silvio Piccolomini, e sbaglio sempre le date); però mi ricordo chi era alla testa delle truppe spagnole, persino il nome del cancelliere della governatrice dei Paesi Bassi. Rammento anche il nome del capo degli insorti perché poi aveva il suo bravo soprannome, e i soprannomi sono la gioia di noi studenti: Guglielmo d’Orange il Taciturno (potete vederlo qui nei paraggi). Come Mario Draghi, presidente incaricato, evidentemente blaterava poco ma faceva molti fatti... scusate, ora che li guardo meglio sono due gocce d'acqua!

Come terza domanda mi chiede poi che cosa si intende per “internazionale calvinista”, e il dubbio storiografico dell’autore. Insomma, in totale penso di aver parlato per circa un quarto d’ora, comunque era felicissima, mi ha detto che mi metteva trenta. Ha esclamato: “Spero che abbia studiato altrettanto bene la parte monografica che farà col professore, per poter confermare il voto.” “Speriamo, io ce la metto tutta.” E poi mi ha detto una cosa che mi ricorderò finché campo e cioè: “È una meraviglia ascoltarla parlare.” Mi congedo e, piuttosto commossa, accendo il secondo cero della giornata: oltre a comportarmi bene prometto di non lagnarmi più del destino cinico e baro.

L’esame su “La rivoluzione militare” di Geoffrey Parker, “Guerre ed eserciti nell’età moderna”, “Signori e mercenari” di Michael Mallet

Rientro nel gruppo generale dove il professore sta esaminando un signore all'incirca della mia età che parla dell'articolazione episcopale del calvinismo, e che fa un esame talmente bello e appassionato che riceve trenta e lode (e io sono molto orgogliosa di noi vecchietti d’assalto). È la volta di un altro ragazzo, ma non gli si accende la webcam. “Eh no, non posso farle l’esame in queste condizioni: me la deve risolvere,” lo ammonisce il professore, e dunque passa alla sottoscritta che ormai è tesa come una corda di violino. “Bene, allora che testi ha portato?” Medita un po’, poi mi chiede di parlare del dibattito storiografico sulla rivoluzione militare, comincio a spiegare bene tutta la questione parlando dell’histoire-bataille e della scuola degli annali, e lì sbaglio un altro nome per l’agitazione (invece di dire Marc Bloch dico Michael Bloch, che è una specie di eresia come dire Perito Santo invece di Spirito Santo). Dopo essere stata corretta parlo di Michael Roberts, dell’innovazione nella strategia, del ruolo della fanteria, del fuoco di sbarramento del re svedese Gustavo Adolfo, e poi passo a parlare di Geoffrey Parker e dell’architettura bastionata e della fortezza stellata.

Dopo aver dispiegato la mia eloquenza per dieci minuti, mi ferma e passa al secondo testo chiedendomi l’impatto del “militare” e del “paramilitare” nella società di antico regime. Temo di non aver interpretato bene la domanda, ma il vantaggio è che Storia non è come Analisi Matematica; e, a meno che non si vada proprio off topic parlando degli Etruschi quando devi parlare degli Asburgo, di solito hai una certa libertà di, ehm, manovra. Mentre parlo mi osserva pensieroso e fuma una sigaretta, mentre alle sue spalle scaffali di meravigliosi libri, e persino il ritratto di un principe rinascimentale, si allineano e sembrano osservarmi con aria amichevole.

Sto per enumerare altri ruoli del paramilitare, al che dice che può bastare e passiamo al terzo testo, “Signori e mercenari”. Io avrei voluto comprare “Il sacco di Roma”, ma all’epoca non era disponibile, così era stato una specie di ripiego. È interessante, ma ci sono moltissimi nomi tra compagnie di ventura, condottieri etc. ed è difficile da memorizzare. In pratica è quello che temo di più. Mi chiede la differenza tra sforzeschi e bracceschi, parlo un po’ anche di Francesco Sforza che ha scalzato la Repubblica Ambrosiana, al che si sporge e mi chiede a bruciapelo: “Quando?” Mi faccio ripetere la domanda, e sbaglio clamorosamente la data dicendo fine Quattrocento anziché 1450. Beh, insomma, in fondo si tratta soltanto di cinquant’anni, che volete che sia, comunque io e le date non andiamo proprio d’accordo! Mi ricordo vagamente che Braccio da Montone opera a Perugia, e azzardo nel dire la città, cosa che per fortuna è giusta…

Alla fine però dopo il solito quarto d’ora totale mi ferma e dice anche lui che va molto bene. “Lei ha fatto un bell’esame, e mi complimento soprattutto per la grande proprietà di linguaggio che ha usato.” Borbotta: “Di solito quando si chiede ai ragazzi di parlare argomenti come la guerra sembra che giochino con i soldatini.” Mi conferma il trenta, e mi dice con un sorriso sornione: “Mi raccomando, si faccia vedere da queste parti! Non ci abbandoni.”

Ebbene, ecco il voto finale con alcune immagini di questo fatidico periodo! Il Rinascimento - quello vero e non quello che sostiene un certo politico nostrano elogiando despoti che deportano popolazioni per occupare i loro territori e costruire città finte - è questo:


***
Per concludere un altro esame è stato fatto, e sono molto sollevata. Soprattutto lo è mio marito che è ancora tutto intero! :D Alla prossima con altre novità.


Share:

16 commenti:

  1. Si vede il grande amore per la materia e per il periodo in questione ;-)
    In effetti è impossibile non appassionarsi al Rinascimento perché è veramente la fucina del mondo e dell'uomo moderno. Siamo d'accordo che le basi della società e del pensiero moderno abbiano inizio con l'Illuminismo, ma senza il Rinascimento difficilmente saremmo arrivati all'Illuminismo (non è un caso che nelle società di alcune nazioni di altri continenti dove certi tumulti ideologici non sono mai arrivati, in pieno XXI si sta discutendo ora, con forte ritrosia, di temi quali la separazione fra stato e religione, il laicismo relativista come base per le leggi dello stato etc.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per l'apprezzamento, in effetti il Rinascimento è uno dei periodi che amo di più. Tra gli esami obbligatori per Storia Moderna è tra quelli che mi aveva attirato maggiormente nel comporre il piano di studi. :) Il Rinascimento è davvero un laboratorio dove comincia a svilupparsi appieno il pensiero moderno, ed è un privilegio poter gettare questo sguardo sul lungo periodo. Chissà gli storici del futuro quale opinione si faranno di noi e delle nostre azioni politiche... ;)

      Elimina
  2. Promossa a pieni voti nel mestiere delle armi! Ormai sei grande condottiera di esami, sgominatrice di professori, distruttrice di tomi. Credo che tu sia davvero una forza e che molti dei tuoi professori ti vorrebbero come assistente. Chissà, io non lo escluderei per il futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Tenar! A cose fatte è sempre una grande soddisfazione, anche se i sacrifici in corso d'opera sono tanti e anche la tensione conseguente. La tua idea di diventare assistente mi piace molto, chi lo sa, il futuro è nel grembo degli dei. :)

      Elimina
  3. Sono molto felice per te che l’esame sia andato bene, con trenta, ma sono sollevata soprattutto per tuo marito povero 😀 Che bello che sia l’assistente sia il professore abbiano riconosciuto ed elogiato la tua preparazione e la proprietà di linguaggio. Brava Cristina, sei una forza della natura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il marito se la vede brutta ogni volta, e partecipa appieno proprio come se dovesse sostenere lui l'esame. Poi con la modalità di dare gli esami a casa rischia naturalmente in prima persona, mentre in precedenza riceveva la telefonata a cose fatte. :D

      Elimina
  4. Delizioso il tuo racconto! Mi hai fatto vivere gli eventi in prima persona, come se fossi... una scrittrice! XD

    RispondiElimina
  5. Innanzitutto bravissima e complimenti!! Poi ho riso moltissimo per i vari episodi, prima quando vieni beccata come la beccaccia :D, e poi per l'iperspazio e le scenette col marito morsicabile.
    I signori con la barbetta non saprei identificarli manco in cento anni, quindi passo, e figurati che all'inizio ho pure sbagliato di identificare il film di Olmi e per un pezzo sono andata avanti nella lettura confondendolo con "I paladini: storia d'arme e di amori" con nientepopodimeno il mascellone di Beautiful Ronn Moss.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto, Kuku, ormai la luce in fondo al tunnel si fa sempre più distinta. :D Già prima in presenza gli esami erano una serie di scene della malavita, ora potrebbe accadere qualunque cosa. C'entra poco con l'argomento esami, ma pensa che da ieri pomeriggio avevo la connessione e il fisso guasti. Era un problema di modem: l'operatore mi ha guidato a distanza, e sai come abbiamo risolto? Infilando uno stuzzicadenti nel buchino del reset e riavviando il modem. Alla faccia della tecnologia!
      E non sapevo che Ronn Moss avesse interpretato un film rinascimentale! :0

      Elimina
  6. Complimenti per il tuo esame e bellissima l'ironia, sto ancora ridendo per quell'"impallinata come una beccaccia". XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, Nick. Spesso sono autoironica anche perché è un bel modo per sdrammatizzare. ;)

      Elimina
  7. Ah, quale delizia sempre leggere di queste rocambolesche avventure universitarie. E fai bene a scrivere anche per conservare, e magari rileggere poi queste esperienze.
    Direi che è ormai chiaro come tu ti sia ritagliato un percorso d'eccellenza. A mio parere quell'assistente ne sapeva forse meno di te, perché in particolare tu conoscevi quel frangente della Firenze di Savonarola. Che periodi storici straordinari.
    Il Cinquecento è complesso, sì, direi che per gli appassionati di Storia è anzi uno dei secoli più "sfiziosi". Capisco la tua défaillance sulle date. Io a parte quella manciata di eventi davvero epocali, snodi che hanno modificato gli assetti, non ricordo altre date, piuttosto colloco nel secolo (guai se così non fosse per un'insegnante di Storia, benché alle medie inferiori).
    Congratulazioni, cara Cristina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del tuo intervento, Luz, per me è sempre una gioia ricevere i tuoi commenti. Sì, mi piace molto rileggere i miei post sugli esami a distanza di tempo, perché la memoria inizia a svanire pochissimo tempo dopo e ho constatato che si opera una sorta di selezione mettendo in risalto alcuni elementi a discapito di altri. Poi a bocce ferme è divertente rivivere quei momenti. :)
      Comunque l'Età Moderna è un periodo storico complicatissimo, mentre studiavo il Cinquecento mi chiedevo come avessi fatto ad affrontare quell'esame un paio d'anni fa. Con le date proprio non me la cavo, a parte alcune molto facili da memorizzare come per esempio il 1789. ;) A presto e un abbraccio grande.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.