Print Friendly, PDF & Email

Qualche tempo fa pubblicai un post un po’ particolare sui titoli di romanzi o libri, sulle emozioni che mi evocavano e su alcuni quadri che avevo abbinato. Qualora desideriate recuperarlo o rileggerlo, lo trovate qui.

Siccome l’iniziativa aveva avuto un ottimo riscontro, e alcuni di voi si erano cimentati volentieri, ho pensato di darvi seguito facendo la stessa cosa con i titoli dei film. Ero partita dall’idea di scrivere una nuova trama in 120 caratteri, abbinando una fotografia, ma mi sono incagliata quasi subito per i seguenti motivi:

non sono riuscita a distaccarmi del tutto dal tema del film per elaborare una nuova trama. Probabilmente, sarebbe stato diverso se non lo avessi visto.
– mi sono resa conto che l’abbinamento con una fotografia, preferibile in quanto si tratta di film, avrebbe comportato un lavoro improbo, perché avrei dovuto cercare scatti di grandi fotografi e non immagini banali. Inoltre ho sempre qualche dubbio sull’opportunità di usare materiale coperto da diritti d’autore… più che mai dopo l’approvazione della legge sul diritto d’autore sul web (devo ancora capire che cosa comporta).  
Sono quindi ritornata sui miei passi con la formula di titolo + poesia + quadro.
Alcune considerazioni prima di partire con i miei magnifici dieci:

1. In generale ho notato che i titoli dei film italiani sono molto più suggestivi. Alcuni di loro sono tratti da libri, che peraltro non ho letto. Dovendo mantenere molto spesso i titoli in inglese nei film, a beneficio del pubblico, la sonorità perde inevitabilmente in fascino, almeno per me. Inoltre molti titoli di film anglosassoni sono relativi al genere poliziesco, thriller o giallo, e trovo che si assomiglino un po’ tutti.

2. Dopo ogni esperimento, troverete il link al film con la vera trama. Sono tutti film molto belli e meritevoli della vostra visione.

E ora si va ad incominciare!

BIANCA COME IL LATTE, ROSSA COME IL SANGUE

Io t’amo perché sei bella.

Sul tuo viso l’impronta,
diafana, di biacca e madreperla.
Sei perfetta come il colore
di cui porti il nome: Bianca.

Le tue labbra s’aprono al bacio
della vita, color vermiglio.

Amore mio, che guardi dal ritratto
che ti feci quando fosti mia.

Io, il tuo pittore, immortalai la vita
che fuggiva poco a poco,
goccia a goccia, passo dopo passo,
come il tempo che fugge e tutti ci abbandona.

***

Opera: Ritratto di donna con cravatta nera di Amedeo Modigliani (1917)
Film: Bianca come il latte, rossa come il sangue di Giacomo Campiotti (2013)

MARE DENTRO





Acqua infinita
Racchiusa dentro me,
spesso calma e serena
a volte tempestosa o triste.

Nessuno potrà rubare
Il mare che mi porto dentro.
Nessuno potrà scrutare
I segreti del mare, i suoi tesori.
Nessuno potrà scendere
Negli abissi senza fondo

Dove i mostri abitano i secoli.
Strane, orride creature
Di un mondo prodigioso e rovesciato.

***

Opera: Scena sulla spiaggia con fanciulla e cane di Alexander Averin (1809-10)

Film: Mare dentro di Alejandro Amenábar (2004)

STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI

Sono avida di libri, non mi bastano mai.

Ne vorrei possedere a mucchi, 

e leggerli in un battito di ciglia
per passare al successivo,
divorarli come divoro il pane.

Un libro, un’avventura, un’esistenza.
Vivo molte esistenze,
avanti e indietro
nel tempo e nello spazio.

Compio viaggi senza fine,
in luoghi reali o in quelli
che non esistono.
Conosco genti strane, personaggi
Di cui scruto i pensieri.

Sono miei tutti i libri del mondo.

***

Opera: La Maddalena penitente di Georges de la Tour (1630-35)
Film: Storia di una ladra di libri di Brian Percival (2013)
UN SAPORE DI RUGGINE E OSSA
Sfasciacarrozze con automobili 
contorte di lamiere
porte sfondate
gomme ed esistenze sgonfie.
Ruggine.

Il cimitero delle auto
e quello del cuore.
In questa discarica dell’anima
uno scheletro calcinato finisce
di consumarsi al sole.

Ruggine e ossa
si tengono compagnia.

***

Opera: No. 20 di Jackson Pollock (1948)

Film: Un sapore di ruggine e ossa di Jacques Audiard (2012)

LA CADUTA DEGLI DEI




Un tempo si ergevano uomini
che si fecero uguali a dei.
Nella loro superbia
s’inerpicarono sulle nuvole
ponendo il loro piede
sul collo delle vittime
onde raggiungere meglio il cielo.

Avevano i raggi del sole come lance
nuvole di tempesta come cuscini.
Il mondo fu scosso da un tremito
quando caddero rovinosamente
nei larghi crepacci apertisi nella terra.

L’Inferno li inghiottì senza un lamento.

***

Opera: Sala dei Giganti a Palazzo Te, affresco di Giulio Romano (1532-35)

Film: La caduta degli dei di Luchino Visconti (1969)

IL GIARDINO DELLE VERGINI SUICIDE

Frammiste ad arbusti, alberi e cespugli,

originate dal canto degli uccelli,
dal calore della terra.

Voi siete le vergini del sole,
destinate a scomparire nel suo abbraccio,
nel suo geloso possesso.

Mai mano d’uomo toccherà i vostri capelli,
mai abbraccio mortale accarezzerà le vostre membra,
o violerà il vostro grembo intatto.

Voi bastate a voi stesse,
l’una per l’altra, componendo un cerchio
senza inizio né fine che gira sulla terra.

***


Opera: A spray of goldenrod di Charles Courtney Curran (1916)
Film: Il giardino delle vergini suicide di Sofia Coppola (1999)



L’UOMO SENZA SONNO

Mi interrogo sul senso delle cose,

uomo senza sonno,
cercando affannosamente
di tirare ogni capo del filo nel telaio,
di riordinare le asimmetrie dell’universo,
di trovare la formula alchemica perfetta.

Le tenebre mi sono compagne,
notte dopo notte, segmenti di tempo
che saettano attraverso le imposte.

I lampioni della strada sorvegliano
il mio mancato sonno
fino a quando un’alba sfinita
non rischiarerà i miei occhi,
ormai perennemente aperti.

***

Opera: Autoritratto con dita aperte – Autoritratto con vaso nero di Egon Schiele (1911)
Film: L’uomo senza sonno di Brad Anderson (2004)



LE REGOLE DEL CAOS

La vita è un lungo terremoto,
fatto di piccole, giornaliere scosse,
o di altre più grandi e devastanti.

Eppure dietro l’incomprensione
sta l’intuizione che ogni cosa
è armonia perfetta
che regole e caos
sono fatti per stare insieme.

Nelle equazioni matematiche,
formule di fisica,
geometrie euclidee
nel grande movimento dei pianeti.

***

Opera: Mercurio passa davanti al sole di Giacomo Balla (1914)
Film: Le regole del caos di Alan Rickman (2014)

LA DOLCE ALA DELLA GIOVINEZZA

Nostalgia di un tempo
dove la fiamma della vita
arde alta,
dove tutto sembra
pronto per esser colto
dove l’amore è a un tempo
dolore e calore, ardente.

Ma nulla è ciò che sembra.

E anche il frutto saporito
della giovinezza
nasconde il boccone amaro
il veleno dell’inganno.

***

Opera: Sulla città di Marc Chagall (1918)
Film: La dolce ala della giovinezza di Richard Brooks (1962)

LA STELLA CHE NON C’È

Sogno il cielo azzurro
io, navigante sopra acque nere.

La notte sopra il mio capo
a scrutare le stelle del mistero.

Cerco una stella che esiste
soltanto nella mia fantasia.

Colei che sola può indicarmi
la strada, in un viaggio.

Dove è lei stessa la mia meta.

***

Opera: Sogno dentro un sogno di Joan Mirò – serie “Costellazione Amorosa” (1939-41)
Film: La stella che non c’è di Gianni Amelio (2006)

***

Fonti immagini: Wikipedia