"La Storia è un ponte fra terra e cielo": blog di storia, letteratura e arte

sabato 5 novembre 2022

L'incipit del romanzo "Il Fuoco di Prometeo"


Buongiorno a tutti!

Oggi vi propongo l'incipit del romanzo Il Fuoco di Prometeo, ovvero il prosieguo de I Serpenti e la Fenice di cui vi ho parlato qui. Apro il post con il quadro "Signed with Love" di Gianni Strino. 

Leggendo, potete anche ascoltare il brano menzionato nel passaggio a questo link. Il brano è "Le Nozze di Figaro" di Wolfgang Amadeus Mozart K. 492, opera buffa in quattro atti rappresentata nel 1786 e nello specifico il coro finale "Contessa, perdono." 

L’uccello sul davanzale

Te ne eri andato in silenzio, come arretrando, e per molti anni non avevamo più parlato. Avevo nostalgia della tua presenza in casa… così, un giorno apersi il cassetto della scrivania e ne trassi un foglio di carta. Inforcai gli occhiali, dispiegai la pagina, e sorrisi nel riconoscere la tua scrittura, infantile e nervosa. Era l’espressione del tuo carattere, uno zolfanello pronto a incendiarsi per un nonnulla. Alto e magro, vestivi perennemente di nero, con i capelli corvini sciolti sulle spalle, gli occhi scintillanti. Possedevi una bellezza bizzarra ed efebica, seducente per uomini e donne. Solo che eri morto. Morto da molti anni.

Tutto era cominciato con un disegno. Il disegno di un fiore tracciato con mano esitante. Dapprima mi avevi ricordato di essere stato più abile nell’uso della tua penna acuminata, quella con cui scrivevi il tuo giornale. Avevi proseguito con brevi messaggi, e quindi lunghe lettere, che mi facevi trovare nei luoghi più inaspettati della casa. Mi scrivevi di quanto mi avevi amata e, pure, quanti piccoli e grandi tradimenti tu avessi perpetrato quando ero stata tua moglie. La rivoluzione, dopo averci macinato come grano, ci aveva riavvicinati nell’estrema sofferenza.

Leggevo con avidità mista a malinconia e, in quel mentre, sul davanzale della finestra aperta si posò un uccello. Alzai gli occhi: era un grosso uccello marrone dal ciuffo spettinato. Risi: era il più brutto volatile che avessi mai visto. Mi fissò con un occhio solo, rotondo come uva passa, e si mise a cinguettare. E, dall’impianto stereo si levò, soavemente, una musica: era la scena conclusiva de Le Nozze di Figaro di Mozart con la richiesta del perdono, e il coro finale.

Ah! Tutti contenti
Saremo così.
Questo giorno di tormenti,
Di capricci e di follia,
In contenti e in allegria
Solo amor può terminar.
Sposi, amici, al ballo! al gioco!
Alle mine date fuoco,
Ed al suon di lieta marcia
Corriam tutti a festeggiar.


L’uccello cantò fino alla fine, e io mi sentii parte di un momento di pura bellezza. Sopravvenne il silenzio. Dissi: “Ti perdono. Amore mio, ti perdono… ma ritorna da me. Torna a parlarmi.” Come se non avesse atteso altro, l’uccello inclinò la testa e mi inviò uno sguardo lucido di gratitudine. Però scomparve nel cielo azzurro, in una goccia di sole e con un frullo d’ali.

Mi alzai e andai alla finestra nel tentativo di vedere dove fosse finito, invano. Oltre il vetro si stendeva il panorama di un’anonima cittadina del nord Italia, con tetti alti e bassi, antenne televisive, comignoli, cartelloni pubblicitari. In strada, sfilavano automobili e, ogni tanto, delle biciclette. Pochi passanti camminavano in fretta alle loro destinazioni, o uscivano dai negozi.

Poi mi accorsi che la visione stava cambiando, come nei frammenti colorati di un caleidoscopio che la mano di un bambino scuote e rimescola. Il cielo si andava incupendo nel buio dell’inverno, e l’architettura degli edifici era mutata. Sconcertata, guardai meglio e scorsi una carrozza che stava sferragliando lungo la strada di Parigi. Al suo interno, vi era una giovane che stava andando a un incontro a lungo rimandato, e molto temuto – il 13 dicembre 1790.

Allora mi sedetti al mio tavolo, presi la penna e ricominciai a scrivere. Soltanto in quel modo lui sarebbe tornato.

***

P.S. Ho aperto anche una pagina pubblicitaria su Facebook dedicata al blog, chi è iscritto a questo social può trovare la pagina a questo link e, se lo desidera, mettere un Like o seguirmi come Follower. Vi aspetto!
 

Share:

8 commenti:

  1. Un po' inaspettato come incipit, almeno a giudicare dai riferimenti storici...
    Su facebook sono praticamente assente, ma certamente continuerò a sostenerti sul blog e su instagram.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti questo è un Prologo, che poi si raccorda al "vero" inizio. ;) Grazie mille per il tuo sostegno extra-fb!

      Elimina
  2. Carissima Cristina, come ben sai, non sono presente sui social, ma il mio sostegno alle tue bellissime opere è fuori discussione!

    RispondiElimina
  3. Interessante incipit, in effetti come inizio non ricorda un romanzo storico a parte la visione della carrozza che passa lungo le strade di Parigi. Verrò a seguirti su Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, come scrivevo ad Ariano il testo è una sorta di Prologo, come avevo fatto anche per "I Serpenti e la Fenice". Grazie del tuo commento e a presto!

      Elimina
  4. La particolarità del prologo, così lontano dalla storia in apparenza, crea una suggestione che incuriosisce, e mi dà l'impressione di essere risucchiata nel passato. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che originariamente avrei voluto inserire anche delle parti ambientate nella contemporaneità, ma sarebbe risultato un lavoro superiore alle mie forze. Così mi sono accontentata del prologo. 😉

      Elimina

- Per inserire immagini nei commenti usate questa sintassi: [img]URL_Immagine[/img]
- Per inserire video nei commenti usate questa sintassi: [video]URL_Video[/video]
Sono supportate immagini in JPG, PNG e GIF e video di Youtube e Vimeo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER MENSILE...

... e riceverai in regalo tre racconti storici!

Subscribe

* indicates required

QUALCOSA DI ME

QUALCOSA DI ME
Mi chiamo Cristina Rossi, e sono nata a Milano nel 1963. Ho studiato lingue straniere al liceo, e mi sono laureata in Storia con 110/110 e lode. Lavoro come redattrice e ricercatrice iconografica nel settore scolastico per le lingue moderne. In ambito storico ho scritto e pubblicato sei romanzi, svariati racconti e due drammi teatrali. Ho in cantiere una serie di romanzi ambientati nel Medioevo, e un altro nel periodo della Rivoluzione Francese. Lo pseudonimo di Cavaliere è il mio omaggio al Medioevo.

COLLABORA CON ME

COLLABORA CON ME
Clementina Daniela Sanguanini, nata anche lei a Milano nel 1963. Nella sua professione si occupa di inchieste sociali e ricerche di mercato, con specializzazione in progetti di ricerche motivazionali. La appassiona tutto ciò che concerne l’arte, la storia, la letteratura, il teatro, i viaggi, la musica e il cinema. Ha scritto un romanzo giallo, "Niente Panico", edito da Montecovello Editore. I suoi articoli pubblicati nel blog si trovano ne "L'angolo di Cle".

IL MIO ULTIMO LAVORO

Il Fuoco di Prometeo

Parigi, 1790. Alla vigilia delle nozze di Camille, Maximilien Robespierre incontra la futura sposa dell’amico e vorrebbe impedire il matrimonio. Ma accade l’impensabile e i sentimenti dell’Incorruttibile cambiano in maniera radicale. Si scatena dunque tra i due uomini una lotta feroce, riflesso della violenza crescente di una Francia sconvolta dalla rivoluzione. Tra insurrezioni di popolo, rivolte interne, guerre contro le potenze europee, i maggiori leader politici – Robespierre, Danton, Marat, Saint-Just – cercano disperatamente di arginare il caos ed evitare che la nazione sprofondi nella guerra civile. Tuttavia, nel groviglio avvelenato delle loro esistenze, gli enigmi del passato continuano a ripresentarsi, e pretendono a gran voce di essere risolti. Perché Robespierre continua a sognare un cavaliere templare di nome Jacques? Emerge così un’incredibile “storia altra”, dove nessuno è come appare e dove la verità andrà oltre ogni possibile immaginazione.

Cliccate sul titolo per scaricare un estratto

Post più popolari

AVVISO AI NAVIGANTI

I commenti sono benvenuti e si può scegliere la modalità Anonimo se non si possiede un account. Raccomando però di firmarsi sempre con nome o nickname, in caso contrario saranno rimossi. Grazie a tutti per la comprensione.

POLITICA DEI COOKIE

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione, significa che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli leggi la seguente pagina informativa.
Dal 25 maggio 2018 è entrata in vigore la normativa europea sulla privacy che impone ai visitatori di essere avvisati, tramite una specifica notifica, dell'uso di determinati cookie di Blogger e Google. Per maggiori dettagli sull'aggiunta leggi anche la seguente pagina informativa di Google.