"La Storia siamo noi": blog di storia, letteratura e arte

sabato 31 luglio 2021

Il Caffè della Rivoluzione – La variante di Valmont /46





Sono alla disperata ricerca di un bel romanzo storico che mi trasporti in un’altra epoca e che mi faccia sognare e divertire, distogliendomi dalle mie fatiche universitarie. All’inizio dell’anno ero partita benissimo con due libri favolosi: “Il re e il suo giullare” di Margaret George, un poderoso romanzo su Enrico VIII narrato in prima persona del re medesimo, e “Cigni selvatici. Tre figlie della Cina” di Jung Chang, una commovente narrazione autobiografica su tre generazioni di donne che si sviluppa nel contesto della Cina dal 1920 al 1980. Se non li avete letti, li consiglio entrambi perché non vi deluderanno pur descrivendo epoche e contesti diversi e con forme narrative diverse.

Di recente non faccio incontri molto fortunati, però. Senza addentrarmi in particolari, si tratta dei soliti nomi e cognomi che svettano in testa alle classifiche e che vengono salutati come i novelli Walter Scott del romanzo storico. Per quanto mi riguarda, avrei scaraventato volentieri fuori dalla finestra i prodotti di tali penne celeberrime. Dopo una quarantina di pagine di prosa compiaciuta e autoreferenziale (del genere “Ma quanto sono brava, questo non te lo spiego perché lo devi sapere a priori, arrangiati!”) e badilate di personaggi che continuavano ad arrivare pagina dopo pagina, ho gettato la spugna e sono ritornata a suonare alla porta dei miei vecchi amori.

Sto per l’appunto rileggendo “Le relazioni pericolose” di Choderlos de Laclos scritto nel 1782, quindi si può dire alla vigilia della Rivoluzione Francese. Secondo alcuni critici, anzi, tale romanzo, che descrive i costumi corrotti del ceto nobiliare, contribuì non poco a demolire quel poco di credibilità che rimaneva all’aristocrazia francese. Il romanzo appartiene al genere epistolare, molto in voga all’epoca, ed è un intreccio di lettere tra vari personaggi altolocatiL’intrigo è volto a far perdere la reputazione a un’integerrima donna sposata, e la verginità a una fanciulla appena uscita dal convento, ed è condotto con grande freddezza e cinismo dalla vendicativa marchesa di Merteuil e dal seduttivo visconte di Valmont, suo complice ed ex-amante.



Le relazioni pericolose
 di Stephen Frears (1988)
 
Tale romanzo è una magistrale rappresentazione del libertinaggio – un vero e proprio “esercizio” non soltanto carnale, ma anche intellettuale e filosofico, su cui ci sarebbe molto da dire - e il linguaggio è un’ottima materia di studio per chiunque si cimenti con il periodo e ne voglia imitare lo stile. L’autore, Choderlos de Laclos, era un militare, e la tecnica di corteggiamento, seduzione e conquista di Valmont è un vero e proprio manuale di strategia offensiva su come condurre un assedio e l’espugnazione, in questo caso non di una fortezza ma di una donna. Questo gioco crudele condotto a tavolino non fa però i conti con l’imprevedibilità dei sentimenti, che finiscono per sparigliare le carte e travolgere i primo luogo gli artefici della trama macchinosa. nessuno si salva, però, né protagonisti più maturi né i giovani, nelle cui esistenze finisce per insinuarsi una sottile vena di corruzione, al punto che l'autore ci lascia intravedere un futuro di emuli della marchesa e del visconte.

Oltre a essere considerato uno dei capolavori della letteratura francese, il romanzo ha fornito lo spunto a più di un film. Avevo visto Le relazioni pericolose diretto nel 1988 da Stephen Frears, di cui potete vedere qui un fotogramma. Il film si avvale di Glenn Close nel ruolo della perfida Madame de Merteuil, John Malkovich che interpreta Valmont, Michelle Pfeiffer come Madame de Tourvel, una giovanissima Uma Thurman e un altrettanto giovane Keanu Reeves. Pur apprezzandolo molto, lo avevo trovato un po’ cerebrale e con alcuni attori, pur bravi, non completamente adatti al ruolo come Malkovich, che ha una fisionomia piuttosto inquietante. Avevo visto anche un'interpretazione in chiave moderna e statunitense: Cruel Intentions, film del 1999 diretto da Roger Kumble, un adattamento che mi era piaciuto immensamente. 

Mi mancava peròValmont di Milos Forman, con Colin Firth, Annette Bening, Meg Tilly, Fairuza Balk. Il film, del 1989, ha ricevuto una nomination all'Oscar e ha vinto nel 1990 il premio César per i migliori costumi. Finalmente ho avuto occasione di godermelo su amazon prime, e ne sono rimasta entusiasta: è uno dei più bei film sul Settecento che abbia visto! Ecco alcune fotografie che ho tratto dal sito della imdb (qui il link diretto), dove potrete trovare moltissime altre immagini nonché il trailer in inglese del film.


Annette Bening nel ruolo della marchesa di Merteuil e....
nella vasca da bagno.


Colazione sull'erba per la dolce signora di Tourvel
e l'intrigante marchesa.



Il gioco delle parti
dove tutti fanno finta di essere quello che non sono.


Il marchese di Valmont in piena azione,
anche se il seduttore sarà conquistato.


La carrozza personale era il vero "must" dell'aristocrazia.


Nonostante la fedeltà alle crudeli vicende narrate nel romanzo, Valmontè un film gioioso e sorridente a partire dai protagonisti, tutti giovani e perfettamente adatti al ruolo. Non è un caso che il titolo non sia “Le relazioni pericolose”, ma “Valmont” ovvero che porti alla ribalta l’elegante e seduttivo marchese, qui interpretato da un affascinante Colin Firth. I colori, gli abiti e le ambientazioni sono solari, ricchi ed eleganti, e molte scene mi hanno ricordato “Amadeus”. Ogni scena è un vero gioiello e andrebbe studiata con attenzione per quanto è curata, sia negli interni (mobili, tendaggi, vasellame, orologi…) che negli esterni (colazioni sul prato, giardini, gare di tiro con l’arco, cavalcate, passeggiate in campagna, stradine mefitiche di Parigi…). 

La sceneggiatura si avvale di dialoghi scoppiettanti, ironici e con pericolosi doppi sensi che esprimono in maniera perfetta quell’esprit che era la cifra dell’alta società e un vero marchio di stile. Insomma, tutti sembrano divertirsi in questo gioco pur perverso, e la storia perde un po' la sua carica drammatica, che si stempera definitivamente nella scena finale, una sorta di beffarda vittoria finale da parte di Valmont stesso. In quanto a me, ho deciso di farmi fare una giacca azzurra ricamata a fiori come quella che esibisce il marchese in questa fotografia!


***

Avete visto questo film e vi piace il genere? Potete consigliarmi qualche bel romanzo storico da leggere?

Share:

11 commenti:

  1. Se non temi storie un po' tragiche, posso consigliare "L'uomo che ride", ambientato in Inghilterra nel periodo Post-Cromwell, o "Novantatré", ambientato durante la Rivoluzione Francese. Entrambi di Victor Hugo. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Filippo, come prima cosa benvenuto nel blog. "L'uomo che ride" lo avevo letto tantissimi anni fa, e l'ho ancora in casa. Mentre mi è sfuggito "Novantatré" che voglio leggere assolutamente visto che è il mio periodo prediletto! Ti ringrazio quindi del prezioso consiglio. :) A presto e buona giornata.

      Elimina
  2. Ho visto entrambi, sia quello di Frears che quello di Forman. Entrambi, sia pure con una diversa "tonalità narrativa", sono perfettamente riusciti.
    Riguardo il consiglio, come sai sono in pieno blocco del lettore da qualche mese, faccio fatica persino con romanzi da cento pagine scarse e contenuti scorrevoli...
    Visto il tuo amore profondo per il settecento posso consigliarti un film (che probabilmente avrai pure già visto) ovvero "Barry Lindon" di Stanley Kubrick. É interminabile e un po' lento, ma non noioso, e racconta il settecento in Inghilterra tramite le vicende del protagonista e ha - come tutti i film di Kubrick - una cura maniacale per i costumi e le ambientazioni sceniche.
    Parlando di letture, posso consigliarti "Stella mattutina" di Ada Negri. Non è propriamente un romanzo storico però riesce a rendere bene come era la vita per una famiglia di ceto basso nella Lombardia di fine ottocento, visto che ovviamente la narratrice la viveva in presa diretta. Ha un stile narrativo molto emozionale, lirico (d'altronde era una poetessa) e sottolinea anche in modo involontario certe barriere tra classi sociali, con una madre operaia in fabbrica e un fratello "scapigliato".
    Peraltro, se non hai problemi a leggere con l'ereader o il tablet, lo puoi scaricare gratuitamente da liberliber.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco benissimo quando mi parli del blocco del lettore. A me non era mai capitato, tuttavia, come avevo già detto in altra sede, la pandemia ha sconvolto i miei equilibri anche come lettrice. A quest'ora avrei già letto una trentina di libri, mentre mi sono accorta che sono arrivata a quota tredici e sono quasi tutti saggi universitari. D'accordo che le letture non si basano sulla quantità, ma sulla qualità di quello che si legge e di come si legge, ma per me sono pochini. Vabbeh, verranno tempi migliori.
      "Barry Lindon" lo avevo visto molti anni fa, ricordo che era, come dici, lunghissimo e anche lento. Non avevo amato particolarmente la storia, avevo trovato il tutto parecchio algido, ma è una questione di gusti. Avevo adorato, invece, "Master and Commander" (tutt'altro genere), lo avrò visto quattro o cinque volte, e anche in lingua originale. Anche quel film è di una precisione maniacale, peraltro.
      Ti ringrazio moltissimo del consiglio, in effetti conosco Ada Negri come poetessa, non in veste di scrittrice. So che la ami in modo particolare. :)

      Elimina
  3. Ho visto il film Le relazioni pericolose e mi era sembrato davvero una trama crudele, invece Valmont con Colin Flirt non l’ho visto (direi che rispetto a John Malcovich è tutto un altro vedere), se mi capita lo guardo volentieri. Per il romanzo non saprei consigliarti visto che non sono molto...pratica di romanzi storici, in pratica ho letto solo i tuoi anche se ne ho comprato uno di Riccardo Bruni Il leone e La Rosa, era un eBook in offerta e l’ho preso ma devo ancora cominciare, non so come è...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho terminato di rileggere il libro proprio ieri, e confermo che la storia è tremenda. La lettera con cui il visconte di Valmont lascia la signora di Tourvel è un capolavoro di malvagità, e peraltro lui - da vero allocco - in pratica se la fa dettare alla Merteuil che è l'eminenza grigia che sta dietro a tutta la storia.
      Colin Firth secondo me è più adatto come fisionomia a intrepretare il visconte, sono comunque due film molto diversi come ha bene evidenziato Luana nel suo commento. :)

      Elimina
  4. I romanzi storici, questi sconosciuti, potrei dire. Niente consigli da me, purtroppo! Gli unici romanzi storici che ho letto e leggo sono molto particolari, scritti da un'autrice che conosco personalmente... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi sarà mai costei che scrive romanzi così particolari? ;) Mi sa che la conosco perché sta cestinando un suo romanzo in forma manoscritta e riscrivendolo ex-novo!

      Elimina
  5. Pensa che invece a me "Valmont" non piacque affatto perché avevo letteralmente adorato l'altro film del 1988. Credo si tratti proprio dell'atmosfera che hai citato tu, quella gioiosa vitalità del secondo film, oltretutto diretta da chi aveva saputo raccontare tanto bene Mozart, non ricalca il dramma della storia, anzi la tradisce. Direi che è del tutto una rilettura. Capisco però che tu la possa apprezzare, perché oggettivamente anche quello è un bel film. Gli interpreti di "Le relazioni pericolose" erano però a mio avviso perfetti, giganti della drammatizzazione. Sì, Malkovich sicuramente un volto che non ha le fattezze dolci di un Firth, ma un attore che ritengo perfetto in ogni suo ruolo. Lì quei lineamenti duri si accordavano con l'accanimento instancabile verso la vittoria della scommessa, il suo cercare disperatamente di dare conferma a una capacità seduttiva che doveva abbattere l'abnegazione della fragile Tourvel (una Pfeiffer magistrale, dolente), ma poi anche il dramma personale dell'innamoramento. Dove sono finiti questi film meravigliosi? Perché il cinema è morto???
    Suggerimenti riguardo a romanzi storici... Dipende da quale periodo ti emoziona di più, ma conoscendoti direi dal medioevo fino al Settecento. Avrai letto i grandi classici, come I miserabili, grande romanzo storico sulla piccola rivoluzione parigini del 1832, io voglio rileggerlo, spero di farlo questo autunno. Ho da poco acquistato Alabama di Alessandro Barbero, che essendo uno storico avrà costruito un romanzo perfetto, poi Amatissima di Toni Morrison, che le valse il Nobel (questo pure lo leggerò a breve, dopo l'estate). Mi vengono in mente questi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rettifico, Amatissima le valse il Pulitzer. Il Nobel più propriamente per un insieme di romanzi compreso questo.

      Elimina
    2. Come scrivevo a Giulia nel mio commento, ho terminato ieri di rileggere il romanzo e confermo che è una storia di una crudeltà assoluta. Ho riletto anche la biografia dell'autore che in pratica scrisse solo quest'opera, la quale suscitò scandalo e parecchia riprovazione al tempo, e poi il commento del critico contemporaneo. Questi personaggi sono dei veri automi da guerra, tutti tesi a distruggere e rovinare la vita e la felicità degli altri, e il bello è che non estraggono armi (se non alla fine, per via del duello) ma parole... eppure ci riescono benissimo. L'altro scopo cui sono tesi è la ricerca del piacere, e la soddisfazione della propria vanità. Penso che la marchesa di Merteuil sia uno dei personaggi più malvagi della letteratura, un vero concentrato di cattiveria, e il visconte alla fine risulta quasi un burattino nelle sue mani, come fosse una sorta di agente. Il vero deus ex-machina è lei!
      Per quanto riguarda i romanzi, ho scoperto il piacere che può dare la rilettura di un classico, ma anche scovare altri romanzi di autori classici che non si ha avuto il tempo di leggere. Mi viene in mente, per esempio, che non ho mai letto "Il circolo Pickwick" o "Casa Desolata" di Dickens. "Amatissima" la lessi anni fa e si tratta di un capolavoro. Questi sono i romanzi che aiutano i neri a combattere le ingiustizie di cui sono ancora vittime, a rivendicare i propri diritti, basandosi sulla storia, e non le stupidaggini all'insegna del politically correct. Ho ripreso un elenco che mi ero fatta di romanzi da leggere, e ho trovato "La bambinaia francese" di Pitzorno, mi ricordo che ne avevi parlato nel blog.

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

Subscribe

* indicates required

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Sono redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. Mi piace scrivere e sono appassionata di Storia. In quest'ambito ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

IL MIO ULTIMO LAVORO

Parigi, 1789. Maximilien Robespierre, Georges Danton, Camille Desmoulins, Antoine de Saint-Just sono tra i protagonisti della Rivoluzione Francese. Ma come si arriva a far scoppiare una rivolta di tale portata, a diventarne il volto e a capeggiare le sue fasi sanguinarie? Solo scandagliando il passato si scioglierà l’enigma. È nella loro infanzia, nella formazione politica e sentimentale, in relazioni proibite consumate nell’ombra, che incomincia a dipanarsi la matassa. Ne emerge un disegno rivelatore di tormentati legami che li uniscono sin dalle esistenze passate. E che li attira verso la bellissima Lucile Duplessis, fenice che rinasce dalle sue stesse ceneri.

La Fiamma e la Rosa

Un visitatore dei nostri giorni entra in una chiesa e incontra la misteriosa Donna dell’Affresco, che gli narra una storia di amore e adulterio tra due giovani nella Firenze di Lorenzo de' Medici. Siamo alla fine del Quattrocento, e la città è al culmine del suo splendore artistico e culturale. Firenze è però destinata a incupirsi con l’avvento del frate domenicano Girolamo Savonarola e della sua eresia, e lo stesso avverrà per le vicende dei due amanti. Alla fine del racconto, il visitatore comprende che quella storia antica lo riguarda molto da vicino…

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.