Print Friendly, PDF & Email
Pensavate che fosse finita con il red carpet per il Liebster Award 2016, eh?
Scommetto di sì. E pure io a dire la verità! Invece i simpaticissimi amministratori del blog La nostra libreria, cioè Glò, Michele e PiGreco mi hanno assegnato la quinta nomination! E quindi ritorna in campo il cagnone Muttley che si precipita come un forsennato ad acchiappare la nuova medaglia:

Naturalmente ringrazio Glò, Michele e PiGreco per la nomination, ottemperando al primo punto del regolamento. Ho deciso però di infrangere alcune consuetudini e non nominerò a mia volta altri blogger, altrimenti diventa un circolo vizioso: io non ho nuovi blog da proporre e più o meno ci siamo medagliati e presentati tutti quanti! 

Inoltre non racconterò altre undici cose di me, avendolo già fatto all’inizio. Però rispondo molto volentieri alle loro domande nella speranza che valga lo stesso. 
Ecco qua:
1. Cosa vorresti simpaticamente “rubare” a la nostra Libreria?

Il lavoro di squadra. Mi piacerebbe avere almeno una socia blogger (o un socio al maschile, ma in questo caso le selezioni sarebbero molto severe, passate voce per Matthew McConaughey o Chris Hemsworth…) per dividerci i compiti e magari aprire nuovi filoni d’indagine.
Credo nel lavoro di squadra!
Ma quale di loro sarà Glò? E quali sono Michele e PiGreco? E Fabry “il disperso”? 

2. Una curiosità che non hai mai osato chiedere a 1 blogger a scelta? (ovviamente vogliamo sapere il nome in questione!)

In realtà è una domanda che vorrei fare un po’ a tutti quanti: “Credi nelle vite passate? Se sì, perché? Se no, perché?” quindi se i miei commentatori vogliono rispondere qui sotto, saranno tutti i benvenuti. Siccome devo scegliere un blogger, la rivolgo nello specifico a Marco Lazzara.

3. Una citazione per te significativa tratta da un libro?

Che scelta difficile! Ho in mente tante citazioni e aforismi, ma non legati a un libro specifico. Allora vado sul sicuro, anzi sul sicurissimo:

Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici. 

(dal Vangelo di Giovanni, capitolo 15, versetto 13)

4. Consigli per gli acquisti: qual è un buon rapporto XXX/prezzo quando fai compere libresche? (specificare l’XXX :P)


Quando succede di aver speso male i miei soldi
mi sento come zio Paperone…
Posto che XXX è un romanzo, pretendo che il numero delle pagine e la densità del testo valgano i soldi che spendo, e non m’interessa un fico secco se lo ha scritto Virginia Woolf rediviva.

La maggior parte degli editori compie delle vere e proprie truffe. Mi sembra di aver comprato un grosso romanzo, apro il libro e trovo interlinea 2, corpo 14, molti occhielli, pagine semivuote e copertina cartonata che pesa di più di quella in brossura. E ho speso 15 euro dei miei sudati guadagni. Avete presente quanto impiega un editor di scolastica (che poi sarei io) a guadagnare 15 euro?



5. Parliamo dei generi come categorie convenzionali attribuite ai libri: sono un aiuto o una limitazione?

Secondo me sono un aiuto all’inizio, a patto di non fossilizzarsi per pigrizia sulle categorie. I libri immortali comunque non hanno bisogno di etichette, sono come dei grandi felini chiusi in una gabbia stretta. Non è possibile classificare libri come Il processo di Kafka o Alla ricerca del tempo perduto di Proust.

Capitan Harlock è un eroe romantico
degno di un romanzo di Salgari.

6. Animazione: perché viene molto spesso considerata adatta ad un pubblico molto giovane?

Perché gli adulti capiscono meno dei bambini e non si rendono conto che questi attori disegnati sono creature perfette e prive delle paranoie degli esseri umani in carne ed ossa, compresi i loro autori. Il cartone animato è puro per definizione: i demoni sono demoni e fanno bene il loro lavoro, l’eroe incaricato di combatterli lo stesso ecc.


7. Sulla “solita” isola deserta: 1 libro, 1 disco, 1 cibo e 1 sogno da realizzare a cui non rinunceresti?

Dopo lunga esitazione, ho deciso di mettere in valigia:
– 1 libro: Possessione di Antonia Byatt in cui sono coinvolti vari generi letterari
– 1 disco: Happy di Pharrell Williams se si intende una sola canzone; The Best of Franco Battiato se è un disco completo (così nel cofanetto ne ho due!)
– 1 cibo: la pizza! (yummy…)
– 1 sogno da realizzare: i miei sogni sono modesti ma attuabili. Ne ho tre in particolare. Il primo di questi è assistere allo spettacolo dell’aurora boreale. Ah, dimenticavo:  possibilmente in compagnia di Father Christmas seduto accanto a me sull’isola e potrebbe essere Matthew McConaughey travestito, ma questo appartiene già alle cronache dell’impossibile. Passate comunque sempre la voce, per favore: non si sa mai.

Se volete sapere quali sono gli altri due, chiedete e vi sarà risposto.

All’ennesimo banner sto per afferrare il pc
e lanciarlo dalla finestra.
8. Cosa ti fa venire voglia di lanciare fuori dalla finestra il pc mentre stai navigando?

Quando si aprono i banner pubblicitari e non riesco a capire subito come chiuderli. Per quello non ho messo pubblicità sul mio blog: fa venire l’orticaria a me che dovrei recuperare i 15 euro spesi inutilmente al punto 4., figuriamoci al mio prossimo (che magari è stato più furbo negli acquisti).
9. “Dura lex sed lex”: che cosa ne pensi? Quale valore potrebbe avere la massima di Socrate oggi?

Si tratta di una massima ancora attuale, anche se andrebbe applicata con un minimo di duttilità e valutando caso per caso. Comunque spero che, con il passare dei secoli, tutto venga interiorizzato dall’uomo senza più necessità di avere tante leggi e codicilli.

10. Quale superpotere vorresti avere?

Viaggiare nel tempo.


11. Cosa vorresti ci fosse scritto sul tuo epitaffio?

Fu come polline nel vento della Storia.