"La Storia è un ponte fra terra e cielo": blog di storia, letteratura e arte

sabato 2 luglio 2022

Galleria di grandi donne: Katherine Mansfield / 10 - seconda parte


Dopo il post di Clementina sui Fanti nei Tarocchi (qui), e l’excursus su vino e antichità di Antonella (qui), proseguo molto volentieri nel racconto dell’esistenza e delle opere di Katherine Mansfield, ricavato dagli appunti di una serie di conferenze cui partecipai nel 1982. 

Vi rammento che potete trovare la prima parte relativa all’infanzia e alla prima giovinezza di questa scrittrice, giornalista e poetessa al seguente link.


Ritratto di una scrittrice

Il ritratto che fa di Katherine la scrittrice Lucia Drudi Demby è esemplare:

Fronte robustamente caparbia, morbide labbra di soave ipocrisia, naso un po’ corto, avverso, si direbbe, a un gran numero di pietanze e imbandigioni, frangetta un po’ in disordine, umida, come di ragazza che si è alzata troppo presto e ha camminato troppo a lungo, coraggiosamente e sbadatamente, fra vecchi salici di rugiada. Ampia e aristocratica per costituzione, occhi proustianamente discordi: uno più piccolo e fermo, più denso e imperscrutabile, ricevente, sembra, sotto l’ampio arco sopraccigliare, più grande l’altro, aperto ed emittente di avvertimento e di tenerezza. Palpebre delicate e febbrili, collo alla Louise Brooke, pensieri affollati nella scatola gracile del corpo.”

Aveva quindi un fascino non da poco: l’amavano, ma spesso ne avevano paura, come fanno gli uomini con le donne che dicono troppo la verità. Soprattutto con Virginia Woolf aveva un rapporto di amore-odio, di rivalità letteraria.


La carriera letteraria

Essa dura solo dodici anni: dal 1910, in cui pubblica i primi racconti in “The New Age” (“La Nuova Era”), e viene paragonata fin dal primo momento a Čechov per l’elemento fantastico, inafferrabile, precario dei suoi racconti, fino al 1922, anno della morte. Alcuni dei suoi libri vengono pubblicati postumi, ma sono tutti dei lunghi racconti o dei romanzi brevi.
 


Famosissimo è il racconto “Felicità” che ha un crescendo ineguagliabile e che finisce nella maniera più triste. È un esempio classico dello stile di Katherine, cui capitava spesso di sentirsi colma di un empito di felicità per poi vedersi franare ogni cosa sotto i piedi. Vi suggerisco di prendervi una mezz’oretta di tranquillità (28:41) per dedicarvi all’ascolto di questo mirabile racconto nell'audio che ho trovato su youtube.



In un altro bellissimo racconto, “Preludio” (“Prelude”), Mansfield dà il ritratto della madre, amata tantissimo e in cui in parte si identifica. Il racconto fu pubblicato dalla Hogarth Press nel luglio 1918, dopo che la stessa Virginia Woolf l’aveva incoraggiata a finire la storia. Mansfield aveva iniziato a scrivere “Preludio” mentre stava avendo una storia d’amore a Parigi nel 1915.


Una tragedia in famiglia

C’è un altro genere di identificazione, stavolta con il fratello Leslie soprannominato Chummie dalla famiglia, la cui perdita è per lei uno dei momenti più tragici della sua vita. Questi, prima di essere chiamato al fronte durante la Prima Guerra Mondiale, passa un pomeriggio nel giardinetto con Katherine. Quando cade una pera dall’albero, il ragazzo le chiede: “Ti ricordi?” e di colpo ritorna tra loro, che sempre si sono amati, tutta l’infanzia e l’isola selvaggia della Nuova Zelanda. Katherine capisce che la sola persona che l’abbia veramente amata e capita è stato questo fratello. 

Egli va al fronte e dopo dieci giorni muore all’età di 21 anni. Katherine entra in uno stato quasi di ipnosi, come se dovesse, attraverso se stessa, riavere il corpo del fratello, diventare lei stessa il fratello. Nelle lettere scrive che sentiva il dovere di parlare della loro isola come avrebbe voluto che ne parlasse suo fratello. Una notte fa un sogno lunghissimo, e in questo sogno avviene il passaggio dall’uno all’altra, e Katherine, svegliandosi, ha la sensazione di essere suo fratello, di avere un’altra bocca e che i suoi occhi sbattano come faceva suo fratello al risveglio. Questa identificazione la porta, com’è ovvio, a uno stato quasi di follia, a causa di questa presenza perduta a livello fisico, ed entrata a livello spirituale.

Menin Road di Paul Nash (1918),
The Imperial War Museum, Londra.

 
Nella poesia "Sleeping together", ecco come ricorda l’infanzia e il sonno del fratello piccolo:

Sleeping together … how tired you were! ...
How warm our room … how the firelight spread
On walls and ceiling and great white bed!
We spoke in whispers as children do,
And now it was I - end then it was you
Slept a moment, to wake - “My dear,
l'm not at all sleepy"; one of us said ...
Was it a thousand years ago?
I woke in your arms -you were sound asleep -
And heard the pattering sound of sheep.
Softly I slipped to the floor and crept
To the curtained window, then, while you slept,
I watched the sheep pass by in the snow.
O flock of thoughts with their shepherd Fear
Shivering, desolate, out in the cold.
That entered into my heart to fold!
A thousand years ... was it yesterday
When we, two children of far away,
Clinging close in the darkness, lay
Sleeping together? … How tired you were! …

Poesie e prose liriche, a cura di Maura Del Serra, Pistoia, Petite Plaisance, 2013


Katherine dice del fratello che facevano un solo bambino in due. “Sebbene Katherine camminasse sentendo l’aria e il vento, era sepolta vicino al corpo di lui. Ora il presente e l’avvenire non avevano più significato e le cose le erano care soltanto se le ricordavano lui ancora vivo,” scrive Pietro Citati nella biografia “Vita breve di Katherine Mansfield.” “Adesso, mio caro,” scrive nel suo diario, “devo fare qualcosa per noi due, poi verrò anch’io prima possibile.”


L’insorgere della malattia

Katherine ribadisce: “Ti raggiungerò presto.” In quel momento scatta in lei la coscienza che la sua fine è molto vicina, infatti morirà pochi anni dopo. Cominciano i dolori al polmone, l’ansietà nel respiro e nei gesti, la prima emottisi, dopo la quale scrive allegramente al marito Murry: “Niente di grave: posso camminare, posso saltare, posso scrivere, questo è quello che conta.” Mai Katherine ha fatto dell’autocompatimento, che odiava, e negava il rimpianto: uno scrittore deve abolire il rimpianto, che è quanto di più sterile esiste. Tanto vale guardare il presente e, se ne siamo capaci, appena al domani.

È il momento della malattia e della peregrinazione, in ospedaletti in cui è infelicissima. Una volta o due viene anche in Italia, dove si reca sull’Isola Bella del Lago Maggiore, poi torna a Parigi e a Londra. A proposito degli alberghi, scriveva: “Oh, come odio gli alberghi, so che morirò in un albergo. Mi troverò davanti la tovaglietta ad uncinetto di una toilette, raccatterò una lunga, invisibile forcina lasciata dalla «signora» precedente e morirò di disgusto. È veramente comico amare come me, amare appassionatamente le belle camere, i bei mobili, i colori, la quiete, ed errare eternamente in queste camere tappezzate a uccello o a crisantemi.

Nella descrizione che fa di questi luoghi c’è tutta un’epoca, un’epoca perduta, di un mondo ormai chiuso per sempre: il mondo della Belle Époque. È una testimonianza storica di uno dei pochi periodi felici del Novecento. Katherine non morirà in un albergo, ma il suo trapasso avverrà in maniera persino peggiore. Scrive infatti al marito Murry, il suo perno nella vita, che però le diede così poco: “Se tutti non va bene fra noi, non posso scriverne nemmeno una riga. Io scrivo a modo mio attraverso di te. Dopo tutto è l’amore per te, nel profondo, che mi fa vedere e sentire.” Tutto le crolla intorno: la salute, la letteratura che non le interessa più, la società del dopoguerra.


L’incontro con Gurdjieff

Pensa allora di poter trovare pace seguendo le teorie di una sorta di guru che gestiva un istituto, di nome
Georges Ivanovič Gurdjieff, che potete vedere qui nella foto. L’istituto era vicino a Fontainebleau e si sosteneva che gli riuscisse di conciliare anima e corpo – e dunque avrebbe potuto sanare quella scissione che Katherine avvertiva in maniera così importante. Il suo corpo voleva vivere, l’anima invece avvertiva la morte, il nulla. La vita le sfuggiva, le cose le piacevano, la verità non esisteva anche se la cercava. 

In poche parole, Katherine Mansfield viveva le sue contraddizioni intensamente, e la speranza di poter trovare un equilibrio in tutte le sue contraddizioni la spinge a entrare in questo istituto. 

Così dice Citati nella biografia: "Dapprima la Mansfield abitò in una stanza bella e sontuosa, poi il capriccio sovrano di Gurdjieff la trasferì in uno stanzino tetro, piccolo e povero, uno di quei covili dove dormono nella sporcizia i personaggi di Dostoevskij e Kafka, mentre un inverno freddissimo avanzava sotto i boschi di Fontainebleau. Si raggomitolò nella sua pelliccetta chiedendo il lusso agli ospiti del castello la carta per accendere il fuoco, la legna e i fiammiferi. Finché un altro capriccio la restituì alla gloria della sua prima stanza. Aveva appreso la prima lezione dell'istituto: doveva staccarsi da tutte le cose, vivere come una fuggiasca sotto le tende, sopportare il disordine, la povertà, la sporcizia e i cattivi odori come fossero effluvi del paradiso. La mattina si alzava presto e si lavava con l'acqua gelata, facendo colazione con gorgonzola e marmellata di mele cotogne. Passava la giornata vivendo una vita fisica e laboriosa che negli ultimi tempi aveva desiderato: curava le pecore, i maiali mistici dalle lunghe setole dorate, i conigli cosmici, le oche così piene d'intelligenza, le galline e le capre; andava in cucina a raschiare le carote e a sbucciare le cipolle fino a rovinarsi le mani, o semplicemente a guardare il lavoro degli altri. Osservava il falegname piallare e fabbricare mobili, pensando che presto anche lei avrebbe lavorato il legno; cuciva i costumi per il teatro, lavava il bucato, faceva dei tappeti con lunghi steli di grano e ascoltando musica imparava una libera aritmetica mentale, dove 2 x 2 faceva 1, 3 x 3 faceva 12, 4 x 4 = 13, 5 x 5 = 28. A pranzo mangiava fagioli e cipolle, vermicelli con zucchero e burro, vitello avviluppato in foglie di lattuga e cotto nella panna. Alle dieci andava a letto, sebbene Gurdjieff  cambiasse sovente gli orari, perché nessuna delle sue vittime riposasse mai nella fiducia."

(segue la terza e ultima parte)

***

Ebbene, che cosa vi ha colpito di più in questa seconda parte? Conoscevate la figura di  Gurdjieff? 

***

Fonti testo:
  • Tutti i racconti di Katherine Mansfield - Adelphi
  • Vita breve di Katherine Mansfield di Pietro Citati - BUR
  • “Sleeping together” da Poesie e prose liriche, a cura di Maura Del Serra, Pistoia, Petite Plaisance, 2013
Fotografie: Wikipedia
Share:

8 commenti:

  1. Mi colpisce vedere come il tentativo di trovare una "via" abbia invece finito col farle perdere la bussola. Probabilmente quel che cercava non è di questo mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono anime che nascono con delle proprie fragilità e contraddizioni che non sempre riescono a risolvere. Fatte le debite distinzioni, mi sembra che la vicenda esistenziale di Katherine Mansfield assomigli molto a quella di certi cantanti recentemente scomparsi (Jim Morrison, Amy Winehouse, Kurt Cobain...), che si sono bruciati le ali anzitempo.

      Elimina
  2. Mi interrogo sulle origini del rapporto con il fratello (non parlo di incesto). Non mi meraviglia che lei sia morta così giovane. Forse l'intensità con cui è vissuta le ha fatto completare il suo percorso anzitempo, anche se a noi sembra soltanto una morte prematura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Katherine era come una candela che brucia alle due estremità in modo inarrestabile. In casi simili mi chiedo sempre che cosa avrebbe potuto produrre un talento simile, se fosse vissuta più a lungo... un po' come John Keats o altri poeti morti giovani.

      Elimina
  3. Mi ha colpito tutto!
    Senza dubbio lei appartiene a quel cluster di artisti nei quali si concentra un tasso di creatività altissimo e che, forse proprio per questo, ad un certo punto della loro giovane vita hanno un tracollo pesantissimo e letale.
    Devo dire che a me la figura di Gurdjieff è sempre risultata interessantissima. Non penso affatto che la sua vicinanza le abbia nuociuto. Certo, i suoi metodi erano sui generis - lui aveva studiato in modo approfondito il sufismo e altre filosofie orientali-, ma bisogna anche ricordare che partiva dall'assunto secondo cui le persone vivono in uno stato di totale incoscienza. Se ci pensiamo, è difficile dargli torto, soprattutto guardandoci intorno, per strada (perlopiù le persone sono immerse nei propri pensieri e non si accorgono nemmeno di ciò che fanno). Quindi, i suoi programmi avevano come obiettivo quello di risvegliare la coscienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio del bellissimo commento e per il tuo entusiasmo. :) In effetti gli spunti di questo post sono molti, dall'attività letteraria al rapporto simbiotico con il fratello, alla tragedia della guerra e al tentativo di ricondurre a unità un'interiorità che in lei si era frantumata. Katherine Mansfield è stata anche paragonata a un Rimbaud femmina per la convulsa brama di vivere e di sperimentare. Io penso che anche la scelta letteraria del racconto non sia un caso e la rispecchi in pieno.
      Concordo, la figura di Gurdjieff è molto interessante, anche se nella biografia Citati la demolisce, a quanto mi ricordo. Ho un'amica che anni fa aveva seguito il metodo Gurdjieff, e mi parlava proprio di questa cosa di cui scrivi, cioè che la maggioranza delle persone vive in uno stato di sonno da cui ben pochi riescono a svegliarsi dopo un lungo percorso di illuminazione.

      Elimina
  4. Quello che colpisce di più di questa donna è la continua ricerca di un equilibrio (anche atttaverso il guru Gurdjieff), del resto è spesso così per molti artisti, soprattutto quelli che muoiono molto giovani. Mi chiedo anche se la loro ansia di bruciare le tappe in ogni cosa non sia quasi un presentimento della brevità della loro vita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si tratta di anime tormentate dalla nascita, come se si portassero sulle spalle una predestinazione. Mi vengono in mente tanti cantanti, poeti, scrittori morti giovanissimi e che pure seppero esprimere in pieno, in un breve lasso di tempo, un talento e una genialità innegabili. Anch'io mi faccio delle domande, quando mi imbatto in questi casi...

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

Subscribe

* indicates required

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Ho studiato lingue straniere al liceo, e mi sono laureata in Storia con 110/110 e lode. Lavoro come redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. In ambito storico ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel Medioevo, e un altro nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

COLLABORA CON ME

COLLABORA CON ME
Clementina Daniela Sanguanini, nata anche lei a Milano nel 1963. Nella sua professione si occupa di inchieste sociali e ricerche di mercato, con specializzazione in progetti di ricerche motivazionali. La appassiona tutto ciò che concerne l’arte, la storia, la letteratura, il teatro, i viaggi, la musica e il cinema. Ha scritto un romanzo giallo, "Niente Panico", edito da Montecovello Editore. I suoi articoli pubblicati nel blog si trovano ne "L'angolo di Cle".

IL MIO ULTIMO LAVORO

Il Fuoco di Prometeo

Parigi, 1790. Alla vigilia delle nozze di Camille, Maximilien Robespierre incontra la futura sposa dell’amico e vorrebbe impedire il matrimonio. Ma accade l’impensabile e i sentimenti dell’Incorruttibile cambiano in maniera radicale. Si scatena dunque tra i due uomini una lotta feroce, riflesso della violenza crescente di una Francia sconvolta dalla rivoluzione. Tra insurrezioni di popolo, rivolte interne, guerre contro le potenze europee, i maggiori leader politici – Robespierre, Danton, Marat, Saint-Just – cercano disperatamente di arginare il caos ed evitare che la nazione sprofondi nella guerra civile. Tuttavia, nel groviglio avvelenato delle loro esistenze, gli enigmi del passato continuano a ripresentarsi, e pretendono a gran voce di essere risolti. Perché Robespierre continua a sognare un cavaliere templare di nome Jacques? Emerge così un’incredibile “storia altra”, dove nessuno è come appare e dove la verità andrà oltre ogni possibile immaginazione.

Cliccate sul titolo per scaricare un estratto

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando però di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.