Print Friendly, PDF & Email

 

Primavera 1938

Oggi, domenica di Pasqua, presto,
un’improvvisa tempesta di neve si è abbattuta sull’isola.
Tra le siepi verdeggianti c’era neve.
Il mio giovane figlio mi ha portato
verso un piccolo albicocco presso il muro di casa
strappandomi ad un verso in cui puntavo il dito
contro coloro che stanno preparando una guerra
che può distruggere il continente, quest’isola, il mio popolo,
la mia famiglia e me stesso. In silenzio
abbiamo steso un sacco
sopra l’albero tremante di freddo.

Bertolt Brecht, trad. Luigia Oberrauch Madella

Frühling 1938

Heute, Ostersonntag früh
ging ein plötzlicher Schneesturm über die Insel.‎
Zwischen den grünenden Hecken lag Schnee.
Mein junger Sohn holte mich
zu einem Aprikosenbäumchen an der Hausmauer
von einem Vers weg, in dem ich auf diejenigen mit dem Finger deutete‎
die einen Krieg vorbereiteten, der
den Kontinent, diese Insel, mein Volk, meine Familie und mich
vertilgen mag. Schweigend‎
legten wir einen Sack
über den frierenden Baum.

Bertolt Brecht

 

 

Bertolt Brecht (Augusta, 10 febbraio 1898 – Berlino Est, 14 agosto 1956) è stato un drammaturgo,

poeta, regista teatrale e saggista tedesco. Fu il fondatore del teatro epico. Le sue opere più conosciute sono L’opera da tre soldi e Madre Coraggio e i suoi figli.

Il 28 febbraio 1933, giorno successivo al rogo del Reichstag, Brecht, insieme con la moglie, il figlio Stefan e alcuni amici, abbandonò Berlino. Egli al momento dell’avvento al potere di Hitler si trovava ricoverato all’ospedale e, senza neanche passare da casa sua, fece le valigie e fuggì prima a Praga e successivamente a Vienna, Zurigo, e Parigi.
Bertolt Brecht si trovava in esilio in Danimarca, più precisamente nell’isola di Fionia (nel paesino di Svendborg) quando compose Primavera 1938. Il titolo si riferisce all’unificazione dell’Austria all’Impero del III Reich (o Anschluss) avvenuta il 12 Marzo dello stesso anno.
***
Allora come ora, la Storia si ripete con la precisione di un orologio. A noi non resta, come fece Brecht, che proteggere il nostro personale albicocco dalla tempesta di neve di questi tempi difficili. Auguri a tutti voi di una Serena Pasqua di Resurrezione.
Cristina M. Cavaliere
***
Foto iniziale: Pixabay
Foto Brecht: Wikipedia