"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

venerdì 2 aprile 2021

#Triduo pasquale: Venerdì santo in arte e poesia

 


La Crocifissione bianca di Marc Chagall (1928), The Art Institute of Chicago.

Dopo questo, Gesù, sapendo che tutto era ormai compiuto, affinché si compisse la Scrittura, dice: «Ho sete». C’era là un vaso pieno di aceto. Avendo dunque messo una spugna piena di aceto attorno a (una canna di) issopo, (la) portarono alla sua bocca. Quando dunque ebbe preso l’aceto, Gesù disse: «È compiuto», e chinato il capo, consegnò lo spirito (Gv 19,28-30).


Amor di vita

Invoco il fior di luce,
la grazia del mattino
quando si scioglie il sonno come un grumo
di sangue scuro: amor di vita torna
a splendere sugli alberi e sul limo.

Erbe tra le macerie
del mondo che riplasma le sue forme,
cedo all'antica brama di fiorire
per sempre sopra l'eterno morire.

ADRIANO GRANDE, Fuoco bianco, in F. Ulivi - M. Savini (a cura di),
Poesia religiosa italiana cit., p. 648




Adriano Grande è stato un rilevante poeta del Novecento italiano, nato a Genova nel 1897 e vissuto a Roma dal 1934 fino alla sua scomparsa avvenuta nel 1972. Apparteneva alla cosiddetta “linea ligure” di quel gruppo di poeti che, nel primo dopoguerra, diedero nuova e vigorosa fioritura alla lirica italiana sollevandola su piano europeo.

La sua ispirazione si giovava d'un apprendimento pittorico ed elegiaco della realtà naturale, e sfociava in un senso cristianamente religioso dell'esistenza. Come poeta ha riportato diversi premi e come narratore anche un premio “Teramo”. È stato anche autore di teatro: una sua specie di farsa filosofica, Faust non è morto, rappresentata a Roma nel 1935, è stata un manifesto per il ritorno allo spettacolo di poesia. Un altro suo dramma, Gli angeli lavorano, fu premiato a San Miniato. Dall'età di sessant'anni si è dedicato alla pittura, e quale pittore naïf è stato invitato alle maggiori mostre nazionali e straniere.

***

Fonte testo:
  1. "Poesie di Dio", 1999 – Einaudi
  2. Biografia da Wikipedia
Share:

8 commenti:

  1. Scusa, Cristina, ma nonostante la potenza dei versi che citi, io resto sempre più attratta dalle opere d’arte. Credo che questa la condividerò su fb, il giorno di Pasqua. 😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto, Marina. Ho letto che questa è l'opera d'arte preferita da papa Francesco. :) Io non la conoscevo, penso che sia un'opera molto complessa e ricca di simboli. Ha una cromia straordinaria, mi piace proprio per la luminosità che emana e sembra prefigurare la Resurrezione.

      Elimina
  2. Molto suggestivi questi articoli, che ho seguito (in ritardo) senza commentare. Tra immagine e poesia si crea una sinergia magica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è venuto in mente che avrei potuto accompagnare i post anche con un brano musicale. Sto seguendo una serie di concerti di Vivaldi, Pergolesi e stasera c'è Haydn in streaming proposti dalla Fondazione Toscanini in occasione della Pasqua. ^_^

      Elimina
  3. Non conoscevo quest’opera, è davvero un’immagine bellissima, tutto quel bianco con Gesù crocifisso al centro che domina il caos rende ancora più tragica la rappresentazione della sua morte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io l'ho scoperta da poco, e l'ho subito scelta per questo trittico di immagini. Mi ha colpito che Gesù sia raffigurato con un "tallit", cioè lo scialle cerimoniale ebreo (cosa che di fatto Gesù era!). Ho letto che l'opera vuole raffigurare il dramma degli ebrei in Europa sul finire degli anni Trenta del Novecento... quasi una profezia dell'imminente e spaventosa persecuzione su vasta scala che si sarebbe scatenata da lì a poco.

      Elimina
  4. La "brama di fiorire / per sempre sopra l'eterno morire" è un sentimento che comprendo in pieno e che credo sia il tratto distintivo di qualunque essere umano, anche di chi si dichiara ateo.
    Chagall non è fra i pittori che prediligo, ma riconosco che questa crocifissione che si erge al centro di scene di sofferenza a lui contemporanee ha una sua suggestività.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il verso che hai scelto appartiene a tutti, e specialmente in questi tempi difficili e faticosi.
      Quest'opera è bellissima. Come scrivevo sopra a Giulia, ho scoperto che Chagall ha voluto rappresentare il dolore ebraico specialmente in rapporto ai pogrom perpetrati in Russia tra il 1881 e il 1921.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

IL MIO CANALE YOUTUBE

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.